Croce al merito militare (Meclemburgo-Schwerin)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Croce al merito militare del Granducato di Meclemburgo-Schwerin
Mecklenburg MVK2.jpg
Insegne dell'Ordine
Granducato di Meclemburgo-Schwerin
Tipologia Ordine di merito statale
Status cessato
Istituzione Schwerin, 5 agosto 1848
Cessazione Schwerin, 1918
Gradi Croce di I Classe
Croce di II Classe
WendischeKrone.Order.gif
Nastro della croce

La Croce al merito militare del Granducato di Meclemburgo-Schwerin (Militärverdienstkreuz von Grossherzogtum Mecklemburg-Schwerin) fu un'onorificenza fondata dal Granduca Federico Francesco II di Meclemburgo-Schwerin il 5 agosto 1848 e poi divenuto una delle onorificenze degli stati confederati tedeschi con l'annessione alla Confederazione germanica e la creazione dell'Impero di Germania.

Per certi aspetti, la croce al merito militare del Meclemburgo-Schwerin era modellata sulla forma della Croce di Ferro prussiana in quanto aveva il medesimo valore di premio. Come l'onorificenza prussiana essa era divisa in due classi distinte, concesse per meriti specifici che venivano indicati sulle braccia della croce stessa. Ad ogni modo, sono ad oggi conosciute molte versioni di questa croce (per la guerra franco-prussiana, per la prima guerra mondiale, nella seconda guerra mondiale dal governo nazista).

La prima versione, datata 1848 e 1849, venne concessa a quanti avessero dimostrato particolari meriti militari durante la Prima guerra dello Schleswig e nella repressione degli atti rivoltosi dei medesimi anni. Nel 1859 molti ufficiali e soldati austriaci ne furono insigniti per i meriti universalmente riconosciuti all'esercito austriaco per i combattimenti nella seconda guerra di indipendenza in Italia. Un'altra versione venne creata nel 1864 per la Seconda guerra dello Schleswig, la cosiddetta Guerra tedesco-danese. Una nuova versione venne coniata per la partecipazione del Meclemburgo-Schwerin al fianco della Prussia con altri stati del Nord della Germania nella Guerra austro-prussiana del 1866.

La versione del 1870 venne creata per la partecipazione alla Guerra franco-prussiana, ove coloro che si fossero distinti ricevevano sia la Croce di Ferro prussiana che la medaglia al merito militare del Meclemburgo-Schwerin.

Nel 1877 venne creata una nuova versione per quanti si fossero distinti nella guerra russo-turca (1877-1878) nell'ambito della questione della liberazione della Romania dal dominio ottomano, soprattutto per il fatto che la nonna del Granduca Federico Francesco II era stata la Granduchessa Elena Pavlovna di Russia, la cui figlia aveva sposato il figlio dello Zar Alessandro II di Russia e cuo figlio, Federico Francesco III, sposerà la Granduchessa Anastasia Mikhailovna di Russia nel 1879. Inoltre la casata principesca regnante in Romania era derivata da un ramo cattolico degli Hohenzollern, regnanti in Prussia e poi sull'Impero di Germania.

Venne creata nel 1900 la versione per commemorare quanti si fossero distinti nella Ribellione dei Boxer del 1900-1901 e una versione non datata venne creata con tutta probabilità nei medesimi anni per distinguere quanti si fossero distinti nei conflitti coloniali in Africa ove l'Impero tedesco tentava a fatica di impiantare le proprie colonie.

Nei primi giorni di agosto del 1914 l'Impero tedesco entrò nella Prima guerra mondiale ed il 28 febbraio 1915 il Granduca Federico Francesco IV di Meclemburgo-Schwerin autorizzò una nuova versione della medesima decorazione, ma venne datata al 1914 per commemorare l'inizio del conflitto. Con l'abdicazione di Federico Francesco IV del 14 novembre 1918, la medaglia divenne obsoleta e non venne più conferita.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

In tutte le sue versioni la decorazione aveva le medesime forme: una croce patente di bronzo dorato di forme simili alla Croce di Ferro ma con le braccia della croce un po' più strette. Sul retro il braccio centrale riportava una corona, al centro si trovavano le iniziali "FF" (Federico Francesco) e sotto la data ad eccezione della versione coloniale. Il retro della II Classe riportava anche la legenda "Für Auszeichnung im Kriege" ("Per distinzione nel conflitto").

Il nastro era azzurro con una striscia gialla e rossa per ciascuna parte.

Insigniti notabili[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Dr. Kurt-Gerhard Klietmann, Pour le Mérite und Tapferkeitsmedaille (1966)
  • Jörg Nimmergut, Deutsche Orden und Ehrenzeichen bis 1945, Vol. 2 (1997)
  • Neal W O'Connor, Aviation Awards of Imperial Germany and the Men Who Earned Them, Volume VII (2002)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra