Crypsirina temia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gazza arboricola dalla coda a racchetta nera
Crypsirina temia.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Passeriformes
Famiglia Corvidae
Genere Crypsirina
Specie C. temia
Nomenclatura binomiale
Crypsirina temia
(Daudin, 1800)

La gazza arboricola dalla coda a racchetta nera (Crypsirina temia) è una gazza arboricola asiatica appartenente alla famiglia dei Corvidi.[1]

Ha la fronte ricoperta di corte piume vaporose di color nero velluto, ma il resto del corpo è di color verde oliva, nonostante in penombra appaia nero. Le penne della coda di questa specie sono lunghe e allargate all'estremità; sono nere, ma hanno riflessi verdastri, così come le ali. L'iride è azzurro-turchese, ma questo colore si fa più scuro nei pressi della pupilla, diventando grigio scuro o perfino nero. Il becco, le zampe e i piedi sono neri.

Questo uccello vive in Birmania (Myanmar) meridionale, Thailandia, Indocina, Sumatra, Giava e Bali, tra gli arbusti e nelle foreste secondarie, nei campi aperti e nei giardini, nei boschetti di bambù e nelle foreste aperte, spesso in prossimità dei villaggi.

Si nutre quasi sempre sugli alberi (come indica il nome) e mai sul suolo, dove scende solo ogni tanto per fare toeletta. Si sposta tra gli alberi con grande agilità ed usa la caratteristica coda come bilanciere. Si nutre soprattutto di insetti e frutta.

Il nido, a forma di coppa, viene edificato tra i bambù o tra gli arbusti, soprattutto su quelli spinosi, spesso circondati da aree erbose aperte; generalmente vengono deposte 2-4 uova.

La sua voce viene solitamente descritta come penetrante e sgradevole. Ne sono stati descritti vari richiami, ma quello più frequente è un lungo richiamo lamentoso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Corvidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli