Cosimo della Gherardesca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cosimo della Gherardesca
vescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of the House of della Gherardesca.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Colle di Val d'Elsa
Vescovo di Fiesole
Nato 1569 a Firenze
Deceduto 2 agosto 1634 a Fiesole

Cosimo della Gherardesca (Firenze, 1569Fiesole, 2 agosto 1634) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cosimo della Gherardesca apparteneva alla nobile famiglia dei conti di Pisa ed era imparentato con la famiglia dei Medici (era pronipote di Papa Leone XI) e con la famiglia dei Principi di Piombino.

A Firenze, prima di trasferirsi a Roma, frequentò Michelangelo Buonarroti il Giovane, nipote del più famoso Michelangelo Buonarroti.

Il 1º febbraio 1612 fu eletto vescovo di Colle di Val d'Elsa.

Portò a compimento la costruzione del Duomo con la sistemazione degli altari, della cattedra e del coro. Acquistò il Leggio del Tacca e ricevette in dono dalla Granduchessa il crocifisso del Giambologna.

Istituì il Seminario Vescovile e favorì l'insegnamento della musica che doveva anche servire ad accompagnare le funzioni religiose, chiamando, tra gli altri, Girolamo Frescobaldi e Marco da Gagliano.

Durante la sua permanenza a Colle di Val d'Elsa rafforzò il culto dei santi, San Marziale e Sant'Alberto, e della reliquia del Sacro Chiodo, conservato in Cattedrale.

Molto si prodigò per aiutare gli ammalati, soprattutto di peste, che imperversava in quel periodo ed i bisognosi.

Il 10 maggio 1633 fu eletto vescovo di Fiesole, dove morì l'anno successivo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV, Colle di Val d'Elsa nell'età dei Granduchi medicei. La terra in Citta et la Collegiata in Cattedrale, Centro Di (a cura di), Grafiche Piccardi, Firenze 1992.
  • Luigi Biadi, Storia della città di Colle in Val d'Elsa, Multigrafica, Roma 1971 (edizione originale Firenze 1859).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]