Cristina Jorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cristina Jorio
Cristina Jorio nel 1958
Cristina Jorio nel 1958
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica leggera
Periodo di attività 1955-1961
Etichetta La voce del padrone, Combo Record
Album pubblicati 2
Studio 2

Cristina Jorio, nome d'arte di Cristina Tavolazzi (Alfonsine, 18 luglio 1928), è una cantante italiana, famosa negli anni cinquanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terza di sette fratelli, il padre lavora come operaio all'Eridania e la mamma è sarta.

Appassionata di jazz, dopo aver studiato canto e pianoforte con la maestra Brini, inizia dopo la fine della guerra ad esibirsi con alcune orchestre: conosce così il chitarrista Eugenio Jorio, che sposa, adottando da questo momento il cognome del marito.

Nell'estate del 1954 viene scoperta dal Maestro Giovanni D'Anzi, che la ascolta in un locale, il Miramare di Bellaria: colpito dalla voce, le procura un contratto discografico con La voce del padrone e le trova il nome d'arte.

Lavora in RAI, dove diventa una presenza fissa nella trasmissione Il motivo in maschera, in cui canta accompagnata dall'orchestra di Massimo Brigada.

Partecipa al Festival di Sanremo 1958, dove porta in finale la canzone Mille volte, accompagnata dall'orchestra di Alberto Semprini.

Qualche mese dopo, è in gara anche al Festival di Napoli con Voglio a tte..., in abbinamento con Marisa Del Frate, e con ''O calippese napulitano, in abbinamento con Gloria Christian.

Nel 1959 partecipa invece alla trasmissione radiofonica "Il Traguardo degli Assi", con l'orchestra di Pino Calvi; è inoltre protagonista di alcuni fotoromanzi pubblicati dalla rivista Il Campione.

Nel 1960 riceve il disco d'oro per aver raggiunto il milione di copie di dischi venduti; Nello stesso anno incide la sigla musicale del teleromanzo Tutto da rifare pover'uomo, Ballata dell'uomo ricco.

Si ritira a vita privata verso la metà degli anni '60.

Tra i suoi successi ci sono Amo Parigi e Johnny Guitar.

Ha inciso per La voce del padrone e la Combo Record.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

78 giri[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

33 giri con altri artisti[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Domenico Gavella, Cristina Jorio, pubblicato in Raro! n° 181 di ottobre 2006
  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Jorio, Cristina, di Enzo Giannelli, pag. 854
  • Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della canzone italiana, edizioni Panini, Modena, alla voce Cristina Jorio, pag. 747