Costa degli Schiavi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trasporto degli schiavi verso la costa

La Costa degli Schiavi, detta anche Diego Cao è il nome storico di un tratto della costa africana sull'Atlantico, compreso tra la foce del Niger e il regno del Dahomey, zona che si affaccia sul Golfo di Guinea, e che ha la lunghezza di circa 450 km. Si tratta quindi di una zona che corrisponde alla costa degli attuali stati del Togo, del Benin e della parte occidentale dell'odierna Nigeria[1].

Fu importante centro di commercio di schiavi dal XVI secolo, quando fu scoperta dai portoghesi, al XIX secolo (abolizione dello schiavismo). Gli schiavi venivano catturati da mercanti africani ed acquistati dagli europei in mercati come quelli di Porto Novo e Lagos.

La Costa degli Schiavi non fu l'unica zona coinvolta nel commercio di schiavi che avrebbe avuto luogo per secoli sull'Atlantico; tuttavia, ha un'importanza di primo piano da questo punto di vista, anche perché nel periodo precoloniale era una delle zone più densamente popolate dell'intero continente africano.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi cartina. URL consultato il 29 marzo 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia