Crash Nitro Kart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crash Nitro Kart
Sviluppo Vicarious Visions, Universal Interactive
Pubblicazione Vivendi Universal Games
Konami
(Giappone)
Sierra Entertainment
(alcune edizioni)
Data di pubblicazione Nintendo GameCube, PlayStation 2 e Xbox[1][2][3]:
Giappone 8 luglio 2004
(solo NGC e PS2)
Flags of Canada and the United States.svg 11 novembre 2003
Zona PAL 28 novembre 2003
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 4 dicembre 2003
(solo PS2)

Game Boy Advance[4]:
Giappone 26 agosto 2004
Flags of Canada and the United States.svg 11 novembre 2003
Zona PAL 28 novembre 2003
N-Gage[5]:
Flags of Canada and the United States.svg 28 luglio 2004
Zona PAL 30 giugno 2004
Telefono cellulare[6]:
Flags of Canada and the United States.svg 20 settembre 2004

Genere Simulatore di guida
Modalità di gioco Giocatore singolo, multigiocatore
Piattaforma Nintendo GameCube, PlayStation 2, Xbox, Game Boy Advance, N-Gage, Telefono cellulare
Motore fisico Havok
Supporto Nintendo Optical Disc, DVD, Cartuccia, Download
Fascia di età CERO: A[1][2][4]
ESRB: E[1][2][3][4][5]
OFLC (AU): G[2]
PEGI: 3+[1][2][3][4][5]
Periferiche di input Gamepad
Preceduto da Crash Bandicoot 2: N-Tranced
Seguito da Crash Bandicoot Purple: Ripto's Rampage

Crash Nitro Kart (CNK) è un videogioco di guida per PlayStation 2, Game Cube e Xbox uscito nel 2003. È un seguito spiriturale di Crash Team Racing ed è stato sviluppato da Vicarious Visions e distribuito dalla Vivendi.

Il gioco[modifica | modifica wikitesto]

Crash Nitro Kart funziona come CTR, ma con personaggi, oggetti e ambientazioni tratte dalla serie di Crash Bandicoot.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una tranquilla mattina, mentre Crash fa un pisolino, Coco lavora nel suo garage e Aku Aku aiuta Crunch a perdere peso, una strana luce che scende dal cielo risucchia la casa dei Bandicoot con tutti gli abitanti.

Lo stesso misterioso raggio rapisce anche il Dr. Neo Cortex, N. Gin, Tiny Tiger e Dingodile, staccando dal castello di Cortex la torre laboratorio dove lo scienziato e i suoi scagnozzi cercano di trovare un modo per conquistare il mondo.

I nostri eroi si ritrovano in un altro pianeta. Mentre si chiedono che cosa sta succedendo, un enorme schermo olografico entra in funzione, rivelando il volto del loro rapitore, Velo XXVII, Imperatore del pianeta alieno. Velo giustifica il rapimento dicendo di aver sentito parlare delle abilità dei terrestri nelle corse e di aver deciso di costringerli a gareggiare per far divertire i suoi sudditi. In caso di rifiuto, la Terra verrebbe distrutta.

Di fronte alla minaccia di distruzione del loro pianeta, il gruppo di Crash e quello di Cortex si trovano costretti ad accettare. Insieme a loro ci sono altre due squadre: quella di Nitros Oxide, con gli amici gasmoxiani Zem e Zam, e quella di N. Trance, che ha ipnotizzato Polar, Dingodile e Pura.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi giocabili[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Bandicoot[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Cortex[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Oxide[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Trance[modifica | modifica wikitesto]

Altri personaggi giocabili (solo versione Game Boy Advance)[modifica | modifica wikitesto]

  • Krunk (boss 1)
  • Nash (boss 2)
  • Norm (boss 3)
  • Geary (boss 4)
  • Spyro

Tracciati[modifica | modifica wikitesto]

Terranea

  • L'isola infernale
  • Giungla party
  • Tempio di Tiny
  • Caos nel tempio
  • Boss: Krunk (Giungla party)

Barin

  • Gola di meteore
  • Rovine di Barin
  • Guida acquatica
  • Follie gelate
  • Boss: Nash (Guida acquatica)

Fenomena

  • Tempo scaduto
  • Wumpa meccanica
  • Tuoni e fulmini
  • La tempesta
  • Boss: Norm (Tempo scaduto)

Teknee

  • Assemblaggio
  • Vicolo androidi
  • Viale elettrone
  • Caos magnetico
  • Boss: Geary (Vicolo androidi)

La cittadella di Velo

  • Sfida di Velo

Il caveau

  • Coppa gemma rossa (sbloccabile con i 4 gettoni CNK rossi)
  • Coppa gemma verde (sbloccabile con i 4 gettoni CNK verdi)
  • Coppa gemma blu (sbloccabile con i 4 gettoni CNK blu)
  • Coppa gemma viola (sbloccabile con i 4 gettoni CNK viola)
  • Rotta iperspazio (solo reliquia)

|}

Colori gettoni CNK[modifica | modifica wikitesto]

Gettoni CNK rossi Gettoni CNK verdi Gettoni CNK blu Gettoni CNK viola
L'isola infernale Giungla party Tempio di Tiny Caos nel tempio
Gola di meteore Rovine di Barin Guida acquatica Follie gelate
Tempo scaduto Wumpa meccanica Tuoni e fulmini La tempesta
Assemblaggio Vicolo androidi Viale elettrone Caos magnetico

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è stato pubblicato anche per telefoni cellulari con il titolo di Crash Nitro Kart 2, mentre nel 2008 è stata rilasciata una versione per iPhone e iPod Touch chiamata Crash Bandicoot Nitro Kart 3D e successivamente nel 2010 Crash Bandicoot Nitro Kart 2.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il personaggio di Nina Cortex introdotta successivamente in Crash Twinsanity avrebbe inizialmente dovuta essere introdotta in questo capitolo della saga ma i produttori decisero in seguito di aggiungerla nel capitolo successivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Crash Nitro Kart Nintendo GameCube releases, GameFAQs. URL consultato il 6 maggio 2015.
  2. ^ a b c d e Crash Nitro Kart PlayStation 2 releases, GameFAQs. URL consultato il 6 maggio 2015.
  3. ^ a b c Crash Nitro Kart Xbox releases, GameFAQs. URL consultato il 6 maggio 2015.
  4. ^ a b c d Crash Nitro Kart Game Boy Advance releases, GameFAQs. URL consultato il 6 maggio 2015.
  5. ^ a b c Crash Nitro Kart N-Gage releases, GameFAQs. URL consultato il 6 maggio 2015.
  6. ^ Crash Nitro Kart Mobile Phone releases, GameFAQs. URL consultato il 6 maggio 2015.
  7. ^ a b c d e f g h i j Non disponibile in modalità Avventura
  8. ^ a b c d e f g h Personaggio nascosto

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]