Crossfaith

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crossfaith
Il cantante Kenta Koie in concerto con la band nel 2013 in Belgio
Il cantante Kenta Koie in concerto con la band nel 2013 in Belgio
Paese d'origine Giappone Giappone
Genere Metalcore[1]
Electronicore[1][2]
Industrial metal[1][3]
Periodo di attività 2007 – in attività
Etichetta Zestone Records Giappone
(2009-2012)
Tragic Hero Records Stati Uniti
(2011-2012)
Search and Destroy Europa
(2013-presente)
Smaller Recordings Giappone
(2013-presente)
Album pubblicati 3
Studio 3

I Crossfaith (クロスフェイス Crossfaith?) sono un gruppo musicale giapponese metalcore formatosi a Osaka nel 2006[1].

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente Koie Kenta, Takemura Kazuki e Tamano Terufumi erano in una cover band che reinterpretava brani dei Linkin Park e dei Limp Bizkit[2]. Quando il gruppo si sciolse, i tre decisero di formare insieme un nuovo gruppo nu metal, e Kenta diede inizio a delle audizioni per la scelta di un batterista. La scelta ricadde su Tatsuya Amano, che impressionò la band con una cover di (sic) degli Slipknot[4]. Successivamente entrò nella formazione anche il disc jockey Tamano Terufumi, per permettere al gruppo di unire la loro attitudine metal all'elettronica[4]. Dopo aver realizzato il loro primo EP indipendentemente, i Crossfaith si dedicano a una lunga serie di tour supportando gruppi come Hatebreed, Machine Head, In This Moment, Bleeding Through, The Used, August Burns Red e Memphis May Fire[5]. Pubblicano il loro album di debutto, The Artificial Theory for the Dramatic Beauty, nel 2009 sotto l'etichetta giapponese Zestone Records[6]. Con la stessa pubblicano nel 2012 anche il loro secondo album, The Dream, the Space, che a differenza del precedente viene pubblicato anche negli Stati Uniti tramite la Tragic Hero Records, con cui la band firma nel marzo 2011[5][7]. La band comincia a suonare anche in Europa, supportando prima gli Of Mice and Men e successivamente i While She Sleeps. Nel settembre 2012 pubblicano sia in Giappone che negli Stati Uniti l'EP Zion, che nel febbraio 2013 viene pubblicato anche in Europa dalla Search and Destroy Records[8]. Dopo essersi esibiti in Australia in occasione del Soundwave Festival[9], il gruppo si sposta in Inghilterra per supportare i Bring Me the Horizon ed esibirsi per la prima volta da headliner a Londra e a Stoke-on-Trent, riscuotendo un grande successo di pubblico e di critica[10]. A luglio e ad agosto 2013 i Crossfaith si esibiscono anche negli Stati Uniti durante il Warped Tour e tornano nel Regno Unito per il Reading and Leeds Festival. Il 4 settembre 2013 pubblicano il loro terzo album, intitolato Apocalyze, in Giappone sotto l'etichetta Smaller Recordings (etichetta della Sony Music Japan) e nel resto del mondo dalla The End Records[11], in associazione con la Sony Music e la Search and Destroy[12].

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

Anno Titolo Classifica
Giappone
[13]
US
Hard rock

[14]
US
Heatseekers

[14]
2009 The Artificial Theory for the Dramatic Beauty
  • Data di pubblicazione: 4 settembre 2009
  • Etichetta: Zestone
2011 The Dream, the Space
  • Data di pubblicazione: 20 aprile 2011
  • Etichetta: Zestone, Tragic Hero
67
2013 Apocalyze
  • Data di pubblicazione: 4 settembre 2013
  • Etichetta: Smaller Recordings, The End
19 18 13

EP[modifica | modifica sorgente]

Anno Titolo Classifica
Giappone
[13]
2008 Blueprint of Reconstruction
  • Etichetta: Indipendente
2012 Zion
  • Data di pubblicazione: 20 giugno 2012
  • Etichetta: Zestone, Tragic Hero, Search and Destroy
38

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Timothy Monger, Crossfaith in Allmusic, All Media Network. URL consultato l'11 dicembre 2013.
  2. ^ a b (EN) John Longbottom, Keep the Faith in Kerrang!, vol. 1476, Bauer Media Group, 27 luglio 2013.
  3. ^ (EN) Crossfaith post new video!, Kerrang, 26 novembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2013.
  4. ^ a b (EN) Mörat, Fear and Loathing in Las Vegas: Crossfaith in Metal Hammer, vol. 273, TeamRock.
  5. ^ a b (EN) Tragic Hero Records signs Crossfaith, Lambgoat.com, 16 marzo 2011. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  6. ^ (EN) Botong Li, Crossfaith - The Artificial Theory For The Dramatic Beauty, Rockfreaks.net, 30 giugno 2009. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  7. ^ (JA) Releases, Zestone.jp. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  8. ^ (EN) Crossfaith Finally Announce UK Release Of ‘Zion’ EP, Metal Hammer, 22 gennaio 2013. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  9. ^ (EN) Mike Hohnen, Soundwave 2013 Lineup + Rumours, Musicfeeds.com.au, 3 agosto 2012. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  10. ^ (EN) Timothy Monger, Matthew Clewley gives his verdict on metalcore band Crossfaith, Stokesentinel.co.uk, 6 maggio 2013. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  11. ^ (EN) Crossfaith - Apocalyze, Theendrecords.com. URL consultato il 4 febbraio 2014.
  12. ^ (EN) Crossfaith: New Video Interview, Blabbermouth.net, 6 marzo 2013. URL consultato il 4 febbraio 2014.
  13. ^ a b (JA) Crossfaith, Oricon. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  14. ^ a b (EN) Crossfaith - Chart history, Billboard. URL consultato il 16 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]