Craina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa della Serbia Centrale, la Craina corrisponde ai distretti di Bor e di Zaječar nella parte nord orientale

La Craina in (serbo: Timočka Krajina (o Тимочка Крајина), in romeno: Valea Timocului o Timoc) è una regione geografica situata nella Serbia orientale, percorsa dal fiume Timok, che conta, al censimento del 2002, 284.112 abitanti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1918 e il 1922, esistevano nell'area due distretti del Regno di Jugoslavia: il distretto Krajina, con capoluogo Negotin e il distretto Timok, con capoluogo Zaječar. Nel 1922 i due distretti furono uniti formando il neonato Timok Oblast e Zaječar ne rimase il capoluogo. Timor Oblast esistette fino al 1929 finché venne inclusa nella Morava Banovina, con capoluogo Niš. Attualmente ci sono due distretti nell'area: il distretto di Bor e il distretto di Zaječar, che prendono nome dai rispettivi capoluoghi.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La superficie della Craina corrisponde pressoché all'area coperta dai distretti di Bor e di Zaječar ed include 8 comuni:

La città più importante della zona è Zaječar.

Gruppi etnici in Craina (censimento 2002)[modifica | modifica wikitesto]

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionalmente gli abitanti della Craina parlano il dialetto torlakiano. Tuttavia nelle comunicazioni formali, viene utilizzato lo štokavo, il principale dialetto serbo. I Valacchi parlano la lingua romena.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La quasi totalità della popolazione della Craina, pratica l'Ortodossia serba.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La regione è ricca di rame e miniere d'oro, specialmente nelle aree di Bor e Majdanpeck.