Corte Vehmica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Corte Vehmica o Sacra Vehme o Vehme (anche Vehmegericht, Fehmgericht) è il nome dato un sistema giudiziario attivo durante il medioevo in Westfalia, nell'attuale Germania, basato su una organizzazione fraternale di giudici di legge chiamati "giudici liberi" (tedesco: Freischöffen o Francese: francs-juges). Il luogo di riunione delle corti era a Dortmund. I procedimenti erano talvolta segreti, condotti da "corti segrete" (tedesco: Freischöffen or French: francs-juges), "corti silenziose" (tedesco: Stillgericht) o "corti proibite" (tedesco: verbotene Gerichte). Nel basso medioevo le corti avevano giurisdizione su tutti i crimini e coloro che erano condannati dal tribunale furono eliminati in maniera segreta. Dopo l'esecuzione di morte, i corpi venivano appesi su un albero come monito.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del termine è incerto, ma sembra entri nel'Alto tedesco medio dal Basso tedesco. La parola vëme appare per la prima volta nella letteratura alto medio tedesca del XIII secolo come un nome con il significato di "punizione". Un documento datato 1251 fa riferimeneto alla locuzione: illud occultum judicium quod vulgariter vehma seu vridinch appellari consuevit ("questa è giustizia celata, che di comune abitudine ci si riferisce come vehma o vridinc").

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le corti Vehmiche westaffaliane si svilupparono nell'alto medioevo dalle "libere corti", con una giurisdizione entro la libera contea (Freigrafschaft). Dopo la riforma del XIV secolo del Sacro Romano Impero (la Bolla d'oro del 1356) i langraviati persero molto del loro potere e queste corti sparirono ad eccezione della Westfalia dove conservarono la loro autorità e si trasformarono in corti vehmiche. La prima sede fu a Dortmund, ma con il crescere dell'influenza di Colonia, si spostarono ad Arnsberg nel 1437. Furono abolite da Jérôme Bonaparte, Re di Westfalia nel 1811. L'ultimo Freigrad morì nel 1835.

Uso moderno del termine[modifica | modifica wikitesto]

Con l'abbandono delle corte Vehmiche, il termine acquisisce una connotazione di giustizia mafiosa e linciaggio. Nel tedesco moderno, la compitazione di Feme è molto comune. Altre varianti sono: Fehme, Feime, Veme. Il verbo verfemen è di uso comune e significa ostracizzare. Hans Kelsen, il grande giurista viennese che elaborò la "dottrina pura" del diritto, cita un caso di un'organizzazione segreta che aveva eseguito la condanna a morte di un uomo ritenuto nemico della patria, qualificando l'atto come "assassinio della santa Veme".[1]

La Vehme nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel romanzo Vanity fair di William Makepeace Thackeray se ne fa menzione.
  • C'è un riferimento nel romanzo Uno studio in rosso di Arthur Conan Doyle.
  • Nel 2012 si scopre un testo di Alexandre Dumas che la menziona come termine di paragone per far comprendere meglio l'organizzazione della Camorra ottocentesca di Napoli[2].
  • Nel racconto "Doppio sogno" (Traumnovelle), di Arthur Schnitzler, si fa riferimento a due figure mascherate da giudici della Veme.
  • Alla Sacra Vehme è affidato un ruolo centrale nello svolgimento del romanzo "Il mercante di libri maledetti" di Marcello Simoni, pubblicato nel 2011 da Newton Compton Editori, vincitore del Premio Bancarella 2012.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ H.Kelsen, Reine rechtslehre. Einleitung in die rechtwissenschaftliche Problematik, trad. it. Lineamenti di dottrina pura del diritto, 1983, Torino, Einaudi, VII ed., p. 50.
  2. ^ http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2012/12/09/news/cari_lettori_vi_spiego_la_camorra_alexandre_dumas_a_gomorra-48381438/?ref=HREC1-12 Cari lettori, vi spiego la camorra Alexandre Dumas a Gomorra