Croce della Vittoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Croce della Vittoria è un gioiello dell'arte asturiana preromanica, conservata nella Sacrestia della Cattedrale del Salvatore di Oviedo e divenuta il simbolo delle Asturie.

Si tratta di una croce latina di legno di quercia rivestita d'oro e di pietre preziose. Le braccia si allargano alle estremità e nel suo centro è situato un reliquiario.

Fu realizzata da orafi originari della Francia durante il regno di Alfonso III che ne ordinò la fabbricazione all'inizio del X secolo per donarla alla cattedrale del Salvatore di Oviedo, come indicato nel retro della croce, a fianco della iscrizione in latino « HOC SIGNO TVETVR PIVS. HOC SIGNO VINCITVR INMICVS » (« Da questo segno il pio sarà protetto. Da questo segno il nemico sarà vinto »).

L'alfa e l'omega sono la prima e l'ultima lettera dell'alfabeto greco e simboleggiano l'inizio e la fine.

Secondo la leggenda si tratta della croce portata da Pelagio nella battaglia di Covadonga.

Araldica[modifica | modifica wikitesto]

La Croce della Vittoria compare in molti stemmi del territorio asturiano.