Costituzione di Nauru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nauru

Questa voce è parte della serie:
Politica di Nauru



Altri stati · Atlante

La costituzione della Repubblica di Nauru fu adottata il giorno dell'indipendenza nazionale, il 31 gennaio 1968.

Nel 2007 vi fu un acceso dibattito sulla possibilità di modificare alcune parti del testo, per evitare le frequenti crisi di governo. Si parlò in particolare di rendere la carica di presidente di Nauru elettiva a suffragio universale diretto, in luogo del corrente sistema, in cui il presidente è eletto dal parlamento di Nauru. In effetti, le crisi istituzionali su Nauru sono frequentissime: governi e presidenti spesso non durano in carica neanche un anno (ad esempio Bernard Dowiyogo, che fu presidente per sette mandati, fino alla morte avvenuta nel 2003).

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La costituzione di Nauru si divide in 11 parti:

Parte I (Artt.1-2) - Introduzione
Parte II (Artt. 3-15) - Diritti e libertà fondamentali
Parte III (Artt. 16-25) - Presidente ed esecutivo
Parte IV (Artt. 26-47) - Legiferazione
Parte V (Artt. 48-57) - Giustizia
Parte VI (Artt. 58-67) - Finanza
Parte VII (Artt. 68-70) - Servizi pubblici
Parte VIII (Artt. 71-76) - Cittadinanza
Parte IX (Artt. 77-79) - Poteri in stato di emergenza
Parte X (Artt. 80-84) - Disposizioni generali
Parte XI (Artt. 85-100) - Disposizioni transitorie

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]