Croce di Agilulfo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Croce di Agilulfo
inizio VII secolo, 22,5x15 cm
Monza, Museo del Duomo

La croce di Agilulfo è una croce in oro, tra i capolavori dell'oreficeria longobarda, risalente all'inizio del VII secolo e conservata a Monza nel tesoro presso il Museo Serpero (Museo del Duomo).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Incerta la funzione originaria del manufatto, realizzato comunque con certezza durante i primi anni del VII secolo, comunque prima della morte di Agilulfo, avvenuta nel 616.

Mentre lo stile complessivo è tipicamente bizantino per la forma e la disposizione dei sei pendagli, la decorazione risente di influenze barbariche: questo rende più probabile una realizzazione eseguita nell'ambito del regno longobardo.

È possibile allora che si trattasse di un pendente appeso alla corona regale, appartenuto ad Agilulfo.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Alta 22,5 cm e larga 15 cm, ha la forma di croce latina, con i bracci leggermente svasati alle estremità. È decorata da pietre preziose e raffigurazioni del Cristo, di arcangeli e di apostoli. Sei pendenti a goccia, realizzati con altrettante perle, sono appesi a catenelle, sempre in oro: quattro appese ai bracci laterali e due all'estremità del braccio inferiore.

L'incastonatura delle pietre, eseguita a freddo, segue uno schema rigidamente simmetrico ed alterna pietre bianche e verdi, rotonde e rettangolari, secondo uno schema ordinato che ricorda la distribuzione spaziale di gusto tardo-antico. I bordi della croce e dei castoni presentano motivi a rilievo (piccole sfere o altro), che danno nell'insieme un aspetto splendido.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Longobardi Portale Longobardi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Longobardi