Croce di Desiderio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Particolare della Croce di Desiderio raffigurante, secondo la tradizione, Galla Placidia (a destra) e i figli Valentiniano III e Giusta Grata Onoria, oppure la regina Ansa, con i figli Adelchi e Anselperga.[1]

La Croce di Desiderio è un manufatto di origine longobarda conservato a Brescia nel Museo di Santa Giulia.

Tra le croci realizzate in quel periodo è una delle più famose: si tratta di una croce realizzata in argento e lamina d'oro con innumerevoli gemme, vetri e cammei incastonati su di essa; il tondo al centro è invece un'aggiunta successiva.

Porta il nome del re longobardo Desiderio che fu il fondatore del monastero oggi sede del museo in cui è custodita. Nel corso dei secoli fu oggetto di restauri ed aggiunte tra le quali spiccano in particolare i cammei degli Evangelisti, un'aggiunta di epoca carolingia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Croce di Re Desiderio. Fondazione Brescia Musei

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]


Longobardi Portale Longobardi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Longobardi