Costanza d'Avalos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma della famiglia d'Avalos
La Gioconda

Costanza d'Avalos (14601541) fu una nobile di origine spagnola appartenente alla famiglia dei D'Avalos.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era figlia di Innico I d'Avalos, conte di Monteodorisio, e dell'ereditiera Antonella d'Aquino.

Venne data in sposa nel 1477 a Federico del Balzo, principe di Altamura e duca di Venosa, figlio di Pietro Del Balzo e fratello della regina di Napoli Isabella[1].

Dopo essere rimasta vedova senza figli, Federico I di Napoli le concesse il ducato di Francavilla.

Seguì il fratello Innico II d'Avalos a Ischia. Nel 1503 lottò contro i francesi ottenendo l'anno dopo il governo dell'isola[2]. A Ischia stabilì la sua corte, frequentata dai maggiori umanisti napoletani del suo tempo.

Alcuni studiosi vedono ritratta ne La Gioconda di Leonardo da Vinci non la fiorentina Lisa Gherardini ma Costanza[2][3].

Nel 1528 Carlo V concesse a Costanza tutta l'area che corrisponde all'attuale comune di Pescara[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Baux 3
  2. ^ a b Pennaluce - Vasto domani
  3. ^ Famiglia d'Avalos
  4. ^ Riserva Naturale Parco D'Avalos - Pescara - tuttoAbruzzo.it (Abruzzo)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]