Crisobolla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

La Crisobolla o Bolla d'Oro (in latino: Bulla Aurea, in greco: Κρυσοβυλλὸς, leggi crysobullòs), cioè "sigillo aureo", era un particolare tipo di documento ufficiale in uso presso la cancelleria imperiale di Costantinopoli e adottato poi nel Medioevo anche presso le corti occidentali.

Il termine deriva dal greco antico χρυσος (chrysos), cioè "oro", e dal latino bulla, cioè "oggetto rotondo", con riferimento al sigillo impresso in calce ai documenti ufficiali: dal sigillo stesso il termine passò ad indicare per estensione l'intero documento. Caratteristica della bolla aurea era l'impressione del sigillo in oro, ad indicare la particolare importanza dell'editto.

Tradizione bizantina[modifica | modifica sorgente]

Alessio III di Trebisonda e la moglie Teodora raffigurati mentre reggono una crisobolla sotto l'immagine del Cristo (seconda metà del XIV secolo.

Il Crysobullòs Lògos (Κρυσοβυλλὸς Λὸγος, cioè "Legge del Sigillo d'Oro"), o semplicemente Crisobolla, era un documento ufficiale emanato dalla cancelleria palatina dell'Impero Bizantino sancente i più importanti atti imperiali. L'ideologia imperiale bizantina identificava l'Imperatore quale sovrano dell'unico legittimo impero universale, scelto direttamente da Dio.
In tale ottica le bolle imperiali erano particolarmente utilizzate nella politica estera, presentando attraverso di esse quali atti di concessione imperiale i risultati delle trattative diplomatiche, spesso sostenute tra pari. In tal modo consentivano all'Impero di mantenere una formale condizione di superiorità anche coi vicini più potenti.
Per circa otto secoli venne mantenuto l'uso di emettere le Crisobolle unilateralmente, senza obblighi per la controparte. Ciò tuttavia risultava svantaggioso per i Bizantini nel far rispettare gli impegni stipulati alle potenze straniere, cosicché a partire dal XII secolo essi iniziarono a inserire nelle Bolle formule vincolanti di giuramento.

Nel XIII secolo l'uso passò alle cancellerie dell'Impero di Nicea e dell'Impero di Trebisonda.

Elenco[modifica | modifica sorgente]

Tra i più importanti documenti di questo tipo emessi in Oriente vi sono:

Uso Occidentale[modifica | modifica sorgente]

Dalla tradizione bizantina l'uso della bolla si estese nel Medioevo in Europa occidentale con le Bolle pontificie, le Bolle imperiali e quelle emanate dagli altri sovrani occidentali. La maggior rarità con cui si ricorse all'uso dell'oro nell'emanazione delle Bolle in Occidente, fece sì che le Bolle d'Oro finissero per risultare collegate a documenti di particolare importanza.

Elenco[modifica | modifica sorgente]

Tra i più importanti documenti di questo tipo emessi in Occidente vi sono:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bisanzio Portale Bisanzio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bisanzio