Crisi d'astinenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La crisi d'astinenza è una sindrome, caratterizzata da segni e sintomi sostanza-specifici, che appaiono alla sospensione o alla riduzione dell'utilizzo di una sostanza assunta a dosi elevate e per un lungo periodo di tempo[1].

Nella classificazione ICD-10[modifica | modifica sorgente]

Le sindromi d'astinenza comprese nella Classificazione ICD-10 sono:

Nella classificazione DSM[modifica | modifica sorgente]

Il DSM IV-TR suddivide le sostanze per categorie. Non sono comprese, tra le sostanze possibilmente causa di crisi d'astinenza, caffeina, cannabinoidi, allucinogeni, fenciclidina e solventi volatili[1].

Sostanze depressive[modifica | modifica sorgente]

Comprende l'astinenza da alcol e quella da sedativi, ipnotici e ansiolitici. Viene definita dalla presenza, entro ore o giorni dalla cessazione dell'uso della sostanza dopo un lungo periodo di assunzione, di almeno due dei seguenti[1]:

Tali sintomi devono presentarsi in modo da causare uno stress clinicamente significativo o influire negativamente sulla vita sociale e lavorativa. Inoltre si deve escludere che tali sintomi siano dovuti ad altri disordini mentali[1].

Sostanze eccitanti[modifica | modifica sorgente]

Comprende l'astinenza da cocaina e da amfetamine. Viene definita dall'insorgenza, entro ore o giorni dalla cessazione d'uso della sostanza dopo un lungo periodo di assunzione, di uno stato disforico e di almeno due dei seguenti[1]:

Tali sintomi devono presentarsi in modo da causare uno stress clinicamente significativo o influire negativamente sulla vita sociale e lavorativa. Inoltre si deve escludere che tali sintomi siano dovuti ad altri disordini mentali[1].

Nicotina[modifica | modifica sorgente]

L'astinenza da nicotina viene definita dalla presenza, entro 24 ore dalla cessazione d'uso della sostanza dopo un lungo periodo di assunzione, di almeno quattro dei seguenti[1]:

Tali sintomi devono presentarsi in modo da causare uno stress clinicamente significativo o influire negativamente sulla vita sociale e lavorativa. Inoltre si deve escludere che tali sintomi siano dovuti ad altri disordini mentali[1].

Oppioidi[modifica | modifica sorgente]

L'astinenza da oppiodi viene definita dalla presenza, entro minuti o giorni dalla cessazione d'uso della sostanza dopo un lungo periodo di assunzione o successivamente all'utilizzo di antagonista oppiaceo dopo un qualsiasi periodo di assunzione, di almeno tre dei seguenti[1]:

Tali sintomi devono presentarsi in modo da causare uno stress clinicamente significativo o influire negativamente sulla vita sociale e lavorativa. Inoltre si deve escludere che tali sintomi siano dovuti ad altri disordini mentali[1].

Altre[modifica | modifica sorgente]

La sindrome d'astinenza neonatale è un'entità nosologica a parte, riferibile ai casi di neonati da madri tossicodipendenti[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, IV-TR, 2000.
  2. ^ MedScape -Neonatal Abstinence Syndrome

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina