Crotalus horridus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Crotalus horridus
Crotalus horridus CDC.png
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Famiglia Viperidae
Sottofamiglia Crotalinae
Genere Crotalus
Specie C. horridus
Nomenclatura binomiale
Crotalus horridus
Linnaeus, 1758

Crotalus horridus Linnaeus, 1758 è un serpente velenoso della famiglia Viperidae, diffuso nella parte orientale del Nord America, dall'Ontario (Canada) fino al Nebraska e al Texas (Stati Uniti).[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È tipicamente color giallo-marrone, più chiaro al di sotto, con strie nere. La fine della coda si scurisce sino a diventare tutta nera.

Veleno[modifica | modifica sorgente]

Il veleno del C. horridus è ad azione principalmente emotossica, causando tumefazione, danno tissutale, e necrosi, ma gli scienziati hanno isolato esemplari che hanno una significativa componente neurotossica nel veleno, che colpisce il sistema nervoso e circolatorio. Come altre vipere, sono capaci di fare quello che è chiamato un «morso asciutto», col quale il veleno non è iniettato; però ogni morso di serpente velenoso dovrebbe esser considerato serio, perché gli effetti del veleno possono non essere subito avvertiti. Nel 1993, l'erpetologo Mark O'Shea fu morso da un C. horridus e quasi morì.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Hammerson, G.A. 2007, Crotalus horridus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Crotalus horridus in The Reptile Database. URL consultato il 28 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili