cp (Unix)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

cp (abbreviazione dalla lingua inglese di copy, copia) è un comando dei sistemi operativi Unix e Unix-like, e più in generale dei sistemi POSIX[1], che effettua la copia di file e directory.

Uso[modifica | modifica wikitesto]

La sintassi generale di cp è

cp [opzioni] [--] sorgente1 [sorgente2 …] destinazione 

I parametri sorgente indicano i file e/o le directory da copiare. Se viene specificato un solo parametro sorgente, il parametro destinazione indica il file o la directory di destinazione.

Se vengono specificati più parametri sorgente, il parametro destinazione deve necessariamente essere una directory esistente, o al più un collegamento simbolico ad una directory.

Il doppio trattino -- (facoltativo) indica che i parametri successivi non sono da considerarsi opzioni.

Tra le opzioni principali vi sono:

-R
Copia ricorsivamente anche il contenuto di directory.
-i
Chiede conferma prima di sovrascrivere eventuali file esistenti.
-f
Nel caso non sia possibile sovrascrivere un file esistente (ad es. per problemi di permessi di scrittura sul file), tenta di levarlo di mezzo rimuovendolo.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Copia file1 in file2:

cp file1 file2

Copia file1 nella directory preesistente dir1:

cp file1 dir1

Copia vari file nella directory preesistente dir2:

cp file1 file2  dir2

Copia ricorsivamente vari file e directory nella directory preesistente backup:

cp -R file1 dir1 file2 dir2  backup

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) cp in The Open Group Base Specifications Issue 6 IEEE Std 1003.1, 2004 Edition. URL consultato il 18-05-2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Informatica