Criterio di Jury

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il criterio di Jury in algebra determina se un polinomio abbia radici di valore assoluto minore di uno.

Risulta utile per determinare la stabilità di un sistema lineare a tempo discreto, in cui si applica al polinomio caratteristico associato, quindi costituisce qui l'equivalente discreto del criterio di Routh.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sia dato il polinomio:

p(x)=a_nx^{n}+a_{n-1}x^{n-1}+a_{n-2}x^{n-2}+\ldots +a_1x + a_0

si costruisce la seguente matrice, detta matrice di Jury:


\mathbf J (p) = \begin{bmatrix} 
a_0 & a_1 & \ldots & \ldots & a_{n-1} & a_n \\
a_n & a_{n-1} & \ldots & \ldots & a_1 & a_0 \\
b_0 & b_1 & \ldots & b_{n-2} & b_{n-1} \\
b_{n-1} & b_{n-2} & \ldots & b_1 & b_0 \\
c_0 & \ldots & \ldots & c_{n-2} \\
\vdots \\
q_0 & q_1 & q_2 & 0 & \ldots & 0\\
\end{bmatrix}

La prima riga è costruita con i coefficienti del polinomio, la seconda è la prima scritta da destra a sinistra. Le successive righe dispari della tabella sono calcolate nel modo seguente:

b_0 = 
\begin{vmatrix}
a_0 & a_n \\
a_n & a_0
\end{vmatrix}

b_1 = 
\begin{vmatrix}
a_0 & a_{n-1} \\
a_n & a_1
\end{vmatrix}

b_i = 
\begin{vmatrix}
a_0 & a_{n-i} \\
a_n & a_i
\end{vmatrix}

c_i = 
\begin{vmatrix}
b_0 & b_{n-1-i} \\
b_{n-1} & b_i
\end{vmatrix}

Le righe pari sono costruite semplicemente invertendo le precedenti righe dispari. L'ultima riga risulta costituita da tre soli elementi non nulli.

Le radici hanno tutte valore assoluto minore di uno se si verificano le seguenti condizioni:

\, |a_{n}| > |a_0|
\, p(1)>0
\, (-1)^np(-1)>0
\, |b_0| > |b_{n-1}|
\, |c_0| > |c_{n-2}|
\, \vdots
\,|q_0| > |q_2|

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

http://automatica.ing.unibs.it/mco/ms/discreto/indice/policarat.html