Cosa piove dal cielo?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cosa piove dal cielo?
Un cuento chino screenshot.jpg
Una scena del film
Titolo originale Un cuento chino
Lingua originale spagnolo, cinese mandarino
Paese di produzione Argentina, Spagna
Anno 2011
Durata 93 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere commedia, drammatico
Regia Sebastián Borensztein
Soggetto Sebastián Borensztein
Sceneggiatura Sebastián Borensztein
Produttore Pablo Bossi, Juan Pablo Buscarini, Gerardo Herrero, Axel Kuschevatzky, Ben Odell
Produttore esecutivo Mariela Besuievski
Casa di produzione Tornasol Films, Castafiore Films
Distribuzione (Italia) Archibald Enterprise Film
Fotografia Rodrigo Pulpeiro
Montaggio Fernando Pardo
Musiche Lucio Godoy
Scenografia Laura Musso, Ana Repetto, Valeria Ambrosso
Costumi Angela Ortuño, Alejandra Albert
Trucco Kenyar Padilla
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi


Cosa piove dal cielo? (Un cuento chino) è un film del 2011 diretto da Sebastián Borensztein.

Il film è stato presentato al Festival Internazionale del Film di Roma 2011 dove ha vinto il Premio Marc'Aurelio d'Oro al miglior film, nonché il Premio BNL assegnato tramite votazione del pubblico.

Il titolo originale (Un cuento chino, "un racconto cinese") richiama una espressione utilizzata nei paesi ispanici per indicare un racconto o un fatto bizzarro, senza senso, difficile da credere. È sinonimo di falsità.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roberto, negoziante di ferramenta, conduce una vita solitaria e schiva, negandosi anche alle evidenti profferte di Marì, una sua vicina, di avviare una relazione. Ha un hobby curioso: ritagliare dai quotidiani e collezionare articoli su fatti strani ed incredibili, che raccontano di straordinarie coincidenze, accaduti in tutto il mondo.

Un giorno vede casualmente scaricare da un taxi in corsa un giovane cinese. Roberto lo soccorre, e poiché il giovane non parla una parola di spagnolo ed è senza denaro, decide di ospitarlo provvisoriamente. Ma ogni tentativo di trovargli una sistemazione fallisce perché prima la polizia, poi l'Ambasciata cinese ed infine una famiglia di immigrati cinesi gli rifiutano, in vario modo, assistenza. Roberto si trova quindi alle prese con l'ospite indesiderato e alla fine, snervato dalla situazione, lo caccia di casa.

I due però si ritrovano fortuitamente e finalmente, grazie ad un ragazzo addetto al recapito di cibo cinese, riesce a capire la storia dell'ospite: si chiama Jun ed è venuto in Argentina a cercare uno zio immigrato da tempo, perché in Cina era fidanzato con una ragazza morta in uno strano incidente: la barca su cui si trovavano è stata colpita da una mucca caduta dal cielo. Proprio uno di quei fatti incredibili collezionati da Roberto, che, a quel punto, racconta la sua terribile esperienza di soldato nella guerra delle Malvinas/Falkland, che lo ha segnato psicologicamente e lo ha reso così scontroso.

Alla fine Jun riuscirà a ritrovare lo zio, tra i due nascerà una sincera amicizia e Roberto si deciderà ad allacciare quella relazione con Marì che da tempo rifiutava.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato in Argentina ed in Spagna. Nei titoli del film si informa che l'opera è tratta da un fatto realmente accaduto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Ana Mercedes Urrutia, Un cuento chino: significado y usos coloquiales. URL consultato il 15 maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema