Cortinarius orellanus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cortinarius orellanus
Cortinarius orellanus 2.JPG
Cortinarius orellanus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Cortinariaceae
Genere Cortinarius
Sottogenere Leprocybe
Specie C. orellanus
Nomenclatura binomiale
Cortinarius orellanus
Fr., 1838
Caratteristiche morfologiche
Cortinarius orellanus
Cappello semisferico disegno.png
Cappello semisferico
Gills icon.png
Imenio lamelle
Adnate gills icon2.svg
Lamelle adnate
Tan spore print icon.png
Sporata ocra
Cortina stipe icon.png
Velo cortina
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Hazard T.svg
Mortale

Cortinarius orellanus Fr. in Bidaud, Henry, Moënne-Loccoz & Reumaux, Epicrisis Systematis Mycologici (Upsaliae): 288 (1838).

Il Cortinarius orellanus è un fungo mortale tardo autunnale, un po' raro in Italia ma fedele ai luoghi di crescita.
Considerato alcune decadi fa un fungo commestibile, si è rivelato solo di recente una specie mortale a causa di un avvelenamento di massa verificatosi in Polonia che ha causato numerosi decessi; ciò ha permesso di scoprire la tossina in esso contenuta (Orellanina) i cui effetti sui reni si manifestano anche dopo 14 giorni di incubazione.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Di sottilissimo spessore, irregolarmente emisferico, poi piano ed infine depresso, con umbone ampio e poco rilevato di forma spesso irregolare e bitorzoluta; diametro da 35 a 85 mm; margine involuto ed alla fine aperto, ondulato e variamente rilevato. Superficie finemente ricoperta da fibrille minute, con aspetto serico-opaco, color mattone o rosso-bruno alquanto omogeneo.

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Evidentemente distanziate, adnato-uncinate, spesse e larghe intervallate da lamellule, color tabacco-cannella.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

Mediamente slanciato, alto 50-120 mm per 7-13 mm di diametro, sodo e fibroso, ocra, ed ornato da fibrille di colore bruno rossiccio, più o meno affusolato alla base.

Sezione di Cortinarius Orellanus confrontata con una moneta da un Euro

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Color paglierino con sfumature rossigne, mattone-ruggine sotto la cuticola, setosa e compatta nel gambo, assai sottile nel cappello.

  • Odore: di rapa, leggero ed incostante (strofinare o sezionare il carpoforo).
  • Sapore: acidulo-dolciastro (assaggio da non deglutire!).

Spore[modifica | modifica wikitesto]

Ellittiche, con minute e fitte verruche, di color ruggine in massa, 9-12,5 x 5,5-6,5 μm.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Fine estate-autunno, nei boschi di latifoglia ma anche di conifera.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Hazard T.svg

Mortale!

Fungo mortale che colpisce i reni con latenza assai lunga (3 - 14 giorni dall'ingestione).
Responsabile, insieme a C. speciosissimus, della tristemente nota "Sindrome orellanica".

In ogni caso, a seguito dell'insufficienza renale acuta, può essere necessaria l'emodialisi (spesso permanente) oppure il trapianto del rene.

Specie simili[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i cortinari bruno rossicci di piccola e media grandezza (es. Cortinarius speciosissimus)

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Cortinarius rutilans Quél., Assoc. Fr. Avancem. Sci.: 26 (1897)
  • Dermocybe orellana (Fr.) Ricken, Die Blätterpilze: 160 (1915)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia