Counterfeit²

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Counterfeit²
Artista Martin Lee Gore
Tipo album Cover
Pubblicazione 28 aprile 2003(Europa)
29 aprile 2003 (Nord America)
Durata 42 min : 59 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Synth pop
Etichetta Mute Records (UK)
Reprise Records (USA)
Produttore Andrew Phillpott e Paul Freegard
Martin Lee Gore - cronologia
Album precedente
(1989)
Album successivo

Counterfeit² è il secondo album da solista di Martin Lee Gore, chitarrista, tastierista ed autore dei Depeche Mode, uscito in Europa il 28 aprile 2003 sotto l'etichetta Mute Records. L'album si compone di sole cover reinterpretate in chiave synth pop di pezzi definiti dall'artista cruciali nella sua formazione di compositore e musicista. L'album può essere ascoltato liberamente e completamente sul sito ufficiale di Martin.
Precedentemente, nel 1989, Martin Lee Gore ha pubblicato l'EP Counterfeit E. P..
Due sono i singoli estratti dall'album, Stardust, uscito il 14 aprile 2003 (con Life is Strange dei T-Rex come B-side, un video di Left Hand Luke And The Beggar Boys, sempre dei T-Rex ed alcuni remix di Stardust e I Cast a Lonesome Shadow) e Loverman EP², composto da alcuni remix dell'omonimo pezzo e di Das Lied vom einsamen Mädchen. Di quest'ultimo esiste inoltre una versione contenente un DVD con la registrazione di alcuni brani eseguiti durante il concerto del 30 aprile 2003 all'Alcatraz di Milano.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. In My Time of Dying – 4:24 (blues tradizionale)
  2. Stardust – 3:08 (David Essex)
  3. I Cast a Lonesome Shadow – 4:51 (Hank Thompson/Lynn Russwurm)
  4. In My Other World – 3:53 (Julee Cruise/Louis Tucci)
  5. Loverman – 7:02 (Nick Cave)
  6. By This River – 4:01 (Brian Eno/Hans-Joachim Roedelius/Dieter Moebius)
  7. Lost in the Stars – 2:52 (Maxwell Anderson/Kurt Weill)
  8. Oh My Love – 3:33 (John Lennon/Yoko Ono)
  9. Das Lied vom einsamen Mädchen – 5:25 (Werner R. Heyman/Robert Gilbert)
  10. Tiny Girls – 3:20 (David Bowie/Iggy Pop)
  11. Candy Says – 4:35 (Lou Reed)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sito Ufficiale