Costco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Costco
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Società per azioni
Fondazione 1983 a Kirkland, Stati Uniti USA
Sede principale Issaquah, USA
Filiali 583
Persone chiave
Settore Grande distribuzione organizzata
Prodotti Alimentari e generi di largo consumo
Fatturato 71.422 Mld US$ (2009)
Risultato operativo 1.777 Mld US$ (2009)
Utile netto 1.086 Mld US$ (2009)
Dipendenti 147.000 (2009)
Sito web www.costco.com

La Costco, è la più grande catena americana di ipermercati all'ingrosso. Dal luglio del 2009 è considerata la terza catena commerciale americana e nona nel mondo.[1][2] Dall'ottobre del 2007 è la prima azienda mondiale per quantità di vino venduto.[3]

Luoghi[modifica | modifica sorgente]

Il quartier generale si trova a Issaquah nello Stato di Washington[4] ma venne fondata nel 1983 a Kirkland, sempre nello Stato di Washington con l'apertura del primo magazzino all'ingrosso nelle vicinanze di Seattle.[5] I centri commerciali Costco sono present in Gran Bretagna, in Canada, in Australia, in Messico, a Taiwan, in Corea del Sud, in Giappone e negli Stati Uniti.[6]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il logo usato fino ai primi anni novanta.

Fondata da James Sinegal e Jeffrey Brotman,[7] la Costco ha aperto il suo primo centro all'ingrosso vicino a Seattle il 15 settembre del 1983.[8] Sinegal aveva iniziato a lavorare presso negozi all'ingrosso per Sol Price e per entrambi i suoi marchi, FedMart e Price Club, ed anche, sin da giovane, nel settore della grande distribuzione. Sol Price è morto il 14 dicembre del 2009 all'età di 93 anni.[9]

Nel 1993, grazie alla similitudine sia nelle dimensioni che nel modello commerciale la Costco e la Price Club, fondata da Sol e Robert Price, si fusero in un'unica azienda[5] Così, la nuova società creata dalla fusione, la PriceCostco, aveva raddoppiato la sua capitalizzazione. La PriceCostco poté così contare su 206 centri commerciali, con un giro di vendite di 16 miliardi di dollari annui.[10] La ditta venne inizialmente guidata da entrambi consigli di amministrazione, ma nel dicembre del 1994 Sol e suo figlio Robert decisero di uscirne, fondando la Price Enterprises.[5] Anche il fondatore della Wal-Mart, Sam Walton, prima del 1993 era interessato ad una fusione con Price Club, ma non se ne fece nulla.[11] Il primo negozio Price Club venne aperto nel 1976 in un vecchio hangar aeronautico,[5][10] in precedenza appartenuto ad Howard Hughes, ed è ancora aperto oggi (negozio numero 401 a San Diego). Nel 1997, la compagnia cambiò il proprio nome in Costco Wholesale e tutti i negozi Price Club cambiarono insegna in Costco.[5][10]

Costco oggi[modifica | modifica sorgente]

Ingresso a Henderson in Nevada

Negli Stati Uniti, i principali concorrenti del settore sono Sam's Club e BJ's Wholesale Club.[12] Anche se i Sam's Club dispongono di un maggior numero di centri all'ingrosso[13] rispetto alla Costco, questa realizza volumi di vendita superiori.[14] La Costco impiega circa 142.000 dipendenti sia a tempo pieno che a tempo parziale ,[6] compresi lavoratori stagionali. Nel settembre del 2009 la Costco contava 55 milioni di soci.[15]

La Costco fu la prima azienda a crescere, in meno di sei anni, da zero a 3 miliardi di dollari in merce venduta.[10] Per l'anno fiscale conclusosi il 31 agosto del 2009, l'azienda ha venduto prodotti per un valore complessivo di 71.42 miliardi,[6] con un profitto netto di 1.09 miliardi di dollari[16] La Costco nel 2010 raggiunse la 25ª posizione a livello mondiale per capitalizzazione, secondo la rivista Fortune 500.[16] Le associazioni di consumatori americane considerano la Costco la prima azienda nella grande distribuzione.[17]

Negli Stati Uniti, Costco chiude solo 7 giorni l'anno per festività nazionali:

Modello di vendita[modifica | modifica sorgente]

Interno di un tipico negozio Costco

La Costco è focalizzata nella vendita di prodotti a basso prezzo, generalmente in grosse quantità, destinati principalmente alle attività commerciali al dettaglio e alle famiglie numerose. L'azienda tende a concentrare la vendita su grossi volumi acquistando da un unico fornitore, esclusi i prodotti marchiati Kirkland, marchio della Costco. Questa strategia di vendita consente un abbassamento dei prezzi grazie ai ridotti costi di vendita e di marketing. Se il managment della Costco considera il prezzo di un prodotto eccessivamente alto lo rifiuta. Per esempio, il 16 novembre del 2009, Costco ha annunciato che non avrebbe più venduto prodotti Coca-Cola poiché l'azienda non voleva abbassare i prezzi.[18] Dopo una lunga trattativa, la Costco ha ripreso la vendita di prodotti Coca-Cola il 14 dicembre dello stesso anno.[19][20] La Costco, per ridurre i costi di gestione, non fornisce né sacchetti, né materiale d'imballaggi. Per trasportare la merce i clienti si devono portare borse personali o utilizzare sacchetti sponsorizzati, disponibili dopo le casse.

I costi di illuminazione vengono ridotti nei giorni soleggiati grazie alle presenza di lucernai posti sul tetto degli edifici. Durante il giorno, appositi dispositivi elettronici misurano l'intensità della luce che entra spegnendo un'appropriata percentuale di luci interne. Durante un tipico giorno soleggiato è molto probabile, per la zona centrale degli edifici, avere tutte le luci spente.[21]

La maggior parte dei prodotti vengono disposti nel magazzino su pallet di spedizione e direttamente utilizzati per mostrare i prodotti in vendita. Questo consente un ulteriore risparmio rispetto ai negozi al dettaglio che tengono i prodotti sugli scaffali. La Costco limita il ricarico sui prezzi degli articoli al massimo fino al 15%.

L'associazione[modifica | modifica sorgente]

Costco a Mexico City

Con l'esclusione di alcolici, benzina e medicine prescrivibili, i negozi Costco sono accessibili soltanto ai soci ed ai loro ospiti. Le tessere associative devono essere acquistate in anticipo ogni anno. Gli acquisti effettuati nel sito non richiedono la tessera di socio, mentre i clienti che acquistano presso i centri commerciali, se privi di tessera, sono gravati di un costo aggiuntivo del 5% su ogni acquisto. I negozi Canadesi della Costco accettano solo American Express, e carte di debito con codice PIN (Interac in Canada), contanti e buoni pasto. Il centro commerciale consente ai propri membri di farsi accompagnare solo da una persona, ma solo i membri hanno l'autorizzazione all'acquisto. La carta di credito più conveniente e accettata è l'American Express, negli Stati Uniti, in Canada e in Giappone, in quanto le commissioni di interscambio sono molto basse grazie ad una percentuale sui ricavi che l'American Express riceve dalla Costco. La Costco, inoltre, negli Stati Uniti accetta carte di debito flessibili (FSA) per acquisti qualificati di farmaci e ottica.

Le quote di adesione[modifica | modifica sorgente]

Le quota di adesione annuale per il socio Gold Star è di $50 all'anno, mentre il socio Executive paga 100$. A differenza del socio Gold Star, il socio Executive ha la possibilità di usufruire di sconti speciali per l'acquisto di automobili, di appartamenti, di assicurazioni auto, e sui servizi di stampa fotografie. Inoltre può ricevere un ulteriore 2% di sconto su tutti gli acquisti per un massimo di 500 $, escluse sigarette, benzina e, in alcuni Stati, alcolici.[22] In Canada i soci pagano 55$ canadesi, per una carta Gold Star, e 100 $ canadesi per la carta Executive.[23] In Gran Bretagna il socio Trade paga 20 £ all'anno, più la VAT e una carta gratuita per il coniuge. I dipendenti della National Health Service e altri dipendenti del governo hanno diritto ad un abbonamento individuale al costo di 25 £. In Australia l'adesione annuale per un cliente d'affari è di 55 $ australiani, e 60 $ australiani per clienti Gold Star.[24]

In Messico, l'adesione costa 400 $ messicani all'anno per una tessera Gold Star, e 1000 $ messicani per una tessera Executive.[25] In Messico i soci Costco possono accedere all'acquisto di tutti i servizi e di tutti i prodotti. I supermercati dislocati nel territorio messicano accettano solo contante o carta Visa Electron. Per gli acquisti con Visa o Mastercard viene applicato un costo pari al 4% del totale acquistato.

Politica[modifica | modifica sorgente]

Australia's first Costco outlet, at Docklands, Victoria

Politica di ritorno[modifica | modifica sorgente]

I soci Costco, in qualsiasi momento hanno la garanzia di un totale rimborso per qualsiasi prodotto difettoso.[26] Unica eccezione sono i televisori, i proiettori, i computer, le macchine fotografiche, le videocamere, i lettori audio digitali e i telefoni cellulari, prodotti che hanno un termine di 90 giorni, al di fuori del quale non possono essere rimborsati, e devono essere inviati al produttore, nel rispetto dei termini di garanzia. La CostCo si è accordata con i produttori per estendere la garanzia, sia per i televisori che per i computer, per altri due anni. Inoltre, offre un servizio gratuito per i membri che acquistano prodotti elettronici che richiedono una specifica configurazione.[26]

Buoni pasto negli USA[modifica | modifica sorgente]

Fino al 2009, la Costco non accettava i buoni pasto. In un articolo del 14 marzo 2009, la Pittsburgh Post-Gazette ha citato un'intervista a Jim Sinegal, co-fondatore e presidente della società, che al riguardo affermava: "In generale non abbiamo clienti che utilizzano i buoni pasto".[27]

A causa della crisi economica, dell'impoverimento generale della società americana e della decisione del BJ's Wholesale Club, principale concorrente della CostCo, l'azienda annunciò nel maggio 2009 di accettare, in via sperimentale, l'utlizzo di buoni pasto, presso due negozi della città di New York a partire dal giugno 2009, e, a seconda del successo dell'iniziativa, estendere il loro utilizzo a tutti i negozi di New York.[28] Successivamente la società ha annunciato di espandere il programma, puntando in primo luogo alle zone del Michigan e della California più colpite dalla crisi economica, e introducendo successivamente il loro uso in metà circa dei suoi 410 negozi a partire dal giorno del ringraziamento, fino a estendere l'iniziativa a livello nazionale.[29]

Le Cash Cards[modifica | modifica sorgente]

Nei magazzini CostCo possono essere acquistate delle particolari carte, le Cash Cards, sulle quali i soci possono effettuare versamenti per acquisti non in contanti, presso tutti i magazzini statunitensi e australiani. Dato che i distributori di benzina della Costco accettano solo Cash Card, Carte di debito e American Express, coloro che possono pagare solo con assegni o contanti, prima di fare il pieno, devono acquistare una Cash Card all'interno del magazzino.

Prodotti[modifica | modifica sorgente]

Nel corso degli anni, la Costco ha progressivamente ampliato la sua gamma di prodotti e servizi, inizialmente limitata ai prodotti in scatola facilmente disponibili dalle grosse confezioni situate sui pallet. Oggi è possibile acquistare molti altri prodotti, come prodotti freschi, carne, latticini, pesce, prodotti da forno, fiori, vestiti, libri, software per computer, aspirapolvere, elettrodomestici, elettronica di consumo, pannelli solari, gioielli, pneumatici, vino, vasche per idromassaggio, mobili e cofanetti. Molti magazzini dispongono di pneumatici per auto, farmacie, centri di aiuto per l'udito, optometristi, sviluppo foto digitali, e stazioni di servizio. Gli optometristi che lavorano nei centri Costco accettano anche visite di persone prive della tessera associativa. La Costcol Optical rappresenta la quarta più grande società di ottica degli Stati Uniti.[30]

Presso alcune città sono accessibili negozi di alcoolici, generalmente separati dal magazzino principale, separazione necessaria al fine di adeguarsi alle restrizioni legislative nella vendita di liquori. Per esempio, in alcuni stati, come nel Texas, questi negozi devono essere di proprietà e gestiti tramite una società separata con propri dipendenti.[31] Il tentativo della Costco di acquistare direttamente dai produttori di vino, evitando il pagamento dello state retail, e aggirando il monopolio, ha indotto lo stato di Washington a intentare causa, causa che l'azienda ha perso.[32] In Australia, la Costco deve rispettare norme commerciali stabilite in ogni stato. I negozi presenti nello stato di Victoria, per esempio, beneficiano delle leggi di autorizzazione più liberali presenti in Australia, i cui rivenditori sono autorizzati a vendere alcolici sugli scaffali all'interno del centro commerciale, come avviene regolarmente in molti paesi europei, ma con una cassa separata.[senza fonte]

Marchio Kirkland[modifica | modifica sorgente]

Kirkland Signature branded bottled water

Il marchio Kirkland è di proprietà esclusiva della Costco, marchio conosciuto nel mondo dell'industria come "private label". È presente sia sul sito internet che presso i centri commerciali. Il nome Kirkland è dovuto al fatto che la sede centrale della Costco si trovava tra il 1987 ed il 1996 nella città di Kirkland (Washington).[33] La Costco ha introdotto il marchio nel 1995. L'idea è nata per identificare categorie di prodotti con un marchio di qualità a prezzi scontati.[34]

Servizi[modifica | modifica sorgente]

La Costco agisce anche come broker di investimento e agenzia viaggi. Hanno inoltre attivato un programma dove i soci possono acquistare auto nuove a prezzi scontati. La CostCo dal 2004 ha stipulato un accordo con l'Ameriprise per l'acquisto di assicurazioni auto, offrendo a tutti i clienti un'opera originale del pittore Pablo Picasso. Più recentemente viene offerta una bottiglia di un vino raro, il Château Mouton Rothschild del 1982, vino che a rotazione viene sostituito con un'altra marca, ma altrettanto raro.[senza fonte] Il Costco Photo Center è un laboratorio di stampe fotografiche multifunzionale in grado di offrire i suoi servizi sia dai magazzini che dal sito web, costcophotocenter.com. Il sito offre gratuitamente senza limiti di archiviazione la memorizzazione di file digitali. Prima del maggio o giugno 2010, la Costco ha stipulato un accordo con il sito Mypublisher.com per la pubblicazione di libri e calendari personalizzati.

Acquisti online[modifica | modifica sorgente]

Secondo un sondaggio effettuato dalla Compete.com survey , il sito Costco.com ha superato i 58 milioni di visitatori nel 2008[35] e possiede tre siti internet dedicati all'e-commerce, tra i quali: Costco.com per il mercato statunitense, Costco.ca per il Canada e Costco.co.uk per il Regno Unito.

Viaggi Costco[modifica | modifica sorgente]

La Costco Travel è una società interamente controllata dalla Costco Wholesale : dal 2000 offre viaggi di piacere ai soci statunitensi.[36] Le agenzie viaggio si trovano ad Issaquah, nei pressi della sede centrale della Costco. La Costco Travel impiega 290 professionisti, che propongono diversi pacchetti vacanza alle Hawaii, nel Messico, ai Caraibi, in Europa, ad Orlando, nel Sud Pacifico, nel deserto del sud-ovest e a Las Vegas. Sono disponibili anche viaggi in crociera, vacanze guidate, vacanze presso i parchi di divertimento, servizi di noleggio, case alloggio, hotel, e case di lusso.

Ristorazione[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte dei negozi Costco sono dotati di ristorante, che offrono a tutti i commensali a soli 1,50 $ (lo stesso prezzo del 1985) 113 grammi (1/4 di libbra) di hot dog di carne bovina o salsiccia e 567 grammi (20 once) di una bevanda (con ricarica).[37] In Australia l'hot dog è di carne di maiale e viene venduto al prezzo di 2,49 $ accompagnato da una soda grande.[38] Anche in Messico l'hot dog è di carne suina, e comprende una bevanda, con ricarica per 2,5 $. Mentre nel Regno Unito l'hot dog è di carne di manzo ed è accompagnato da una bevanda per 1,5 £.

La Costco, dal 2008 ha venduto più di 82 milioni di hot dog.[38] Nei ristoranti Costco è disponibile la pizza in diversi gusti: al formaggio, ai peperoni, vegetariana, combo. Lo yogurt gelato viene servito sia con il cioccolato, che alla vaniglia o con entrambi i gusti. Inoltre è possibile acquistare frullati di frutta di bosco mista, il cappuccino, il pollo, panini, piadine, tacchino, churros, insalate e in alcune località il gelato. In alcune località sono offerte anche le patatine fritte. Con il tempo il churro ha sostituito il pretzel. I dati nutrizionali sono pubblicati online.[39] Nell'aprile del 2010, alcuni centri commerciali della Costco di Stati Uniti e Canada hanno sostituito la Coca Cola con la Pepsi Cola.[senza fonte]

Lavorare da Costco[modifica | modifica sorgente]

Mentre alcuni Price Club situati in California e nel nordest degli Stati Uniti sono gestiti dalla International Brotherhood of Teamsters,[40] la maggior parte dei centri commerciali Costco non sono sindacalizzati. Comunque i contratti, vengono rinnovati dalla Costco ogni tre anni, in concomitanza con le ratifiche dei contratti collettivi. Il contratto, pur non essndo ratificato dal sindacato è simile ad un contratto sindacale, un accordo stipulato con i dipendenti che raccoglie assieme ai compensi e ai salari, procedure disciplinari, ferie pagate e bonus di anzianità. Il salari orari della CostCo variano negli Stati Uniti da 11 $ a 21 $ , in Canada da 11 $ a $ 22,15 , e da 6,28 £ a 10,00 £ nel Regno Unito. Negli Stati Uniti, l'ottanta per cento dei lavoratori della Costco possiede un'assicurazione sanitaria, più del doppio dei dipendenti dei centri commerciali concorrenti, quali Walmart e Target.[41] I dipendenti che operano nel settore dei campioni alimentari lavorano per una società esterna. Negli Stati Uniti occidentali, l'azienda si chiama Warehouse Demo Servizi, ha sede a Kirkland, nello stato di Washington.[42] La Costco utilizza per le dimostrazioni la sede di San Diego[43] in California. In Canada le dimostrazioni sono esclusivamente effettuate in appositi sedi professionali.[43][44]

Costco nel mondo[modifica | modifica sorgente]

I negozi situati al di fuori degli Stati Uniti sono simili a quelli statunitensi. Il layout, la segnaletica ed anche i parcheggi sono generalmente identici a quelli negli States e i ristoranti sono allineati al gusto internazionale. In Canada vengono offerte le poutine, mentre in Asia e in Messico è disponibile la pizza ai frutti di mare, in Giappone e in Corea del Sud la zuppa di vongole, infine in Gran Bretagna le patate fritte al cartoccio e in Australia il pasticcio di carne.[45] La disponibilità dei prodotti venduti nei centri commerciali è adattata ai gusti locali, con un sapiente mix di prodotti americani e prodotti del luogo.

Negozi[modifica | modifica sorgente]

Nel settembre del 2010 la Costco contava 572 negozi:[46]

Nel 2005 il Costco più grande al mondo era quello di Hillsboro in Oregon.[47][48]

Altri formati di vendita[modifica | modifica sorgente]

La Costco ha sperimentato negli anni altri formati di vendita dei prodotti. Per esempio, nel febbraio 2003 vennero abbandonati i progetti per supermarket di qualità, per buongustai (supermarket gourmet). Il formato di adesione prevedeva la possibilità di acquisti presso una farmacia, un panificio, un bar, un negozio di gastronomia, un garden center, reparti di ottica, con prodotti confezionati in piccole quantità.[49]

Costco Business Centers[modifica | modifica sorgente]

I Costco Business Centers concentrano al loro interno un ristorante, un albergo, un minimarket e un negozio di forniture per ufficio professionali. Gli articoli sono offerti in lotti o in piccole quantità con una vastissima selezione di prodotti, sempre disponibili alla consegna.[50] Nei Costco Bussiness Centre a differenza dei tradizionali centri Costco, i clienti non trovano vestiti, articoli sportivi, gioielli, e prodotti farmaceutici.[50] Dal settembre 2010, sono accessibili otto Costco Business Center : in California a Commerce, in Hawthorne, ad Hayward, e a San Diego, nello stato di Washington, a Lynnwood e a Fife, mentre in Nevada a Las Vegas, e in a Arizona a Phoenix.[46]

Costco Home[modifica | modifica sorgente]

Il primo magazzino Costco Home ha aperto nel 2002 a Kirkland, nello stato di Washington. Il magazzino venne concepito per attirare una clientela disponibile all'acquisto di prodotti di lusso, in grado di coniugare qualità, valore in prodotti di fascia alta, come già avevano già fatto centri commerciali tipo Fortunoff o Create & Barrel. In questi magazzini, per esempio, i mobili, i prodotti per la cucina e gli accessori sono considerati quasi di lusso, rappresentati da marchi tipo Lexington, Ralph Lauren e Waterford. Grazie ad una politica di vendita orientata ad un maggior volume è stato possibile da parte della Costco applicare margini di guadagno più bassi e di conseguenza prezzi alla clientela migliori.[51]

Con il tempo presso le Costco Home sono stati introdotti articoli di elettronica per la casa, tra cui i principali marchi di elettrodomestici, mobili per ufficio, e una vasta selezione di mobili da giardino. Anche partner come la Glentel filiale della Wireless, ha iniziato a vendere piani telefonici e telefoni cellulari. Il 2 aprile 2009, la società ha annunciato di chiudere i due negozi esistenti a Kirkland, Washington e Tempe, in Arizona, e il 3 luglio 2009 di abbandonare i piani per l'apertura di terzo negozio sulla West Coast.[52] La società si è giustificata affermando che la crisi aveva ridotto l'acquisto di prodotti per la casa, costringendola a rifocalizzare i suoi interessi sul core business.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Top 100 Retailers STORES
  2. ^ World's largest retailers STORES
  3. ^ The high quality, mass market retailer Wine Business International, October 2007
  4. ^ Costco Wholesale shareholder info, Costco Wholesale.
  5. ^ a b c d e Costco Wholesale Historical Highlights, Costco Wholesale, 12 febbraio 2009. URL consultato il 27 novembre 2009.
  6. ^ a b c Costco Wholesale company profile, Costco Wholesale, 12 novembre 2009.
  7. ^ Biography of Jeffrey Brotman
  8. ^ Why Become A Costco Member?, Costco Wholesale. URL consultato il 27 novembre 2009.
  9. ^ Margalit fox, Sol Price, Who Founded Price Club, Is Dead at 93 in The New York Times, 16 dicembre 2009. URL consultato il 24 dicembre 2009.
  10. ^ a b c d Costco Wholesale membership, Costco Wholesale.
  11. ^ Sol Price; John Helyar; Ann Harrington, Sol Price On Off-Price in Fortune, 24 novembre 2003.
  12. ^ BJ's Smaller in Store Size but Mightier in SKU Count in Home Textiles Today, Reed Elsevier, 20 luglio 2009. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  13. ^ About Sam's Club, Sam's Club, 9 febbraio 2009. URL consultato il 27 novembre 2009.
  14. ^ Sam's Club company profile in Hoover's. URL consultato il 27 novembre 2009.
  15. ^ Costco Today, Costco, settembre 2009. URL consultato il 17 aprile 2010.
  16. ^ a b 25. Costco Wholesale in Fortune, 3 maggio 2010. URL consultato il 28 settembre 2010.
  17. ^ Scores By Company: Costco Wholesale Corporation in American Customer Satisfaction Index (ACSI).
  18. ^ Emily Fredrix, Costco nixes Coke products over pricing dispute in Yahoo! Finance, Associated Press. URL consultato il 27 novembre 2009. [collegamento interrotto]
  19. ^ Joe Guy Collier, Coke returns to Costco next week in The Atlanta Journal-Constitution, 10 dicembre 2009. URL consultato il 24 dicembre 2009.
  20. ^ Melissa Allison, Costco brings back Coke next week, reports 1 percent boost in first-quarter profit in The Seattle Times, 10 dicembre 2009. URL consultato il 24 dicembre 2009.
  21. ^ http://www.pge.com/includes/docs/pdfs/shared/edusafety/training/pec/daylight/1487Coco_repaginated.pdf
  22. ^ Member Benefits and Costco Services, Costco Wholesale, marzo 2009.
  23. ^ Costco - Gift of Gold Star Membership, Costco Wholesale Canada. URL consultato il 7 maggio 2010.
  24. ^ Costco Wholesale Australia Join the club, Costco Wholesale Australia. URL consultato il 9 luglio 2009.
  25. ^ Costco Mexico.
  26. ^ a b Costco Wholesale Return Policy
  27. ^ China Millman, Needy shoppers prompt subsidy adjusting in Pittsburgh Post-Gazette, 14 marzo 2009.
  28. ^ Lee, Jennifer, Costco Will Accept Food Stamps at 2 Stores in The New York Times, 27 maggio 2009.
  29. ^ Melissa Allison, Costco plans to accept food stamps nationally in The Seattle Times, 27 ottobre 2009. URL consultato il 27 novembre 2009.
  30. ^ Costco Story, Costco Wholesale
  31. ^ Texas Alcoholic Beverage Code section 22.14
  32. ^ Costco Lawsuit Against Washington [collegamento interrotto], WSLCB Website
  33. ^ Business Spotlight: Costco Wholesale. URL consultato il 26 ottobre 2006 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  34. ^ Brad Broberg, Costco buying power makes dent in private-label wine market. URL consultato il 30 marzo 2007.
  35. ^ Site Profile for costco.com (rank #136) in Compete. URL consultato il 27 novembre 2009.
  36. ^ Costco Travel
  37. ^ The Seattle Times: Restaurants: Costco is THE place for inexpensive dining
  38. ^ a b Order in the court Costco Connection. March 2009. Volume 24. Issue 3. pp. 21.
  39. ^ Costco Food Court Nutrition Data
  40. ^ Costco Workers Stand Together
  41. ^ Steven Greenhouse, How Costco Became the Anti-Wal-Mart in The New York Times, 17 luglio 2005.
  42. ^ Warehouse Demo Services (WDS) - Costco Product Demonstrations from wdsdemos.com
  43. ^ a b Club Demonstration Services [collegamento interrotto]
  44. ^ Professional Warehouse Demonstrations
  45. ^ COSTCO Melbourne Docklands Prices List - Comparison *Updated* in BuckScoop. URL consultato il 30 agosto 2009.
  46. ^ a b First Costco Business Center coming to San Diego, a September 3, 2010 article from The (San Diego) Daily Transcript
  47. ^ Costco Cuts Recruitment Costs, Then Ribbon in Employment Department Success Stories, State of Oregon.
  48. ^ Doug Desjardins, At 40% larger, new Costco prototype redefines big in DSN Retailing Today, 19 dicembre 2005. URL consultato il 29 novembre 2009.
  49. ^ Costco Ends Plans for Gourmet Shop in Bellevue, a February 4, 2003 article from Retail Merchandiser via allbusiness.com
  50. ^ a b First Costco Business Center in Las Vegas opens, a February 20, 2009 article from the Las Vegas Sun
  51. ^ Doug Desjardins, Costco Home poised to revolutionize high-end furniture in DSN Retailing Today, 6 gennaio 2003. URL consultato il 27 novembre 2009.
  52. ^ http://news.yahoo.com/s/nm/20090402/bs_nm/us_costco [collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]