Corynorhinus townsendii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Orecchione di Townsend
Virginia big eared bat corynorhinus townsendii.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Vespertilioninae
Genere Corynorhinus
Specie C.townsendii
Nomenclatura binomiale
Corynorhinus townsendii
Cooper, 1837
Areale

██ C.t.townsendii

██ C.t.australis

██ C.t.ingens

██ C.t.pallescens

██ C.t.virginianus

L'orecchione di Townsend (Corynorhinus townsendii Cooper, 1837) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi diffuso nell'America settentrionale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza totale tra 96 e 110 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 42 e 47 mm, la lunghezza della coda tra 42 e 52 mm, la lunghezza del piede tra 11 e 12 mm, la lunghezza delle orecchie tra 30 e 39 mm, un'apertura alare fino a 31,9 cm e un peso fino a 12 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è lunga e soffice. Le parti dorsali sono bruno-grigiastre, mentre le parti ventrali sono marroni o giallo-brunastre con la base dei peli grigia o brunastra. Il muso è corto con due grosse masse ghiandolari elevate sui lati del muso. Gli occhi sono piccoli. Le orecchie sono enormi, con l'estremità arrotondata ed unite alla base anteriore da una membrana. Il trago è sottile, lungo circa la metà del padiglione auricolare e con l'estremità arrotondata. Le membrane alari sono marroni scure, sottili e delicate e attaccate posteriormente alla base delle dita dei piedi, le cui dita sono leggermente ricoperte di peli. La coda è molto lunga ed è completamente inclusa nell'ampio uropatagio. Il calcar è privo di carenatura. Il cariotipo è 2n=32 FNa=50.

Ecolocazione[modifica | modifica wikitesto]

Emette ultrasuoni a bassa intensità attraverso le narici sotto forma di impulsi a frequenza modulata iniziale di 90 kHz e finale di 20 kHz.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Individui in ibernazione all'interno di una grotta in Virginia

Si rifugia singolarmente o in piccoli gruppi all'interno di grotte, nella zona di penombra, edifici e fessure rocciose. Forma vivai in primavera ed estate nelle zone più calde dei rifugi. Durante questo periodo i maschi vivono solitariamente. L'attività predatoria inizia tardi la sera e termina poco prima dell'alba. Entra in ibernazione nei periodi più freddi. Il volo è lento ed altamente manovrato.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti, particolarmente lepidotteri, catturati sopra la vegetazione in spazi aperti.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Gli accoppiamenti avvengono in autunno, la fertilizzazione è ritardata fino a primavera, mentre l'ovulazione avviene quando le femmine escono dall'ibernazione. Danno alla luce un piccolo alla volta a fine giugno dopo una gestazione che varia dai 56 ai 100 giorni. L'aspettativa di vita è di circa 16 anni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nell'America settentrionale dal British Columbia meridionale attraverso tutti gli Stati Uniti d'America occidentali fino allo stato messicano di Oaxaca. Due popolazioni disgiunte sono presenti nella parte centrale e centro-orientale degli Stati Uniti d'America.

Vive nelle foreste di conifere, boschi, boschi decidui ripariali, boscaglie semi-desertiche e montane.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono state riconosciute 5 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa e la presenza in diverse aree protette, classifica C.townsendii come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Arroyo-Cabrales, J. & Ticul Alvarez Castaneda, S. 2008, Corynorhinus townsendii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Corynorhinus townsendii in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Whitaker & Hamilton, 1998

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John O.Whitaker, Jr. & William J.Hamilton, Jr. Mammals of the Eastern United States, Cornell University Press, 1998. ISBN 9780801434754
  • Roland W.Kays & Don E.Wilson, Mammals of North America: (Second Edition), Princeton University Press, 2009. ISBN 9780691140926

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi