Cronache del ghiaccio e del fuoco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Cronache del ghiaccio e del fuoco (A Song of Ice and Fire) è una serie di romanzi fantasy scritti dall'autore statunitense George R. R. Martin. Martin incominciò a scrivere la saga nel 1991, e il primo libro venne pubblicato negli Stati Uniti nel 1996. Concepita inizialmente come una trilogia, la serie ha acquistato spessore durante il corso degli anni, al punto che, secondo lo stesso Martin, per poter portare a conclusione la storia saranno necessari almeno sette volumi. Al momento sono stati pubblicati cinque capitoli, con il sesto The Winds of Winter in corso d'opera.

La storia si svolge in un mondo immaginario composto da due continenti principali, Westeros e Essos, dove la civilizzazione è di tipo feudale e la magia e le creature leggendarie (come i draghi) sono esistite ma si reputa siano scomparse. In questo mondo si intersecano tre linee narrative principali: le lotte intestine tra casate nobiliari per l'ottenimento del trono di Westeros, il risveglio nel nord del reame di una razza di creature appartenti alle leggende, e le peripezie dell'ultima erede della dinastia regnante di Westeros in esilio nel continente orientale per riottenere il trono.

Ogni capitolo è presentato attraverso il punto di vista di uno dei personaggi principali. Essi sono spesso ambigui sul piano morale e gli intrighi politici e i ribaltamenti di fronte sono frequenti. I temi trattati sono più sobri e realistici rispetto al fantasy tradizionale, con la violenza e la sessualità che rivestono un ruolo importante.

Pubblicata inizialmente senza troppo successo, la saga ha in seguito ottenuto una crescente popolarità, vendendo al settembre 2013 più di 24 milioni di copie nel solo Nord America[1] e venendo tradotta in più di 20 lingue[2]. Il quarto e il quinto volume hanno entrambi raggiunto la vetta della classifica dei best seller del New York Times[3], mentre i restanti hanno comunque ricoperto le prime posizioni[4]. Tra le molte opere derivate vi sono alcune novelle spin-off, la serie televisiva Il Trono di Spade (Game of Thrones), fumetti, giochi e videogiochi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mondo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco e Luoghi delle Cronache del ghiaccio e del fuoco.

Le Cronache del ghiaccio e del fuoco sono ambientate in un mondo fittizio che ricorda l'Europa medievale, ma nel quale le stagioni possono durare per anni. Gran parte delle vicende si svolge nei Sette Regni del Continente Occidentale di Westeros, entità feudali governate dalle nobili case Baratheon, Stark, Lannister, Arryn, Tully, Tyrell e Martell. La casata minore dei Greyjoy domina invece le Isole di Ferro. Secoli prima degli eventi raccontati nel primo libro, i Sette Regni furono riuniti sotto la dinastia Targaryen; una rivolta scoppiata in seguito tra i signori feudali, portò all'uccisione dell'ultimo re e alla conquista del trono di spade da parte del capo dei ribelli, Robert Baratheon.

A nord del continente occidentale si erge la Barriera, un imponente muro di ghiaccio che protegge i Sette Regni dai pericoli provenienti dal profondo nord, perlopiù inesplorato, in cui vivono popoli barbari, comunemente detti Bruti, e creature leggendarie. Ad est del continente occidentale, oltre il Mare Stretto, v'è un continente chiamato Essos, dove vivono popolazioni nomadi e fioriscono le città libere. Qui sono da anni stati esiliati gli ultimi membri della casa Targaryen, un tempo al comando dei Sette Regni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel Continente Occidentale di Westeros, in seguito alla misteriosa morte del Primo Cavaliere Jon Arryn, re Robert Baratheon, che aveva conquistato il trono durante la battaglia del Tridente e lo aveva consolidato attraverso il matrimonio con Cersei Lannister, nomina Eddard Stark, signore di Grande Inverno, suo nuovo Primo Cavaliere. Alla morte di Robert, intrighi di corte, tradimenti e desiderio di potere porteranno i Sette Regni dell'Occidente alla guerra per la conquista del trono di spade.

Intanto nel nord di Westeros, presso la Barriera, i pochi e male assortiti Guardiani della notte, tra cui Jon Snow figlio bastardo di Eddard Stark, devono fronteggiare l'imminente arrivo dell'inverno e proteggere il reame dalla minaccia dei Bruti e dalle creature note come Estranei, risvegliatesi dopo secoli di assenza. Nel Continente Orientale di Essos, invece, il crudele Viserys Targaryen cede in sposa la sorella Daenerys al potente guerriero nomade dothraki Khal Drogo per ottenere un esercito col quale riconquistare il trono che è appartenuto alla sua famiglia per quasi 300 anni.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi delle Cronache del ghiaccio e del fuoco.

Considerando i personaggi come il nucleo centrale della storia[5], Martin pensò fin dall'inizio di dare alle Cronache un vasto cast di personaggi e una varietà di ambientazioni[6], riservando grande attenzione nel definire i loro tratti psicologici e sforzandosi di renderli complessi sul piano morale[7]. L'ispirazione gli viene dalla storia, anche se le figure storiche reali non vengono ricalcate direttamente[8], e dalla sua esperienza personale, attingendo da modi di fare di amici e conoscenti, o da personaggi pubblici[9].

Martin ignorò deliberatamente la convenzione di non dare a due personaggi diversi nomi che iniziano con la stessa lettera[10]. I nomi scelti riflettono invece l'antico sistema in uso in varie famiglie europee, dove nomi particolari erano associati a specifiche dinastie e gli stessi nomi ricorrevano all'interno delle stesse famiglie da una generazione all'altra[10]. Sono frequenti dunque i bambini chiamati "Robert", in ossequio a Re Robert della Casa Baratheon; ogni due generazioni della Casa Stark è presente un "Brandon", in onore di Brandon il Costruttore; e la sillaba "ty" è comune nei nomi di battesimo degli esponenti della Casa Lannister[11]. I nomi delle famiglie vennero scelti in base al gruppo etnico di appartenenza: i Primi Uomini nel nord hanno nomi semplici e descrittivi come "Stark" e "Strong", mentre i discendenti degli Andali nel sud hanno nomi più elaborati come "Lannister" o "Arryn"; i Targaryen e gli abitanti del continente di Essos hanno invece nomi più esotici[11].

Martin è molto attaccato ai suoi personaggi, che paragona quasi a dei figli[12], ma allo stesso tempo non esita a mutilare o uccidere alcuni dei suoi personaggi principali, in modo che i lettori non possano contare sul fatto che i buoni riescano a prevalere o che escano indenni dalle loro varie peripezie[13]. I personaggi principali e secondari sono molto numerosi, con alcuni che fanno poco più di una comparsa prima di morire o scomparire per lunghi tratti della storia[14]. Dalle numerose discussioni con i suoi fan e dalle lettere che riceve, Martin ha avuto la sensazione che i personaggi più popolari presso il pubblico sono Tyrion Lannister, Arya Stark, Jon Snow e, in misura minore, Daenerys Targaryen[15]. Egli stesso nutre un affetto particolare per Tyrion, che considera il personaggio più "grigio" moralmente e del quale è più divertente scrivere a causa della sua scaltrezza ed ironia[12]. Di contro, Bran Stark è il personaggio con il quale ha più difficoltà, poiché è il più giovane dei personaggi POV ed il più implicato con il soprannaturale[7].

Creazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Primi tre volumi[modifica | modifica wikitesto]

(EN)
« The first scene...chapter one of the first book, the chapter where they find the direwolf pups...just came to me out of nowhere. I was...at work on a different novel, and suddenly I saw that scene. It didn't belong in the novel I was writing, but it came to me so vividly that I had to sit down and write it, and by the time I did, it led to a second chapter, and the second chapter was the Catelyn chapter where Ned has just come back. »
(IT)
« La prima scena...il capitolo uno del primo libro, il capitolo dove trovano i cuccioli di meta-lupo...mi è balenata da non so dove. Ero...a lavoro su di un altro romanzo, e improvvisamente ho visto quella scena. Non apparteneva al romanzo che stato scrivendo, ma mi è balzata in mente così vivida che ho dovuto sedermi e scriverla di getto, e per quando avevo finito, mi aveva condotto al secondo capitolo, e il secondo capitolo era quello di Catelyn dove Ned aveva appena fatto ritorno. »
(George R. R. Martin nel 2014[16])
L'autore della saga George R. R. Martin nel 2011

Dopo aver scritto diversi romanzi e numerosi racconti brevi, verso la metà degli anni ottanta George R. R. Martin si cimenta nella scrittura di sceneggiature per serie televisive. Qualche anno più tardi, tuttavia, annoiato dalle limitazioni imposte dal budget e dalla durata degli episodi, che lo costringono sovente a tagliare sulla caratterizzazione dei personaggi e accorciare le scene di battaglia[17], Martin ritorna alla letteratura, dove non deve scendere a compromessi e limitare la sua fantasia[8]. Grande ammiratore in anni giovanili dell'opera di J. R. R. Tolkien, desidera scrivere un fantasy epico, senza però avere idee specifiche a riguardo[18]. Nell'estate del 1991 inizia a scrivere un romanzo di fantascienza intitolato Avalon, ma dopo pochi capitoli viene colto da una visione improvvisa: un ragazzo che assiste alla decapitazione di un uomo e trova poi dei cuccioli di meta-lupo nella neve[19]. Lasciando da parte Avalon, Martin scrive in pochi giorni quello che diventerà il primo capitolo de A Game of Thrones e matura la convinzione che farà parte di un racconto più ampio[20]. Dopo aver scritto qualche capitolo supplementare, incomincia ad inquadrare meglio la storia e a tracciare mappe e genealogie[21]. Tuttavia è costretto ad interrompere per due anni la scrittura del suo romanzo, per dedicarsi al progetto della serie televisiva Doorways, ordinato dalla ABC ma mai andato in onda[17].

Martin riprende allora la scrittura di A Game of Thrones e, nel 1994, consegna al suo agente le prime 100 pagine del romanzo[19] come parte di una trilogia i cui capitoli successivi saranno A Dance with Dragons e The Winds of Winter. Ben presto, tuttavia, si rende conto che una trilogia è insufficiente per narrare la storia che ha in mente nella sua interezza e sente che saranno necessari prima quattro e infine sei volumi[17][11], che si immaginava come due trilogie collegate a formare un'unica storia[22]. Attirato dai titoli ambigui, sceglie di intitolare la sua saga A Song of Ice and Fire ("Una canzone di ghiaccio e di fuoco"), adducendo come possibili significati per "ghiaccio" gli Estranei, le creature venute dal freddo, e per "fuoco" i draghi; la parola song era già apparsa nei titoli di alcune sue antologie di racconti, come Canzone per Lya (A Song for Lya) e Canzoni d'ombre e di stelle (Songs of Stars and Shadows), e deriva dalla sua ossessione per le canzoni[9]. Martin ha inoltre citato il poema di Robert Frost Fire and Ice come una possibile influenza per il titolo della serie[23]. Il manoscritto finito e revisionato di A Game of Thrones è lungo 1088 pagine[24] e viene pubblicato nell'agosto 1996 dalla Bantam Books[25]. Robert Jordan, autore de La Ruota del Tempo, scrive un messaggio promozionale per la copertina del volume, per aiutare ad assicurare il successo dell'opera[13]. La novella Blood of the Dragon, che raggruppa i capitoli incentrati su Daenerys, viene pubblicata in anticipo sul romanzo, come operazione pubblicitaria, e ottiene il premio Hugo per il miglior romanzo breve nel 1997[26].

Il manoscritto di A Clash of Kings, il secondo volume della serie, conta 1184 pagine[24], di cui 300 erano già state scritte per A Game of Thrones ma non inserite, dato che Martin aveva deciso di risuddividere la saga. Il libro viene pubblicato nel febbraio 1999 negli Stati Uniti[27] ed è il primo libro delle Cronache ad entrare nella New York Times Best Seller list, il 21 febbraio, posizionandosi al 13º posto[28]. Visto il contemporaneo successo della trilogia di film de Il Signore degli Anelli, Martin riceve delle prime offerte per i diritti delle Cronache del ghiaccio e del fuoco da parte di vari produttori e registi[17]. Continuando senza sosta la scrittura della serie, Martin consegnò il manoscritto del terzo volume, A Storm of Swords, l'anno successivo, con tre mesi di ritardo[8]. L'ultimo capitolo scritto è quello delle "nozze rosse", una scena centrale e particolarmente violenta che si posiziona ai due terzi del romanzo[29]. Il romanzo viene pubblicato negli Stati Uniti dalla Bantam nel novembre 2000 in un unico volume[30], ma la taglia dell'opera, con le sue 1521 pagine di manoscritto, crea delle difficoltà a molti editori esteri, che decidono di dividerla in due, tre o addirittura quattro volumi[24]. A Storm of Swords fa il suo ingresso nella New York Times Best Seller list il 19 novembre al 12º posto[31].

Volumi quattro e cinque[modifica | modifica wikitesto]

Dopo A Game of Thrones, A Clash of Kings e A Storm of Swords, Martin ha in mente di concludere la saga in altri tre romanzi[8]. Il quarto volume, intitolato provvisoriamente A Dance with Dragons, avrebbe raccontato del ritorno di Daenerys a Westeros e dei conflitti da esso causati[22] e sarebbe stato ambientato cinque anni dopo gli eventi de A Storm of Swords, in modo che i personaggi più giovani e i draghi siano cresciuti[32]. Un lungo prologo avrebbe illustrato quello che era successo nel frattempo e sono introdotti tre nuovi punti di vista per narrare eventi incompatibili con i personaggi POV esistenti[33]. Convenendo con il suo editore che il nuovo romanzo sarebbe dovuto essere più breve di A Storm of Swords, Martin si predispone per renderlo più simile in lunghezza ad A Clash of Kings[24]. Nel 2001 è ottimista sul fatto che il volume vedrà le stampe nell'ultimo trimestre del 2002[9]. Tuttavia il salto di cinque anni non sembra funzionare per tutti i personaggi: da un lato Martin non è soddisfatto nel raccontare gli eventi incorsi nel frattempo solo attraverso flashback, dall'altro sarebbe apparso improbabile che non fosse accaduto nulla per tutto questo lasso di tempo[32]. Dopo aver lavorato alla sua idea iniziale per un anno, Martin si rende conto che ha bisogno di scrivere un libro supplementare, portando quindi il computo totale della serie a sette[32]. Decide quindi di abbandonare l'idea del salto temporale e di collocare il nuovo quarto volume, A Feast for Crows, subito dopo gli eventi de A Storm of Swords[9]. Le 250 pagine di prologo già scritte vengono riassemblate come capitoli di nuovi personaggi POV di Dorne e delle Isole di Ferro[33], mentre l'espansione della storia porta alla creazione di nuove linee narrative e rende più complesso l'intreccio[7].

Il manoscritto di A Feast for Crows finisce per superare in lunghezza quello di A Storm of Swords[32], nonostante Martin non abbia ancora iniziato a scrivere le storie di tutti i personaggi[34]. Egli è tuttavia riluttante ad effettuare i tagli necessari a portare il libro ad una lunghezza accettabile per la pubblicazione, perché ciò avrebbe compromesso la storia che aveva in mente[24], e non approva neanche la proposta del suo editore di dividere il romanzo cronologicamente in due volumi: A Feast for Crows parte uno e parte due[3]. Dal momento che i personaggi principali della saga sono sparsi per il mondo, un amico gli suggerisce di dividere geograficamente la storia in due volumi[3] e Martin adotta questo approccio, che gli dà modo di completare gli archi narrativi dei singoli personaggi così come li aveva pensati in origine; sposta quindi al quinto volume, A Dance with Dragons, le storie ambientate nel nord di Westeros e nel continente orientale[10], appena abbozzate, e dedica A Feast for Crows al racconto degli eventi dei Sette Regni[24]. Entrambi i romanzi iniziano immediatamente dopo la fine di A Storm of Swords[6] e si svolgono in parallelo, mentre le sovrapposizioni sono minime, limitate dal fatto che i personaggi impicati sono diversi[24].

Pubblicato negli Stati Uniti nel novembre 2005[35], A Feast for Crows debutta immediatamente al primo posto nella New York Times Best Seller list[36], ma, nonostante il successo commerciale, numerosi fan e critici sono delusi dalla divisione della storia che lascia in sospeso il destino di alcuni dei personaggi più popolari della saga[37][38]. Martin tranquillizza i suoi lettori annunciando che A Dance with Dragons è per metà completato[37] e nella postfazione di A Feast for Crows menziona che il volume sarebbe uscito l'anno seguente[39], ma negli anni successivi la data di pubblicazione viene ripetutamente rimandata[37]. I motivi di questo ritardo sono attribuiti principalmente ad alcune difficoltà nel far convergere le trame dei singoli personaggi[38] e nell'aver speso troppo tempo a riscrivere e perfezionare la storia, mentre vengono smentite le voci di alcuni critici, secondo i quali il differimento è dovuto ad un calo di interesse di Martin nei confronti della sua opera o ad una speculazione commerciale[37]. Nel frattempo, nel 2007, la HBO acquista i diritti per adattare la saga in una serie televisiva[40] e trasmette la prima stagione di 10 episodi nell'aprile 2011[41]. Il manoscritto di A Dance with Dragons, lungo circa 1600 pagine, viene finalmente concluso agli inizi del 2011[34], dopo sei anni di lavoro, e pubblicato nel giugno dello stesso anno[17], debuttando al primo posto della New York Times Best Seller list[42]. La storia si spinge più in là di quella di A Feast for Crows, ma in misura minore di quanto Martin aveva inizialmente pianificato, costringendolo ad omettere almeno una grande battaglia e a lasciare in sospeso molte linee narrative con dei cliffhanger[18].

Volumi sei e sette[modifica | modifica wikitesto]

Il sesto volume della serie sarà intitolato The Winds of Winter e comprenderà, tra l'altro, quattro capitoli scritti in origine per A Dance with Dragons[43] a cui si aggiungono un centinaio di pagine già scritte al momento della pubblicazione del romanzo precedente[44]. The Winds of Winter risolverà rapidamente i cliffhanger con cui erano rimaste in sospeso le storie di vari personaggi e «aprirà con le due grandi battaglie verso cui [il quinto libro] stava procedendo»[45]. A ottobre 2012 Martin ha già prodotto circa quattrocento pagine di romanzo[23] e spera di concluderne la scrittura in tempi decisamente più rapidi di A Dance with Dragons[37]. Ha indicato infatti tre anni come una stima realistica per finire il libro[34], astenendosi comunque dal fare previsioni precise visto che quelle dei volumi precedenti si sono rivelate troppo ottimistiche[18].

Il titolo annunciato per il settimo volume è A Dream of Spring[46]. Martin conta di concludere la sua saga con questo romanzo ma lascia la porta aperta a un eventuale ottavo volume se si dovesse rendere necessario[6], possibilità paventata nel 2014 anche dalla sua editrice Anne Groell[47]. Ha già delineato a grandi linee il finale della serie e il destino dei personaggi principali[18], accennando che la conclusione sarà dolce amara piuttosto che lieta[7]. In risposta alle insinuazioni sull'eventualità della sua morte prima della conclusione della saga, Martin ha annunciato che non permetterà ad un altro autore di finire la storia al suo posto[37], ma ha rivelato ai produttori della serie televisiva la conclusione che ha in mente per la storia in caso di suo decesso[18].

Considerando le Cronache del ghiaccio e del fuoco come il suo opus magnum, Martin ha dichiarato che se in futuro dovesse ritornare a scrivere nell'universo narrativo della saga sarebbe solo nell'ambito di singoli racconti e romanzi spin-off, invece che continuare direttamente la serie[33][48].

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione originale[N 1] Edizioni italiane
# Titolo Pag. Cap. Data di uscita # Prima edizione Edizione Urania[N 2] Edizione Oscar[N 3] Edizione deluxe
1 A Game of Thrones 694 73 1º agosto 1996 1 Il Trono di Spade, 1999 Il gioco del trono, 2007 Il Trono di Spade 1. Il Trono di Spade, Il Grande Inverno.: Libro primo delle cronache del Ghiaccio e del Fuoco, 2011 Il trono di spade. Ediz. speciale 1, 2012
2 Il grande inverno, 2000
2 A Clash of Kings 902 70 2 febbraio 1999 3 Il regno dei lupi, 2001 Lo scontro dei re, 2008 Il Trono di Spade 2. Il Regno dei Lupi, La Regina dei Draghi.: Libro secondo delle cronache del Ghiaccio e del Fuoco, 2012 Il trono di spade. Ediz. speciale 2, 2013
4 La regina dei draghi, 2001
3 A Storm of Swords 973 82 31 ottobre 2000 5 Tempesta di spade, 2002 Tempesta di spade - Parte prima, 2009
Tempesta di spade - Parte seconda, 2009
Il Trono di Spade 3. Tempesta di Spade, Fiumi della Guerra, Il Portale delle Tenebre.: Libro terzo delle cronache del Ghiaccio e del Fuoco, 2013 Il trono di spade. Ediz. speciale 3, 2013
6 I fiumi della guerra, 2002
7 Il portale delle tenebre, 2003
4 A Feast for Crows 753 46 8 novembre 2005 8 Il dominio della regina, 2006 Il banchetto dei corvi, 2010 Il Trono di Spade 4. Il dominio della regina, L'ombra della profezia: Libro quarto delle cronache del Ghiaccio e del Fuoco, 2014 -
9 L'ombra della profezia, 2007
5 A Dance with Dragons 1040 72 12 luglio 2011 10 I guerrieri del ghiaccio, 2011 - - -
11 I fuochi di Valyria, 2012
12 La danza dei draghi, 2012
6 The Winds of Winter - - - - - - - -
7 A Dream of Spring[46] - - - - - - - -

Edizioni italiane e traduzione[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione in lingua italiana dell'opera è curata dalla Mondadori. La casa editrice ha deciso di spezzare i volumi originali, suddividendo ogni romanzo in due o tre tomi e introducendo dei titoli non legati ai titoli originali per la maggior parte di essi. Conseguentemente la corrispondenza con il materiale originale non risulta sempre immediatamente evidente. A Game of Thrones (lett. "Un gioco di troni") è stato pubblicato come Il Trono di Spade e Il grande inverno. A Clash of Kings (lett. "Uno scontro tra re") è diventato Il regno dei lupi e La regina dei draghi. A Storm of Swords (lett. "Una tempesta di spade") è stato suddiviso in Tempesta di spade, I fiumi della guerra e Il portale delle tenebre. A Feast for Crows (lett. "Un banchetto per i corvi") ha generato Il dominio della regina e L'ombra della profezia. A Dance with Dragons (lett. "Una danza con i draghi") è stato pubblicato come I guerrieri del ghiaccio, I fuochi di Valyria e La danza dei draghi[49].

In un secondo momento la Mondadori ha curato altre edizioni nello stesso formato originale. La prima, all'interno della collana Urania - Le grandi saghe fantasy, è stata pubblicata dal 2007 e presenta una traduzione letterale dei titoli inglesi; la pubblicazione si è interrotta nel 2010 dopo il quarto romanzo[50]. Dal 2011 è in vendita l'edizione Oscar grandi best seller, che ha sfruttato l'uscita della serie tv riecheggiandola nel titolo e nelle copertine; al momento ha adattato i primi quattro volumi. L'edizione deluxe è uscita nel 2012 e copre attualmente i primi tre romanzi[51].

La traduzione è stata affidata a Sergio Altieri, il quale, nel lavoro sul quarto libro originale, è stato affiancato da Michela Benuzzi. La traduzione è stata criticata a causa di scelte di adattamento discutibili, come l'aggiunta o la rimozione di periodi o parole e la traduzione dei nomi di gran parte delle località mentre alcune sono state lasciate in originale. Sono presenti inoltre alcuni errori che minano la comprensione dei libri, come personaggi lasciati volutamente ambigui nell'edizione originale che sono stati identificati nella traduzione italiana e familiari scambiati[52]. Tra le scelte più contestate quella di far diventare il palco del cervo che ha ucciso la madre dei meta-lupi nella scena di apertura del primo libro, il rostro di un unicorno, perdendo l'allusione al fatto che la casa Baratheon (il cui simbolo è il cervo) porterà sventura alla casa Stark (il cui simbolo è il meta-lupo). Molto discussa anche la traduzione di Hand of the King, che diventa Primo Cavaliere in italiano, perdendo i riferimenti a una serie di battute che coinvolgono il suo ruolo da "mano del re" e rendendo difficile capire perché la sua spilla distintiva è in foggia di una mano[52]. La Mondadori ha revisionato alcuni errori (come quello dell'unicorno) mano mano che venivano segnalati, per cui le ultime ristampe sono state parzialmente corrette[53].

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Le Cronache del ghiaccio e del fuoco è strutturata in modo tale da apparire come una storia politica piuttosto che di eroismo, dove la lotta per il potere è il risultato del sistema feudale e non di una contrapposizione netta tra bene e male[54]. Martin non desidera solamente riflettere le frizioni tra le differenti classi sociali medievali, ma anche esplorare le conseguenza delle decisioni dei regnanti, convinto che la bontà non renda automaticamente dei capi competenti e vice versa[55]. Egli evita deliberatamente la semplificazione bene-male tipica del fantasy tradizionale, troppo distante dalla realtà[22], e si impegna affinché i suoi personaggi non siano totalmente bianchi o neri ma di diverse sfumature di grigio[56]. I suoi personaggi sono continuamente posti di fronte a scelte difficili tra valori come l'amore, la compassione, l'onore e il dovere e non sempre chi fa le scelte più nobili ne esce indenne, ma ne paga con la vita[57]. Tramite alcuni personaggi Martin esplora i temi della redenzione e della capacità di rimettersi in discussione e di cambiare[19]. La struttura stessa del romanzo fa inoltre sì che anche i cattivi dichiarati abbiano la possibilità di presentare il loro punto di vista e di giustificare i loro comportamenti[58], così che il lettore è lasciato libero di decidere per sé chi siano i buoni e chi i cattivi in base alle conseguenze delle loro azioni[33][32].

Martin sente la necessità di trascrivere nel suo universo immaginario la realtà del mondo che lo circonda, dove anche persone care possono morire in maniera atroce. La violenza, così come la morte o la mutilazione di alcuni dei personaggi principali, servono ad accrescere il senso di realismo, trovando particolarmente frustrante che i personaggi principali di molti romanzi fantasy attraversino la storia senza essere mai neanche feriti[7]. Inoltre la morte di creature soprannaturali o fantastiche non ha un particolare impatto sui lettori, al contrario del decesso di una persona cara[59]. Prendendo ad esempio l'episodio delle "nozze rosse", particolarmente doloroso per molti lettori, Martin ha spiegato che la scena «è stata dolorosa da scrivere e dovrà quindi essere dolorosa da leggere, è una scena che dovrà lacerarvi il cuore e riempirvi di terrore e di dolore»[13]. La guerra è presentata nei suoi aspetti più macabri[59] e i romanzi riflettono i tassi di mortalità effettivamente documentati in conflitti medievali[12].

Sebbene l'aspetto sessuale sia spesso trascurato o presentato in modo naif nel fantasy[60], Martin ritiene la sessualità una forza motrice importante nella vita umana che non dovrebbe essere esclusa dalla narrazione[56]. L'assenza del concetto di adolescenza nel medioevo gli è servito da modello per presentare l'attività sessuale di personaggi molto giovani (a partire dai tredici anni)[61]. I romanzi alludono anche all'incesto all'interno di certe casate nobiliari, tale a come era praticato in alcune dinastie dell'antico Egitto o in certe nobili famiglie europee per preservare la "purezza" della loro linea[62]. Martin si sforza di rendere i personaggi femminili credibili quanto quelli maschili e, senza schierarsi a favore o contro il femminismo, si dichiara soddisfatto del numero delle sue lettrici e del fatto che apprezzino almeno alcuni dei personaggi femminili che ha creato[59].

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Genere ed influenze[modifica | modifica wikitesto]

Il vallo di Adriano ha inspirato Martin nella creazione di un muro ghiacciato a protezione dei Sette Regni dalle invasioni da nord.

Martin ha classificato la sua saga come "epic fantasy"[34]. Tra gli autori che hanno maggiormente influenzato la sua scrittura cita J. R. R. Tolkien e Tad Williams[12][63]. Egli ha inoltre dichiarato a più riprese che I re maledetti di Maurice Druon ha costituito una delle fonti di ispirazione principali per A Game of Thrones[64]. Prima di iniziare la sua opera, Martin osservò che molti autori fantasy che si ispiravano a Tolkien scrivevano di un "medioevo in stile Disneyland", senza cogliere la reale brutalità di quell'epoca storica[55]. Il romanzo storico, al contrario, gli appariva molto più realistico e sfumato[55] e ne apprezzava le possibilità drammatiche date dal contrasto tra concetti come la cavalleria e gli orrori della guerra, o gli immensi castelli che si elevano al di sopra di misere baracche[22]. Tuttavia il punto debole di un romanzo storico sarebbe stato che i lettori più attenti avrebbero conosciuto in anticipo l'esito della vicenda[12], mentre un mondo e dei personaggi inventati avrebbero potuto attirare più simpatia e accrescere la suspense[60]. Martin ha quindi combinato il realismo del romanzo storico con il lato soprannaturale del fantasy[55], riducendo al contempo l'importanza della magia a favore delle battaglie e degli intrighi politici[8]. Decise inoltre di evitare la convenzionale dicotomia bene-male tipica del genere, citando la battaglia tra Achille ed Ettore nell'Iliade, dove nessuno dei due emerge come eroe o cattivo, come un esempio di quello che desidera raggiungere con la sua opera[23].

Westeros, il continente nel quale si svolge la maggior parte della storia, ricorda essenzialmente l'Inghilterra del medioevo[65], mentre il continente distrutto di Valyria si avvicina all'Impero romano, tramontato durante le invasioni barbariche[61]. Martin è sempre stato attirato infatti dalla storia delle civiltà e degli imperi scomparsi[61]. Martin si è ampliamente documentato sulla storia, l'abbigliamento, l'alimentazione e i tornei medievali per dare delle basi di realismo ai suoi libri[7] e si è costruito negli anni una biblioteca personale sull'argomento[66]. Eventi storici come la guerra dei cent'anni, le crociate, la crociata albigese e soprattutto la guerra delle due rose gli sono servite da fonte di ispirazione[65][57]. La colossale parete di ghiaccio che protegge la frontiera settentrionale di Westeros è ispirata direttamente dal vallo di Adriano, visitato da Martin, anche se le dimensioni e la lunghezza del muro sono state aumentate per rispondere alle esigenze di un racconto fantasy[12]. Le "nozze di sangue" derivano da un episodio della storia scozzese chiamato Black Dinner (1440), in seguito al quale il giovane capo del clan Douglas venne giustiziato[67].

Martin è largamente accreditato per aver allargato il fantasy a dei contenuti più adulti[37]. Diversi scrittori fantasy, come Joe Abercrombie, hanno riconosciuto l'influenza che ha avuto sul loro stile la lettura delle Cronache[68] e Martin stesso ha ammesso che il genere è divenuto più aspro da quando, autori come Daniel Abraham, Scott Lynch e lo stesso Abercrombie, si sono spinti più in là di lui a livello di maturità dei temi trattati[69].

(EN)
« [Martin's Ice and Fire series] was groundbreaking (at least for me) in all kinds of ways. Above all, the books were extremely unpredictable, especially in a genre where readers have come to expect the intensely predictable. [...] A Game of Thrones was profoundly shocking when I first read it, and fundamentally changed my notions about what could be done with epic fantasy. »
(IT)
« [Cronache del ghiaccio e del fuoco di Martin] è stato rivoluzionario (almeno per me) in molti modi. Prima di tutto i libri erano estremamente imprevedibili, specialmente in un genere dove i lettori hanno imparato ad aspettarsi l'intensamente prevedibile. [...] A Game of Thrones è stato profondamente scioccante quando l'ho letto la prima volta e ha fondamentalmente cambiato la mia idea su cosa era possibile fare col fantasy epico. »
(Joe Abercrombie nel 2008[68])

Struttura narrativa[modifica | modifica wikitesto]

I libri sono divisi in capitoli, ognuno dei quali narrato in terza persona attraverso il punto di vista di un singolo personaggio[37], un approccio che Martin ha ripreso dai suoi anni da studente di giornalismo[70]. Queste figure (chiamate personaggi POV, acronimo di Point Of View) passano da essere nove, in A Game of Thrones, a 31 in A Dance with Dragons; tra di essi vi sono anche personaggi POV di un solo capitolo e dalla vita breve, che vengono solitamente confinati ai prologhi o agli epiloghi[7]. Al lettore viene così proposta una visione della storia presentata da molteplici punti di vista, che possono essere in contrasto tra loro e avere i propri ritmi; in questo modo uno stesso personaggio può apparire un eroe o un cattivo in base al punto di vista che lo ritrae[71][58].

Martin inizia ciascun nuovo romanzo della saga inquadrando a grandi linee i capitoli e i personaggi POV e spesso si trova più facilità a scrivere una serie di capitoli dal punto di vista di un solo personaggio invece di rispettare l'ordine cronologico. I capitoli sono poi riarrangiati per ottimizzare i collegamenti tra i personaggi, la cronologia e la suspense[7]. Influenzato dalla sua formazione da sceneggiatore, termina spesso i suoi capitoli con un momento di tensione o una rivelazione, ricorrendo regolarmente alla tecnica del cliffhanger[72][18], mentre eventi che ha previsto fin dall'inizio vengono vagamente presagiti e preannunciati[59]. A detta dell'autore, una parte significativa dell'intrigo della storia è collocato nel passato, con ogni nuovo volume che ne rivela qualche informazione in più[8]. I diversi personaggi POV possono chiarire un evento del passato o fornirne delle prospettive differenti in base ai loro ricordi soggettivi[6], rendendo difficile per il lettore distinguere la verità dalla menzogna[8].

In linea generale, il realismo dei suoi personaggi, la ricchezza dell'universo che ha creato, il suo senso della narrazione e la capacità di creare degli sviluppi imprevisti sono considerati i punti forti dell'opera di Martin, mentre i punti deboli sono identificati con un'eccessiva semplicità nella prosa e una ripetizione di certi termini ed espressioni[6].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Vendite[modifica | modifica wikitesto]

L'andamento delle vendite delle Cronache del ghiaccio e del fuoco nella New York Times Best Sellers list nel 2011 tra l'inizio della messa in onda della serie televisiva Il Trono di Spade e l'uscita di A Dance with Dragons, dimostra come l'uscita della serie TV ha incrementato il successo commerciale della serie[73].

I dati delle vendite totali delle Cronache del ghiaccio e del fuoco non sono univoci. Il New Yorker ha scritto nell'aprile 2011 (prima della pubblicazione di A Dance with Dragons) che erano stati venduti nel mondo più di 15 milioni di volumi della saga[37], una cifra ripresa anche da The Globe and Mail nel luglio 2011[39]. Reuters ha riportato nel settembre 2013 che, considerando le edizioni cartacee, e-book e gli audiolibri, i romanzi avevano venduto più di 24 milioni di copie in Nord America[1]. Il Wall Street Journal ha riportato sei milioni di copie vendute in Nord America fino a maggio 2011[74], invece USA Today si assesta su 8,5 milioni di copie cartacee e digitali al giugno 2011[75] e più di 12 milioni al dicembre 2011[76]. La saga è stata tradotta in più di 20 lingue[2], con il quinto libro che ha ricevuto più di 40 adattamenti diversi[77].

Gli editori si aspettavano che A Game of Thrones sarebbe rapidamente diventato un best seller[18], ma il primo capitolo della serie non raggiunse neanche le ultime posizioni delle classifiche[44]. Tuttavia il romanzo raccolse gradualmente l'interesse dei lettori e la sua popolarità crebbe tramite il passaparola[37]. Il successo commerciale arrivò con i volumi successivi[18], con A Clash of Kings e A Storm of Swords che entrarono nella New York Times Best Seller list nel 1999 e nel 2000, debuttando al 13º e al 12º posto rispettivamente[28][31]. A Feast for Crows scalò le classifiche fino al primo posto al momento della sua pubblicazione nel 2005[36], che, per un romanzo fantasy, significava che la saga stava attirando anche il pubblico mainstream[34]. L'edizione tascabile di A Game of Thrones raggiunse la 34ª ristampa nel 2010, superando così il milione di copie vendute[78]. La diffusione della serie televisiva rilanciò le vendite dei primi quattro tomi, con crescite a tre cifre nelle percentuali di vendita rispetto all'anno precedente. La Bantam Books fece stampare 4,5 milioni di copie della saga a inizio 2011[41] e i quattro volumi riapparvero nella classifica dei 20 migliori best seller dell'anno[73][4].

A Dance with Dragons ha debuttato al primo posto della New York Times Best Sellers list[42] e ha stabilito il record di vendite del 2011 con 170 000 copie rilegate, 110 000 e-book e 18 000 audiolibri venduti nel primo giorno[75]. Tutti e cinque i libri sono stati inseriti all'interno dei 100 best seller del 2011 e 2012 negli Stati Uniti[79].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte della critica specializzata conviene che le Cronache del ghiaccio e del fuoco è l'opera più importante di Martin, così come uno dei migliori cicli fantasy mai scritti[20]. I commenti dei grandi quotidiani e settimanali statunitensi sono stati generalmente eccellenti[37] e Martin è stato soprannominato a più riprese dalla stampa il "Tolkien americano"[80][39][37], mentre il New York Times si è spinto a dire che l'allievo avrebbe ormai superato il maestro[81]. Il successo commerciale e di critica è stato sottolineato come un fatto raro in un genere letterario spesso denigrato[82] e ancora più sorprendente se si considera che la serie ha fatto il suo debutto sulla scena fantasy senza un'estesa campagna pubblicitaria[83].

In seguito all'uscita di A Dance with Dragons, il Washington Post ha affermato che nessun romanzo fantasy era stato così atteso dai tempi dell'ultimo volume della serie di Harry Potter[14]. Nel 2011 USA Today ha eletto Martin autore dell'anno[76] e il periodico TIME lo ha inserito nell'elenco delle 100 persone più influenti del mondo[84]. Il rallentamento della storia in A Feast for Crows e, in misura minore, in A Dance with Dragons, così come l'assenza di una parte del cast principale in questi due volumi, hanno portato a qualche critica[85].

Fandom[modifica | modifica wikitesto]

Il successo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco ha generato un vasto fandom[86]. Westeros.org, il primo sito web dedicato alla saga e quello più consultato, con più di 13 milioni di pagine viste e circa 17 000 utenti registrati al 2011[77], è nato nel 1999 per volere di Elio García e della sua ragazza; il loro impegno con l'opera di Martin ha raggiunto col tempo un livello semi-professionale[37]. Un fan club non ufficiale chiamato "Brotherhood without Banners" è stato fondato nel 2001 in occasione della World Science Fiction Convention di Filadelfia[87]. Martin è stato invitato a molte delle loro riunioni e conta ormai i fondatori del club e alcuni dei membri di più lunga data tra i suoi amici personali[37]. Due blog "Inn at the Crossroads" e "Cooking Ice and Fire" si dedicano interamente a creare ricette per i numerosi piatti descritti nei romanzi[88] e i due responsabili hanno siglato nel 2011 un accordo con la Random House per la pubblicazione di un libro di ricette intitolato A Feast of Ice and Fire[89].

Mentre Martin assicura che i suoi ammiratori sono per la maggior parte "fantastici" ed è felice di incontrarli o di interagire con loro[18], alcuni di loro gli si sono rivoltati contro a causa dei sei anni di tempo impiegati per la pubblicazione di A Dance with Dragons[37]. Un movimento di fan delusi fondato nel 2009 e autodefinitosi GRRuMblers[N 4] ha esternato il suo malcontento in una serie di siti come "Finish the Book, George" e "Is Winter Coming?"[37][39]. Esasperato da quest'ondata di malcontento, Martin ha pubblicato una lettera aperta ai suoi detrattori in cui ha fatto il punto sulle sue attività esterne alla saga[90][91], affermando che è suo diritto continuare ad avere progetti alternativi e che il suo unico obbligo verso i lettori è di dare loro una "buona storia"[18]. Il New York Times ha notato che non è raro per Martin essere attaccato anche in incontri pubblici[86], cosa che il New Yorker ha definito «un'incredibile profusione di sforzi per denunciare l'autore dei libri che uno professa di amare. Pochi autori contemporanei possono vantarsi di aver ispirato una passione simile»[37].

(EN)
« After all, as some of you like to point out in your emails, I am sixty years old and fat, and you don't want me to 'pull a Robert Jordan' on you and deny you your book. Okay, I've got the message. You don't want me doing anything except A Song of Ice and Fire. Ever. (Well, maybe it's okay if I take a leak once in a while?) »
(IT)
« Dopotutto, come alcuni di voi amano sottolineare nelle loro email, ho sessant'anni e sono grasso, e non volete che vi faccia lo stesso scherzo di Robert Jordan[N 5] e negarvi il vostro libro. Va bene, ho ricevuto il messaggio. Non volete che mi dedichi ad altro eccetto le Cronache del ghiaccio e del fuoco. Mai più. (Beh, potrei forse andare al bagno di tanto in tanto?) »
(George R. R. Martin sul suo blog nel 2009[90])

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Adattamenti e opere derivate[modifica | modifica wikitesto]

Novelle[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni estratti dei romanzi della saga sono stati raccolti in tre novelle, pubblicate tra il 1996 e il 2003 sulle riviste Asimov's Science Fiction e Dragon:

  • Blood of the Dragon (luglio 1996)[102], consiste in un estratto dei capitoli che coinvolgono Daenerys Targaryen in A Game of Thrones. Ha vinto nel 1997 il premio Hugo come miglior novella[103]. È stata pubblicata in italiano nel novembre 1999 con il titolo Sangue di drago nella raccolta I premi Hugo 1995-1998[104].
  • Path of the Dragon (dicembre 2000)[105], consiste in un estratto dei capitoli che coinvolgono Daenerys Targaryen in A Storm of Swords.
  • Arms of the Kraken (marzo 2003)[106], consiste in un estratto dei capitoli ambientati sulle Isole di Ferro in A Feast For Crows.

Martin ha composto anche tre novelle ambientate novant'anni prima degli eventi dei romanzi. Sono conosciute con il nome di Tales of Dunk and Egg, dal nome dei due protagonisti: il cavaliere errante Ser Duncan e il suo giovane scudiero "Egg", il futuro re Aegon V Targaryen. Le storie si svolgono nello stesso universo narrativo delle Cronache ma non hanno collegamenti diretti con la storia principale, anche se entrambi i personaggi vengono nominati in A Storm of Swords e A Feast For Crows. Il primi due racconti, The Hedge Knight e The Sworn Sword, sono stati pubblicati rispettivamente nelle antologie Legends (1998) e Legends II (2003)[33] e adattati in due fumetti[107], i quali sono stati tradotti anche in italiano[108]. La terza novella, intitolata The Mystery Knight, è stata pubblicata nel 2010 nell'antologia Warriors[109]. Martin intende continuare la serie con altri capitoli, ma il suo impegno sulla saga principale non gli permette di fare previsioni certe per quanto riguarda il numero di volumi o le date di uscita[110]. Una ristampa in volume unico ed illustrato delle tre novelle è prevista per il 2015 con il titolo A Knight of the Seven Kingdoms[110]. Il corrispondente di questa edizione è stato tradotto in italiano con il titolo Il cavaliere dei Sette Regni e pubblicato l'8 aprile 2014 dalla Mondadori[111].

Una settima novella, The Princess and the Queen, è apparsa nell'antologia Dangerous Women nel 2013[112]: ambientata circa ottant'anni prima dell'inizio degli avvenimenti della serie di Dunk e Egg, racconta lo svolgersi della "Danza dei draghi", guerra civile che portò all'estinzione dei draghi Targaryen[113]. Un'ulteriore racconto, The Rogue Prince è stato pubblicato nel 2014 nell'antologia Rogues come prequel agli eventi di The Princess and the Queen[114].

Serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Il Trono di Spade (serie televisiva).

Con l'aumento della popolarità della Cronache, l'emittente statunitense HBO ha acquistato nel 2007 i diritti della saga con l'intento di adattarla in una serie televisiva[40]. Un episodio pilota è prodotto da David Benioff e D.B. Weiss nel 2009, con il coinvolgimento di attori famosi come Sean Bean e Lena Headey, e a marzo 2010 vengono confermate altre nove puntate[115]. La serie, intitolata Il Trono di Spade (Game of Thrones) è stata trasmessa a partire dal 17 aprile 2011. L'immediato successo ha spinto la HBO a commissionarne una seconda stagione, trattante gli eventi di A Clash of Kings[116] e trasmessa dal 1º aprile 2012. Nello stesso mese l'emittente ha annunciato l'uscita per l'anno successivo di una terza stagione[117]. A causa della lunghezza del romanzo, la terza stagione copre solo la prima parte di A Storm of Swords[118], mentre la seconda, insieme a parti di A Feast for Crows e A Dance With Dragons, viene trattata nella quarta stagione[119], trasmessa dal 6 aprile 2014. Due giorni dopo l'uscita della quarta stagione, La HBO ha rinnovato lo show per una quinta e una sesta stagione[120].

La prima trasmissione in italiano è avvenuta sulla piattaforma a pagamento Sky, mentre la prima visione in chiaro è stata affidata a Rai 4[121].

Giochi e videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Particolare del gioco da tavolo Il Trono di Spade, edizione 2003

Le Cronache del ghiaccio e del fuoco è stato adattato in un gioco di carte collezionabili, Il Trono di Spade, pubblicato nel 2002 da Fantasy Flight Games e non più in produzione. Lo stesso editore ha fatto uscire nel 2003 il gioco da tavolo Il Trono di Spade[122], con una riedizione nel 2011[123]. Un primo gioco di ruolo, A Game of Thrones, è stato pubblicato nel 2005 dalla Guardians of Order. Nel 2009 la Green Ronin fa uscire un nuovo gioco di ruolo intitolato A Song of Ice and Fire Roleplaying[124][125]. Il wargame tridimensionale Battles of Westeros è pubblicato nel 2010.

Nel 2011 è stato pubblicato A Game of Thrones - Genesis, un videogioco strategico in tempo reale in cui l'azione si svolge un migliaio di anni prima degli eventi dei romanzi[126]. Sviluppato da Cyanide Studio, il gioco ha ricevuto critiche perlopiù negative[127]. Sempre la Cyanide Studio ha pubblicato nel 2012 un videogioco di ruolo intitolato Game of Thrones e ambientato durante gli eventi della saga[128]. Il 12 luglio 2012 è stato diffuso il trailer di un MMORPG intitolato Game of Thrones: Seven Kingdoms, la cui data di uscita non è ancora stata confermata[129]. Inoltre Disruptor Beam ha annunciato di essere al lavoro su un videogioco per social network che permetterà ai giocatori di vestire i panni di un nobile e di agire all'interno dell'ambientazione della serie per portare lustro alla propria casata[130].

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli altri prodotti derivati vi sono due databook: The World of Ice and Fire, una guida sull'universo delle Cronache scritta da Elio García e Linda Antonsson e attesa per l'autunno 2014[37], e The Lands of Ice and Fire, un set di dodici mappe riguardanti i luoghi in cui si svolgono i romanzi, disegnate da Jonathan Roberts e da Martin stesso[131].

Il fumetto A Game of Thrones, scritto da Daniel Abraham ed illustrato da Tommy Patterson, è un adattamento del primo romanzo della serie[132]. È stato pubblicato nel 2011 dalla Dynamite Entertainment e riproposto sotto forma di graphic novel dalla Bantam Books.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si fa riferimento alla prima edizione rilegata statunitense.
  2. ^ All'interno della collana Urania - Le grandi saghe fantasy della Mondadori.
  3. ^ All'interno della collana Oscar grandi best seller della Mondadori.
  4. ^ Si tratta di un gioco di parole tra il nome dell'autore GRRM (George R. R. Martin) e la parola inglese grumblers, che significa "coloro che si lamentano", "scontenti", "brontoloni".
  5. ^ Martin si riferisce a Robert Jordan, autore della popolare serie La Ruota del Tempo, deceduto prima di poter completare la sua opera.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Ronald Grover, Lisa Richwine, With swords and suds, 'Game of Thrones' spurs sales for HBO, Reuters, 20 settembre 2013. URL consultato il 10 settembre 2014.
  2. ^ a b (EN) Gallery of different language editions, georgerrmartin.com. URL consultato il 9 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2014).
  3. ^ a b c (EN) Dinitia Smith, A Fantasy Realm Too Vile for Hobbits, The New York Times, 12 dicembre 2005. URL consultato il 10 settembre 2014.
  4. ^ a b (EN) Best Sellers: May 29, 2011, The New York Times, 29 maggio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  5. ^ (EN) Chris Hammond, Q&A George R.R Martin, scotcampus.com, 9 dicembre 2011. URL consultato il 9 settembre 2014.
  6. ^ a b c d e (EN) Rachael Brown, George R.R. Martin on Sex, Fantasy, and 'A Dance With Dragons', The Atlantic Monthly, 11 luglio 2011. URL consultato il 9 settembre 2014.
  7. ^ a b c d e f g h (EN) Tasha Robinson, George R.R. Martin dines on fowl words as the Song of Ice and Fire series continues with A Feast for Crows, Science Fiction Weekly. URL consultato l'8 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  8. ^ a b c d e f g (EN) Linda Richards, January Interview - George R. R. Martin, januarymagazine.com, gennaio 2001. URL consultato l'8 settembre 2014.
  9. ^ a b c d (EN) Eric Cogan, George R.R Martin Interview, fantasyonline.net, 30 gennaio 2002. URL consultato il 9 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2004).
  10. ^ a b c (EN) George R.R. Martin - Exclusive Interview, readerslane.com. URL consultato il 9 settembre 2014.
  11. ^ a b c (EN) George R.R. Martin talks to fan about the making of Game of Thrones and what inspired his best-selling book series, thelifestylereport.ca, 13 marzo 2012. URL consultato il 9 settembre 2014.
  12. ^ a b c d e f (EN) Wayne MacLaurin, A Conversation With George R.R. Martin, SF Site. URL consultato l'8 settembre 2014.
  13. ^ a b c (EN) Gregory Kirschling, By George!, Entertainment Weekly, 27 novembre 2007. URL consultato il 9 settembre 2014.
  14. ^ a b (EN) Bill Sheehan, Book review: George R.R. Martin’s “A Dance with Dragons”, The Washington Post, 12 luglio 2011. URL consultato il 9 settembre 2014.
  15. ^ (EN) George R.R. Martin on Fantasy Writings, Movies, Comics (pdf), comic-con.org, p. 35. URL consultato il 9 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2012).
  16. ^ (EN) George R.R. Martin Has a Detailed Plan For Keeping the Game of Thrones TV Show From Catching Up To Him, Vanity Fair, 14 marzo 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  17. ^ a b c d e (EN) Dave Itzkoff, His Beautiful Dark Twisted Fantasy: George R. R. Martin Talks ‘Game of Thrones’, The New York Times, 1º aprile 2011. URL consultato il 9 settembre 2014.
  18. ^ a b c d e f g h i j (EN) James Hibberd, EW interview: George R.R. Martin talks 'A Dance With Dragons', Entertainment Weekly, 12 luglio 2011. URL consultato il 9 settembre 2014.
  19. ^ a b c (EN) Mikal Gilmore, George R.R. Martin: The Rolling Stone Interview, Rolling Stone, 23 aprile 2014. URL consultato il 16 settembre 2014.
  20. ^ a b (EN) Darrell Schweitzer, George R.R. Martin on magic vs. science, weirdtalesmagazine.com, 24 maggio 2007. URL consultato il 9 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  21. ^ (EN) James Hibberd, The Fantasy King, Entertainment Weekly, 22 luglio 2011. URL consultato il 9 settembre 2014.
  22. ^ a b c d (EN) Nick Gevers, Sunsets of High Renown - An Interview with George R. R. Martin, infinityplus.co.uk. URL consultato l'8 settembre 2014.
  23. ^ a b c (EN) George R.R. Martin: “Trying to please everyone is a horrible mistake”, adriasnews.com, 7 ottobre 2012. URL consultato l'8 settembre 2014.
  24. ^ a b c d e f g (EN) George R. R. Martin, Done, georgerrmartin.com, 29 maggio 2005. URL consultato il 9 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  25. ^ (EN) A Game of Thrones, Publishers Weekly, 1º agosto 1996. URL consultato il 9 settembre 2014.
  26. ^ (EN) The Locus Index to SF Awards: 1997 Hugo Awards - Novella, Locus. URL consultato il 9 settembre 2014.
  27. ^ (EN) A Clash of Kings, Publishers Weekly, 1º febbraio 1999. URL consultato il 10 settembre 2014.
  28. ^ a b (EN) Best Sellers: February 21, 1999, The New York Times, 21 febbraio 1999. URL consultato il 10 settembre 2014.
  29. ^ (EN) Ethan Sacks, 'A Dance With Dragons' captures fans' imaginations: Fantasy author George R.R. Martin releases book, Daily News, 10 luglio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  30. ^ (EN) A Storm of Swords, Publishers Weekly, 1º ottobre 1999. URL consultato il 10 settembre 2014.
  31. ^ a b (EN) Best Sellers: November 19, 2000, The New York Times, 19 novembre 2000. URL consultato il 10 settembre 2014.
  32. ^ a b c d e (EN) George R.R. Martin: The Gray Lords, Locus. URL consultato il 10 settembre 2014.
  33. ^ a b c d e (EN) An Interview with George R. R. Martin, GamePro. URL consultato il 10 settembre 2014 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2003).
  34. ^ a b c d e (EN) Alison Flood, George RR Martin: Barbarians at the gate, The Guardian, 13 aprile 2011. URL consultato l'8 settembre 2014.
  35. ^ (EN) A Feast for Crows: Book Four of a Song of Ice and Fire, Publishers Weekly, 1º novembre 2005. URL consultato il 10 settembre 2014.
  36. ^ a b (EN) Best Sellers: November 27, 2005, The New York Times, 19 novembre 2005. URL consultato il 10 settembre 2014.
  37. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r (EN) Laura Miller, Just Write It! - A fantasy author and his impatient fans, The New Yorker. URL consultato il 9 settembre 2014.
  38. ^ a b (EN) James Poniewozik, The Problems of Power: George R.R. Martin's A Dance With Dragons, TIME, 12 luglio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  39. ^ a b c d (EN) John Barber, George R.R. Martin: At the top of his Game (of Thrones), The Globe and Mail, 11 luglio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  40. ^ a b (EN) Michael Fleming, HBO turns ‘Fire’ into fantasy series, Variety, 16 gennaio 2007. URL consultato il 10 settembre 2014.
  41. ^ a b (EN) Sam Thielman, ‘Thrones’ tomes selling big, Variety, 25 febbraio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  42. ^ a b (EN) Best Sellers: July 31, 2011, The New York Times, 31 luglio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  43. ^ (EN) George R. R. Martin, Dancing in Circles?, grrm.livejournal.com, 27 giugno 2010. URL consultato il 10 settembre 2014.
  44. ^ a b (EN) Christopher John Farley, ‘Game of Thrones’ Author George R.R. Martin Spills the Secrets of ‘A Dance with Dragons’, The Wall Street Journal, 8 luglio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  45. ^ (EN) Josh Roberts, 'Game of Thrones' Exclusive! George R.R. Martin Talks Season Two, 'The Winds of Winter,' and Real-World Influences for 'A Song of Ice and Fire', smartertravel.com, 1º aprile 2012. URL consultato il 10 settembre 2014.
  46. ^ a b (EN) George R. R. Martin, Not a Blog: this, that, and the other thing, grrm.livejournal.com, 28 marzo 2006. URL consultato il 9 settembre 2014.
  47. ^ (EN) Ben Beaumont-Thomas, George RR Martin's editor hints at eighth Game of Thrones book, The Guardian, 3 giugno 2014. URL consultato il 10 settembre 2014.
  48. ^ (EN) Laura Hudson, Talking with George R. R. Martin Part 2, Publishers Weekly, 14 agosto 2007. URL consultato il 10 settembre 2014.
  49. ^ Martina Frammartino, George R.R. Martin, cronologia di una saga che sembra infinita, fantasymagazine.it, 23 novembre 2009. URL consultato il 17 settembre 2014.
  50. ^ Le Grandi Saghe Fantasy 9: Il banchetto dei corvi, Mondadori, 29 giugno 2010. URL consultato il 17 settembre 2014.
  51. ^ Martina Frammartino, Mondadori punta su George R.R. Martin: mai più unicorni, fantasymagazine.it, 5 marzo 2013. URL consultato il 16 settembre 2014.
  52. ^ a b Martina Frammartino, Le cronache del ghiaccio e del fuoco: una traduzione contestata, fantasymagazine.it, 11 marzo 2013. URL consultato il 17 settembre 2014.
  53. ^ Martina Frammartino, Revisione in vista per Le cronache del ghiaccio e del fuoco, fantasymagazine.it, 11 marzo 2013. URL consultato il 17 settembre 2014.
  54. ^ (EN) Adam Serwer, 'Game of Thrones': When Fantasy Looks Like Reality, The Atlantic Monthly, 12 aprile 2011. URL consultato il 12 settembre 2014.
  55. ^ a b c d (EN) James Poniewozik, GRRM Interview Part 2: Fantasy and History, TIME, 18 aprile 2011. URL consultato l'8 settembre 2014.
  56. ^ a b (EN) Martin talks about new series Game of Thrones, The Guardian, 11 giugno 2011. URL consultato il 12 settembre 2014.
  57. ^ a b (EN) Damien Walter, George RR Martin's fantasy is not far from reality, The Guardian, 26 luglio 2011. URL consultato il 12 settembre 2014.
  58. ^ a b (EN) Michele Dula Baum, Author George R.R. Martin's fantastic kingdoms, CNN, 11 aprile 2001. URL consultato il 9 settembre 2014.
  59. ^ a b c d (EN) Charlie Jane Anders, George R.R. Martin explains why we'll never meet any gods in A Song of Ice and Fire, io9.com, 21 luglio 2011. URL consultato il 9 settembre 2014.
  60. ^ a b (EN) Interview: George Martin in Deep Magic, nº 41, 2005, pp. 19-21.
  61. ^ a b c (EN) James Poniewozik, GRRM Interview Part 4: Personal History, TIME, 20 aprile 2011. URL consultato l'8 settembre 2014.
  62. ^ (EN) Dave Itzkoff, A Family Affair as Old as Oedipus, The New York Times, 11 dicembre 2011. URL consultato l'8 settembre 2014.
  63. ^ (EN) Josua and Elyas, Westeros.org, 4 dicembre 1999. URL consultato l'8 settembre 2014.
  64. ^ (EN) Maurice Druon, RIP, georgerrmartin.com, 17 aprile 2009. URL consultato l'8 settembre 2014.
  65. ^ a b (EN) Goran Zadravec, An Interview With George R. R. Martin, Mezmera.hr, dicembre 2003. URL consultato l'8 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  66. ^ (EN) Interview with George R.R. Martin, SFFWorld, 17 maggio 2006. URL consultato l'8 settembre 2014.
  67. ^ (EN) So Spake Martin - Archon Meeting, westeros.org, 5 ottobre 2001. URL consultato l'8 settembre 2014.
  68. ^ a b (EN) Joe Abercrombie, Influences, Ideas, and A Game of Thrones, joeabercrombie.com, 16 febbraio 2008. URL consultato il 9 settembre 2014.
  69. ^ (EN) Bryant Harte, An Interview with George R. R. Martin, Part I, Indigo, 12 luglio 2011. URL consultato il 9 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  70. ^ (EN) Casey Cipriani, 10 Things We Learned About 'Game of Thrones' Author George R.R. Martin at the Sante Fe Independent Film Fest, Indiewire, 24 ottobre 2013. URL consultato il 9 settembre 2014.
  71. ^ (EN) Lev Grossman, George R.R. Martin's Dance with Dragons: A Masterpiece Worthy of Tolkien, TIME, 7 luglio 2011. URL consultato il 9 settembre 2014.
  72. ^ (EN) James Poniewozik, George R. R. Martin Interview, Part 1: Game of Thrones, from Book to TV, TIME, 15 aprile 2011. URL consultato il 9 settembre 2014.
  73. ^ a b (EN) Best Sellers Weekly Graphic: Fantastical Sales, The New York Times, 22 luglio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  74. ^ (EN) Alexandra Alter, The Season of the Supernatural, The Wall Street Journal, 27 maggio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  75. ^ a b (EN) Carol Memmott, Record sales for George R.R. Martin's 'A Dance With Dragons', USA Today, 14 luglio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  76. ^ a b (EN) Deirdre Donahue, George R.R. Martin is our Author of the Year, USA Today, 28 dicembre 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  77. ^ a b (EN) Deirdre Donahue, Fifth book in 'Game of Thrones' series released, USA Today, 11 luglio 2011. URL consultato il 10 settembre 2014.
  78. ^ (EN) George R. R. Martin, Odds and Ends and More Odds, georgerrmartin.com, 6 ottobre 2010. URL consultato il 10 settembre 2014.
  79. ^ (EN) 100 best-selling books of 2012, from the top down, USA Today, 16 gennaio 2013. URL consultato il 10 settembre 2014.
  80. ^ (EN) Lev Grossman, Books: The American Tolkien, TIME, 13 novembre 2005. URL consultato l'11 settembre 2014.
  81. ^ (EN) Dana Jennings, In a Fantasyland of Liars, Trust No One, and Keep Your Dragon Close, The New York Times, 14 luglio 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.
  82. ^ (EN) Arielle Landau, George R.R. Martin surprises "Song of Ice and Fire" fans with free chapter of next book, Daily News, 30 dicembre 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.
  83. ^ (EN) Andrew Leonard, The essential guide to “Game of Thrones”, salon.com, 9 aprile 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.
  84. ^ (EN) John Hodgman, George R.R. Martin - The 2011 TIME 100, TIME, 21 aprile 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.
  85. ^ (EN) A Dance with Dragons: A Song of Ice and Fire, Book 5, Publishers Weekly, 1º luglio 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.
  86. ^ a b (EN) Tammy La Gorce, BOOKS; Dreaming of Places Far, Far From Bayonne, The New York Times, 12 marzo 2006. URL consultato il 12 settembre 2014.
  87. ^ (EN) The Brotherhood Without Banners, brotherhoodwithoutbanners.com. URL consultato il 12 settembre 2014.
  88. ^ (EN) Laura Hahnefeld, Dishes From the Game of Thrones Series Cooked Up By Two Blogs, Phoenix New Times, 27 settembre 2011. URL consultato il 12 settembre 2014.
  89. ^ (EN) George R. R. Martin, A Feast of Ice and Fire, grrm.livejournal.com, 1º ottobre 2011. URL consultato il 12 settembre 2014.
  90. ^ a b (EN) George R. R. Martin, To My Detractors, grrm.livejournal.com, 19 febbraio 2009. URL consultato il 12 settembre 2014.
  91. ^ (EN) Alison Flood, Excitement as George RR Martin announces he's 1,200 pages into new book, The Guardian, 16 febbraio 2010. URL consultato il 12 settembre 2014.
  92. ^ a b c d (EN) Locus Award Nominees List, Locus. URL consultato il 10 settembre 2014.
  93. ^ (EN) 1997 World Fantasy Award - Winners and Nominees, worldfantasy.org. URL consultato il 10 settembre 2014.
  94. ^ a b (EN) 1997 Nebula Final Ballot, dpsinfo.com. URL consultato il 10 settembre 2014.
  95. ^ (EN) 2001 Hugo Awards, thehugoawards.org. URL consultato il 10 settembre 2014.
  96. ^ (EN) Nebula Award Final Ballots from the 2000s, dpsinfo.com. URL consultato il 10 settembre 2014.
  97. ^ (EN) 2006 Hugo Awards, thehugoawards.org. URL consultato il 10 settembre 2014.
  98. ^ (EN) British Fantasy Award Nominees List, Locus. URL consultato il 10 settembre 2014.
  99. ^ (EN) 2012 Locus Awards Winners, Locus, 16 giugno 2012. URL consultato il 10 settembre 2014.
  100. ^ (EN) 2012 Hugo Awards, thehugoawards.org. URL consultato il 10 settembre 2014.
  101. ^ (EN) 2012 World Fantasy Awards Ballot, worldfantasy.org. URL consultato il 10 settembre 2014.
  102. ^ (EN) Asimov's Science Fiction July 1996, backissues.com. URL consultato l'11 settembre 2014.
  103. ^ (EN) 1997 Hugo Awards, thehugoawards.org. URL consultato l'11 settembre 2014.
  104. ^ Edizioni di Sangue di drago in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.
  105. ^ (EN) Asimov's Science Fiction December 2000, backissues.com. URL consultato l'11 settembre 2014.
  106. ^ (EN) Arms of the Kraken in Dragon, vol. 27, nº 305, marzo 2003, pp. 90-111.
  107. ^ (EN) Laura Hudson, George R. R. Martin's Adventures in Comics Part 1, Publishers Weekly, 7 agosto 2007. URL consultato l'11 settembre 2014.
  108. ^ Martina Frammartino, Spada Giurata, il ritorno del Cavaliere errante, fantasymagazine.it, 11 novembre 2010. URL consultato l'11 settembre 2014.
  109. ^ (EN) Shawn Speakman, Warriors Review: The Mystery Knight by GRRM, suvudu.com, 8 marzo 2010. URL consultato l'11 settembre 2014.
  110. ^ a b (EN) George R. R. Martin, Dunk and Egg, grrm.livejournal.com, 15 aprile 2014. URL consultato l'11 settembre 2014.
  111. ^ Il cavaliere dei Sette Regni, Mondadori. URL consultato l'11 settembre 2014.
  112. ^ (EN) Dangerous Women: “The Princess and The Queen, or, The Blacks and The Greens” (Excerpt), tor.com, 30 luglio 2013. URL consultato l'11 settembre 2014.
  113. ^ (EN) George R. R. Martin, A Dangerous Delivery, grrm.livejournal.com, 22 gennaio 2013. URL consultato l'11 settembre 2014.
  114. ^ (EN) Bridget McGovern, Feuding Targaryens: A Non-Spoiler Review of George R. R. Martin’s “The Rogue Prince, or, A King’s Brother”, tor.com, 3 giugno 2014. URL consultato l'11 settembre 2014.
  115. ^ (EN) Greg McKevitt, What's the appeal of Game of Thrones?, BBC, 11 marzo 2010. URL consultato l'11 settembre 2014.
  116. ^ (EN) James Hibberd, HBO renews 'Game of Thrones' for second season!, Entertainment Weekly, 19 aprile 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.
  117. ^ (EN) Michael O'Connell, 'Game of Thrones' Renewed for Season 3, The Hollywood Reporter, 10 aprile 2012. URL consultato l'11 settembre 2014.
  118. ^ (EN) James Hibberd, 'Game of Thrones' renewed for third season, Entertainment Weekly, 10 aprile 2012. URL consultato l'11 settembre 2014.
  119. ^ (EN) James Hibberd, 'Game of Thrones' renewed for season 4, Entertainment Weekly, 2 aprile 2013. URL consultato l'11 settembre 2014.
  120. ^ (EN) Eric Goldman, Game of Thrones Renewed for Season 5 and Season 6, IGN, 8 aprile 2014. URL consultato l'11 settembre 2014.
  121. ^ Martina Frammartino, Il trono di spade in chiaro su Rai 4, fantasymagazine.it, 20 aprile 2013. URL consultato il 15 settembre 2014.
  122. ^ (EN) A Game of Thrones (2003) in BoardGameGeek.
  123. ^ (EN) A Game of Thrones (2011) in BoardGameGeek.
  124. ^ (EN) George R. R. Martin, ICE & FIRE role playing game, grrm.livejournal.com, 7 marzo 2007. URL consultato l'11 settembre 2014.
  125. ^ (EN) A Song of Ice and Fire Roleplaying, Green Ronin. URL consultato l'11 settembre 2014.
  126. ^ (EN) A Game Of Thrones - Genesis, Cyanide Studio, 11 maggio 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.
  127. ^ (EN) A Game of Thrones: Genesis, Metacritic. URL consultato l'11 settembre 2014.
  128. ^ (EN) Game Of Thrones - RPG, Cyanide Studio. URL consultato l'11 settembre 2014.
  129. ^ Game of Thrones: Seven Kingdoms - primo trailer, gamesblog.it, 12 luglio 2012. URL consultato l'11 settembre 2014.
  130. ^ (EN) Charles Webb, Westeros Goes Social With "Game of Thrones Ascent", MTV, 21 maggio 2012. URL consultato l'11 settembre 2014.
  131. ^ (EN) The Lands of Ice and Fire (A Game of Thrones), Random House. URL consultato l'11 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2012).
  132. ^ (EN) Laura Hudson, ‘Game of Thrones’ Gets Comic Book Adaptation in September with Alex Ross Covers, comicsalliance.com, 30 giugno 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]