Costanza Caracciolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Costanza Caracciolo
Caracciolo.png
Altezza 170 cm
Misure 84-64-88
Peso 52Kg kg
Scarpe 37 (UE)
Occhi Azzurri
Capelli Biondi

Costanza Caracciolo (Lentini, 17 gennaio 1990) è una showgirl, modella, attrice, conduttrice televisiva e stilista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività artistica[modifica | modifica wikitesto]

Ha frequentato sin da piccola una scuola di danza, ha partecipato all'edizione 2007 del concorso di bellezza Fotomodella dell'anno classificandosi seconda[1], nel giugno 2008 si è diplomata al liceo classico[2]. Nell'estate 2008 ha partecipato, per la categoria bionde, al programma di Canale 5 Veline,[3] vincendo la finalissima del 18 settembre in coppia con la mora Federica Nargi e, quindi, le due showgirl sono state per quattro edizioni consecutive (dal 22 settembre 2008 al 10 giugno 2012 e ancora oggi questo record è imbattuto) le veline di Striscia la Notizia, quindi nelle stagioni 2010-2011 e 2011-2012 hanno condotto il programma di La5 Le nuove mostre. Nell'estate 2011 debuttò, insieme a Federica Nargi, come attrice di cinema recitando nel film Capitan Basilico 2 - I Fantastici 4+4 di Massimo Morini. Nell'autunno 2012 partecipò, in coppia con Federica Nargi per la squadra Le veline,[4] alla prima edizione di Pechino Express, un reality show di Rai 2 in cui hanno ottenuto, nonostante la mancata vittoria[5], un ottimo riscontro di immagine e di critica[6].

Nel dicembre 2012[7] è stata una delle concorrenti[7] di Cuochi e Fiamme Celebrities, un talent show culinario di La7d.[7] Nel marzo 2013[8] è stata una delle concorrenti-vip[8] del game show di Rai 1 Red or Black? - Tutto o niente.[8] Nella primavera 2013[9] è stata, insieme a Francesca Fioretti e Federica Nargi,[9] una delle modelle e testimonial della casa di moda Yamamay.[9] Nell'ottobre 2013 ha partecipato al programma sportivo di Deejay TV Giù in 60 in secondi in cui si è lanciata da 4000 metri di altezza. Alla fine del 2013 è stata modella e testimonial della collezione 2013 vestiti da sposa dello stilista siciliano Claudio Di Mari e nell'inverno 2014 ha posato per i pigiami Venere. Dal gennaio 2014 al marzo 2015 ha fatto parte del cast fisso di Tiki Taka - Il calcio è il nostro gioco, un talk show sportivo di Italia 1. Nell'estate 2014 è stata "inviata speciale" per Hit the road man, un rotocalco televisivo di Canale 5 in onda in seconda serata su modello di Nonsolomoda, in cui saliva a bordo delle navi da crociera MSC per intervistare i personaggi famosi.

Nel luglio 2014 è stata modella e testimonial sfilando per la collezione bikini firmata NikiB, quindi divenne madrina del brand di abbigliamento femminile Kontatto per festeggiare, insieme alle colleghe-madrine Cristina Buccino e Alessia Merz, il primo compleanno dello "shop" a Milano. Nel novembre 2014 ha posato per la copertina, e quindi per il relativo servizio fotografico, della rivista Maxim e divenne testimonial del brand d'acconciatura Cotril insieme a Belén Rodríguez e Giulia Elettra Goretti; in questo periodo, oltre a quanto detto, divenne testimonial e stilista delle capsule collection firmate da Many Malt t-shirt. Dal 13 aprile 2015 va in onda su Rai 1 a Si può fare! come concorrente. Da giugno 2015 diventa protagonista NikiB, per la quale già aveva sfilato, ma non solo come modella. Infatti, la showgirl collabora attivamente con il brad di Giorgia Martina Rossi e Sarah Palestrini, per creare delle capsule collection ispirate a delle pietre preziose.

Impegno sociale[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2014 Costanza Caracciolo ha scelto di partecipare e rappresentare il nuovo progetto contro la violenza sulle donne intitolato Tatù Niente Paura.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2014 è legata sentimentalmente all'attore Primo Reggiani.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Attività sociali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ [2]
  3. ^ [3]
  4. ^ [4]
  5. ^ [5]
  6. ^ [6]
  7. ^ a b c [7]
  8. ^ a b c Guida televisiva del 22 marzo 2013 - davidemaggio.it
  9. ^ a b c [8]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]