Counting Stars

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Counting Stars
Counting Stars.JPG
Screenshot tratto dal video del brano
Artista OneRepublic
Tipo album Singolo
Pubblicazione 14 giugno 2013
Durata 4 min : 17 s
Album di provenienza Native
Genere Pop
Indie rock
Etichetta Mosley, Interscope
Produttore Ryan Tedder
Noel Zancanella
Registrazione 2012
Formati CD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oro Germania Germania[7]
(vendite: 100 000+)

Messico Messico[8]
(vendite: 30 000+)

Stati Uniti Stati Uniti[9]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platino Italia Italia[1]
(vendite: 30 000+)

Australia Australia (6)[2]
(vendite: 420 000+)
Canada Canada (6)[3]
(vendite: 480 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (2)[4]
(vendite: 30 000+)
Regno Unito Regno Unito[5]
(vendite: 600 000+)

Svizzera Svizzera[6]
(vendite: 30 000+)
OneRepublic - cronologia
Singolo precedente
(2013)
Singolo successivo
(2013)

Counting Stars è un singolo del gruppo musicale statunitense OneRepublic, il terzo estratto dal loro terzo album in studio Native, pubblicato il 14 giugno 2013. Nel Regno Unito è stato pubblicato come primo singolo ufficiale. La canzone è stata scritta dal cantante Ryan Tedder, ed è stata prodotta da Tedder e Noel Zancanella.

La canzone ha ottenuto un grande successo internazionale, diventando uno dei singoli di maggior successo della band. Ha raggiunto la posizione numero 2 della Billboard Hot 100 e il primo posto nel Regno Unito, arrivando anche nei primi dieci posti in altri venti paesi, tra cui Australia, Canada, Francia, Germania, Irlanda, Italia e Nuova Zelanda.

Video musicale[modifica | modifica sorgente]

Il video musicale è stato girato il 10 maggio 2013 a New Orleans, Louisiana, e ha debuttato il 31 maggio 2013. Nel video si vede la band eseguire la canzone in una stanza cupa al piano terra di un edificio, circondata da lampadine appese - ripresa alternata con scene di alcune persone che stanno partecipando a una funzione religiosa di risveglio della fede in un luogo simile ad un ufficio al piano superiore. Alla fine del video, il pavimento dell'ufficio crolla e uno dei fedeli cade, finendo nella stanza sottostante dove la band stava eseguendo la canzone. Nel video sono inoltre presenti alcune scene in cui si vede un alligatore spostarsi da una stanza all'altra del piano terra. Il video musicale di accompagnamento della canzone è stato diretto da James Lees.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Counting Stars – 4:17
  2. Counting Stars (Lovelife Remix) – 3:55

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica (2013/2014) Posizione
massima
Australia[11] 2
Austria[12] 4
Belgio (Fiandre)[13] 22
Belgio (Vallonia)[14] 18
Canada[15] 1
Danimarca[16] 3
Finlandia[17] 1
Francia[18] 7
Germania[19] 3
Grecia[20] 4
Italia[21] 8
Irlanda[22] 2
Messico[23] 1
Norvegia[24] 4
Nuova Zelanda[25] 2
Paesi Bassi[26] 3
Polonia[27] 1
Portogallo[28] 3
Regno Unito[29] 1
Repubblica Ceca[30] 2
Slovacchia[31] 1
Spagna[32] 4
Stati Uniti[33] 2
Stati Uniti (adult contemporary)[33] 1
Stati Uniti (adult alternative)[33] 4
Stati Uniti (adult pop)[33] 1
Stati Uniti (dance)[33] 30
Stati Uniti (pop)[33] 1
Stati Uniti (digital)[33] 2
Stati Uniti (radio)[33] 1
Svezia[34] 6
Svizzera[35] 9
Ungheria[36] 3

Cover[modifica | modifica sorgente]

Il brano è stato reinterpretato nel 2014 dall'attore Skylar Astin nella serie TV Glee nell'episodio La città degli angeli, della quinta stagione. Anche il gruppo pop-rock e alternative-rock statunitense R5, nello stesso anno, ha realizzato una cover di Counting Stars, che è stata inoltre eseguita durante una tappa londinese del Louder World Tour con i The Vamps.

Sempre nel 2014, ad aprile, il cantante statunitense Secondhand Serenade ha pubblicato una sua cover di Counting Stars nell'album The Cover Up, della Destiny Nashville[37].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Certificazione Italia - Anno 2014, Settimana 4.
  2. ^ Accreditations - 2014 Singles, ARIA Charts. URL consultato il 10 luglio 2014.
  3. ^ Gold/Platinum, Musiccanada.com. URL consultato il 10 luglio 2014.
  4. ^ Certificazione Nuova Zelanda.
  5. ^ Certificazione Regno Unito.
  6. ^ Certificazione Svizzera.
  7. ^ Certificazione Germania.
  8. ^ Certificazione Nuova Zelanda.
  9. ^ Certificazione Stati Uniti.
  10. ^ ONEREPUBLIC | Counting Stars (2-Track): OneRepublic, Universal Music Group. URL consultato il 1º giugno 2013.
  11. ^ (EN) OneRepublic - Counting Stars, australian-charts.com. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  12. ^ (DE) OneRepublic - Counting Stars, austriancharts.com. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  13. ^ (NL) OneRepublic - Counting Stars, ultratop.be. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  14. ^ (FR) OneRepublic - Counting Stars, ultratop.be. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  15. ^ (EN) OneRepublic Albums & Songs Chart History, Billboard. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  16. ^ (EN) OneRepublic - Counting Stars, danishcharts.com. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  17. ^ (EN) OneRepublic - Counting Stars, finnishcharts.com. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  18. ^ (FR) OneRepublic - Counting Stars, lescharts.com. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  19. ^ (DE) OneRepublic - Counting Stars, Media Control Charts. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  20. ^ (DE) OneRepublic - Counting Stars, Media Control Charts. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  21. ^ Classifica settimanale WK 5 (dal 27-01-2014 al 02-02-2014), FIMI. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  22. ^ (EN) TOP 100 SINGLES, WEEK ENDING 8 August 2013, GFK Chart-Track. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  23. ^ (EN) OneRepublic - Counting Stars, charts.org.nz. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  24. ^ (EN) OneRepublic - Counting Stars, norwegiancharts.com. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  25. ^ (EN) OneRepublic - Counting Stars, charts.org.nz. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  26. ^ (NL) OneRepublic - Counting Stars, dutchcharts.nl. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  27. ^ (NL) OneRepublic - Counting Stars, dutchcharts.nl. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  28. ^ (EN) OneRepublic Albums & Songs Chart History, Billboard. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  29. ^ (EN) 2013 Top 40 Official Singles Chart UK Archive 12th October 2013, Official Charts Company. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  30. ^ (CS) OneRepublic - Counting Stars, IFPI. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  31. ^ (SK) OneRepublic - Counting Stars, IFPI. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  32. ^ (EN) OneRepublic - Counting Stars, spanishcharts.com. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  33. ^ a b c d e f g h (EN) OneRepublic - Chart history, Billboard. URL consultato il 25 aprile 2014.
  34. ^ (EN) OneRepublic - Counting Stars, swedishcharts.com. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  35. ^ (DE) OneRepublic - Counting Stars, hitparade.ch. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  36. ^ (HU) Archívum – Slágerlisták – MAHASZ – Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége, MAHASZ. URL consultato il 22 gennaio 2014.
  37. ^ (EN) Destiny Nashville Launches Label with ‘The Cover Up’ feat. Secondhand Serenade, Amy Stroup, Elenowen & more, Ventsmagazine.com, 16 aprile 2014. URL consultato il 23 aprile 2014.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica