Crocidura negrina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Crocidura negrina
Immagine di Crocidura negrina mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Soricomorpha
Famiglia Soricidae
Sottofamiglia Crocidurinae
Genere Crocidura
Specie C. negrina
Nomenclatura binomiale
Crocidura negrina
Rabor, 1952

La Crocidura di Negros (Crocidura negrina Rabor, 1952) è un mammifero soricomorfo della famiglia dei Soricidi, endemico delle Filippine.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È un piccolo roditore con la coda lunga e sottile. Il suo pelo è scuro, nerastro, la parte superiore è grigiastra mentre quella inferiore è marrone scuro con macchie bianche.[3]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre principalmente di insetti, vermi e di carogne di animali morti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La specie è endemica nelle Filippine, nella provincia di Negros Oriental. Questa specie potrebbe vivere in Negros Occidental, ma le indagini non sono state effettuate con i mezzi appropriati, quindi il suo vero areale è ancora sconosciuto, anche se si ritiene siano sia esteso meno di 5.000 km2.[1]

Vive nelle pianure e nelle foreste montane che si trovano tra i 500 a 1.450 m di altitudine.[1]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN classifica questa specie fra quelle in pericolo di estinzione, anche se non ci sono certezze sulla entità della sua popolazione.[1]

Questa specie è conosciuta grazie a 6 esemplari. Uno catturato nel 1948 gli altri nel 1980.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Heaney, L. & Tabaranza, B. 2008, Crocidura negrina in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Crocidura negrina in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Crocidura negrina. URL consultato il 28-04-2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi