Corydoras adolfoi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Corydoras adolfoi
Immagine di Corydoras adolfoi mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Siluriformes
Famiglia Callichthyidae
Genere Corydoras
Specie C. adolfoi
Nomenclatura binomiale
Corydoras adolfoi
Burgess, 1982

Corydoras adolfoi è un pesce tropicale d'acqua dolce, appartenente alla famiglia Callichthyidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Diffuso in Brasile, nell'alto corso del Rio Negro e nel Rio Vaupés.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lunghezza: 6 cm.

La pigmentazione nera che mostra sulla zona dorsale è molto variabile, più o meno accentuata a seconda dei luoghi di cattura. Nell'aspetto è simile a C. burgessi. Analogie cromatiche anche con C. imitator e con C. duplicareus.

Dimorfismo sessuale: nel maschio la pinna dorsale anteriore è più sviluppata ed appuntita rispetto a quella della femmina.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Socievole, pacifico, vive in banchi composti da almeno una decina di esemplari.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Simile a quella degli altri Corydoras. Le coppie si isolano dal resto del branco e, dopo essersi nutriti adeguatamente iniziano i giochi amorosi. I partner si collocano spesso in punti dove c'è un frequente ricambio dell'acqua e dove la temperatura è intorno ai 26 °C. Le uova (circa un centinaio) vengono raccolte dalla madre con le pinne ventrali, fecondate dal maschio che la insegue continuamente e successivamente fatte aderire a rocce o legni sommersi, oppure in buche scavate precedentemente dai genitori. Dopo la riproduzione i genitori si allontanano e gli avannotti si nutrono di ciò che costituisce la melma del corso d'acqua. Poiché i piccoli nascono già indipendenti, capita che gli adulti pratichino il cannibalismo con i nuovi nati.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Ha dieta onnivora. Si nutre di piccoli crostacei, larve, insetti ed altri invertebrati presenti fra la vegetazione e nel substrato, oltre che di detriti animali e vegetali.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Si può allevare in vasche e riprodurre con successo in cattività, però bisognerebbe offrire loro un fondo soffice composto da sabbia fine e scura, per evitare che i preziosi barbigli si usurino fino a scomparire del tutto come spesso succede in presenza di ghiaietti troppo spigolosi ed allevarlo in un gruppo di circa una decina d'individui.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Enciclopedia dei pesci tropicali d'acquario di Esther J. J. Verhoef-Verhallen, Edizioni White Star;
  • Corydoras da Il mio acquario, mensile, dicembre 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • IUCN Red List [1];
  • Fishbase [2];
  • Inseparabile [3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Corydoras adolfoi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci