Crisippo di Soli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Copia romana di busto ellenistico di Crisippo, conservata al British Museum

Crisippo di Soli (in greco: Χρύσιππος ὁ Σολεύς; Soli, 281 a.C./277 a.C.Atene, 208 a.C./204 a.C.) è stato un filosofo e matematico greco antico.

Fu discepolo di Cleante e suo successore a capo della scuola filosofica dello Stoicismo; la sua sistematizzazione delle dottrine stoiche, contenuta in circa 700 opere, lo fece diventare un secondo padre dello Stoicismo rendendo questa scuola una delle più influenti nel mondo greco e romano per secoli. Fu anche autore di contributi importanti nella logica delle proposizioni.

Biografia e opere[modifica | modifica wikitesto]

Crisippo crebbe nei pressi di Tarso, dove forse ebbe i suoi primi contatti con la filosofia. A seguito di un contenzioso legale, perse significativi beni ereditati. Decise allora di trasferirsi ad Atene per studiare filosofia. Fu colpito dalla fedeltà dello stoico Cleante per il suo maestro Zenone di Cizio, tanto da diventarne il discepolo; forse studiò anche sotto Arcesilao,[1] capo dell'Accademia di Atene.

Fu uno scrittore prolifico – si racconta che raramente passava giorno senza che avesse scritto 500 linee[2] – e un disputatore accanito, tanto che spesso sosteneva entrambe le posizioni in una disputa, guadagnandosi le critiche dei suoi sostenitori.

Si racconta che Crisippo morì di risate per aver visto il proprio asino, cui aveva dato del vino, tentare di mangiare fichi.[3] Questa storia è però probabilmente spuria.[4]

Scrisse oltre 700 opere, tutte perse. Alcuni frammenti sono conservati in opere di autori successivi, come Cicerone, Seneca, Galeno, Plutarco e altri. Alcuni papiri carbonizzati ritrovati nella Villa dei Papiri di Ercolano contengono frammenti di due opere di Crisippo, le Questioni logiche[5] e Sulla provvidenza;[6] potrebbe anche essere sopravvissuto un suo terzo lavoro, anonimo.[7]

Dottrina[modifica | modifica wikitesto]

Crisippo, come altri stoici, condusse un'analisi piuttosto dettagliata dei procedimenti dimostrativi usati dai matematici e pose l'accento sull'importanza delle proposizioni (lektà), cioè su quegli enunciati che possono essere sia veri che falsi, piuttosto che sul sillogismo su cui aveva focalizzato l'attenzione Aristotele.

Gli studi sulla logica proposizionale[modifica | modifica wikitesto]

Egli giunse quindi a definire quattro regole di inferenza: modus ponens, modus tollens, sillogismo ipotetico e sillogismo disgiuntivo, basate sull'uso di diversi connettivi logici quali «e», «poiché», «se...allora», «oppure», attribuendovi i corrispondenti valori di verità attraverso apposite tavole.

Particolare importanza rivestivano i condizionali o le implicazioni, come nella frase «Se è giorno, allora c'è luce». L'implicazione sarebbe risultata falsa nel caso in cui partendo da premesse vere si fosse giunti a conclusioni false. Crisippo ricondusse tutte le argomentazioni possibili a quattro schemi di validità, detti anapodittici, ossia indimostrati e indimostrabili, mediante i quali si costruiscono le dimostrazioni, ma che a loro volta non possono essere oggetto di dimostrazione. In questi schemi ricorrono le proposizioni complesse, quali appunto le condizionali, e le proposizioni congiuntive e disgiuntive, con particolare riferimento alla negazione di due proposizioni congiunte.[8]

La fisica e l'etica[modifica | modifica wikitesto]

Crisippo riprese poi da Cleante la concezione fisica e ontologica della dottrina stoica, dandole un'impostazione definitiva e organica. Il Lògos è per lui l'elemento attivo dell'universo, composto non solo di fuoco come dicevano i suoi predecessori, ma anche di aria. Alla base del suo insegnamento vi è una concezione unitaria del cosmo. Secondo la testimonianza di Diogene Laerzio:

« Crisippo nel primo libro Sulla provvidenza... afferma che il cosmo è un animale dotato di Lògos, anima e intelletto: essendo un animale, è una sostanza dotata di anima e della capacità di sentire. L'animale, infatti, è migliore del non animale; ma nulla è migliore del cosmo; dunque il cosmo è un animale. E ha un'anima, come è evidente dalla nostra anima che è una particella proveniente da esso. »
(Arnim, SVF II, fr. 633)

A differenza di Cleante, Crisippo riteneva che dopo la morte solo le anime dei sapienti sopravvivessero,[9] fino alla conflagrazione cosmica finale in cui tutto veniva assorbito dall'Anima del Mondo.

Sul piano etico, a seguito di alcune critiche mosse allo stoicismo da altre scuole di pensiero, cercò di risolvere il problema di come conciliare l'ineluttabilità del Lògos, per cui tutto avviene secondo necessità, con la libertà di ognuno di poter aderire o meno alle norme della saggezza. Egli introdusse allora una distinzione tra le «cause primarie», che regolano il mondo secondo criteri immodificabili dall'uomo, e «cause secondarie», che hanno un ambito limitato ma su cui ognuno ha la possibilità di intervenire.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diogene Laerzio, VII, 183.
  2. ^ Diogene Laerzio, VII, 181.
  3. ^ Diogene Laerzio, VII, 185.
  4. ^ Peter Bowler e Jonathan Green. What a Way to Go, Deaths with a Difference. ISBN 0-7537-0581-8.
  5. ^ PHerc. 307.
  6. ^ PHerc. 1038, 1421.
  7. ^ PHerc. 1020.
  8. ^ La logica proposizionale sviluppata da Crisippo rimase pressoché invariata fino all'età contemporanea, quando gli studi in questo settore furono ripresi da George Boole.
  9. ^ Arnim, SVF, II, fr. 811.

Testi[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Radice (a cura di), Stoici antichi. Tutti i frammenti secondo la raccolta di Hans Von Arnim (1903), Milano, Rusconi editore, 1998 (abbreviato in SVF).
  • Margherita Isnardi Parente (a cura di), Stoici antichi, 2 volumi, Torino, Utet, 1989.
  • Richard Dufour (a cura di), Chrysippe. Oeuvre philosophique, 2 volumi, Parigi, Les Belles Lettres, 2004 (nuova edizione dei frammenti di logica e fisica con traduzione francese).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 251091261