Criptococcosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Criptococcosi
Pulmonary cryptococcosis (2) Alcian blue-PAS.jpg
Criptococcosi polmonare in un soggetto immunocompromesso
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 117.5
ICD-10 (EN) blocco B45

La criptococcosi è una micosi polmonare provocata da Cryptococcus neoformans. Molto diffusa in tutte le popolazioni del mondo, si presenta in forma benigna e asintomatica. La trasmissione non avviene fra esseri umani.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

La causa che comporta tale manifestazione è un fungo denominato Cryptococcus neoformans, tramite inalazione questo organismo entra nell’individuo e arrivando ai polmoni causa l’infezione. Tale fungo si riproduce nel corpo per gemmazione.

Fattori di rischio sono la presenza di malattie come l’AIDS (il cryptococcus neoformans è il fungo più pericoloso per tali persone), presenza di neoplasie o linfomi e il trattamento di corticosteroidi

Clinica[modifica | modifica sorgente]

I sintomi presentano polmonite, dolore addominale, tosse, cefalea, febbre leggera, nausea, demenza, offuscamento della vista e confusione. Nella persona immunodepressa i sintomi sono molto più gravi e coinvolgono tutto il corpo. Le complicanze possono arrivare alla perdita del visus, a deficit motori e all’idrocefalo.

Trattamento[modifica | modifica sorgente]

Il trattamento prevede somministrazione di amfotericina B, dapprima in dose leggere e se non vi è risposta in dosi più pesanti e nei casi più gravi in combinazione con flucitosina o fluconazolo. Per le persone affette da AIDS dopo la cura si deve essere attenti a recidive e quindi si somministra a lungo termine l’itraconazolo o il fluconazolo.

Prognosi[modifica | modifica sorgente]

Ottima per gli individui non immunodepressi, dove è prevista la guarigione spontanea in una settimana circa. La letalità si attesta intorno al 40-50% dei casi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006. ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004. ISBN 88-299-1716-8.
  • Harrison, Principi di Medicina Interna (il manuale - 16ª edizione), New York - Milano, McGraw-Hill, 2006. ISBN 88-386-2459-3.
  • Giovanni Bonsignore, Bellia Vincenzo, Malattie dell’apparato respiratorio terza edizione, Milano, McGraw-Hill, 2006. ISBN 978-88-386-2390-5.
  • Gaetano Filice, Malattie infettive, 2ª edizione, Milano, McGraw-Hill, 1998. ISBN 88-386-2362-7.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina