Criptite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La criptite è il termine istologico e anatomopatologico con cui viene definita l'infiammazione delle cripte di Lieberkühn[1]. Si tratta di una condizione aspecifica, presente in numerose condizioni, tra le quali le malattie infiammatorie croniche intestinali[2], la diverticolosi[3] e le coliti, in particolar modo quelle da radiazioni[4] e quelle infettive.

A livello microscopico è possibile osservare un infiltrato di linfociti e di granulociti neutrofili ed eosinofili in prossimità della base delle cripte. Il tessuto epiteliale va incontro a degenerazione progressiva, eventualmente fino alla necrosi e all'ascessualizzazione[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Scuro, pp. 541-2, 1983.
  2. ^ Al-Hussaini AA, Machida HM, Butzner JD, Crohn's disease and cheilitis in Can. J. Gastroenterol., vol. 17, nº 7, luglio 2003, pp. 445–7, PMID 12915919.
  3. ^ West AB, Losada M, The pathology of diverticulosis coli in J. Clin. Gastroenterol., vol. 38, 5 Suppl 1, 2004, pp. S11–6, PMID 15115923.
  4. ^ Hovdenak N, Fajardo LF, Hauer-Jensen M, Acute radiation proctitis: a sequential clinicopathologic study during pelvic radiotherapy in Int. J. Radiat. Oncol. Biol. Phys., vol. 48, nº 4, novembre 2000, pp. 1111–7, PMID 11072170.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina