Corsaro Nero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frontespizio della terza edizione de Il Corsaro Nero

Il Corsaro Nero è un personaggio immaginario creato da Emilio Salgari nel 1898 ed è il protagonista dei primi due romanzi del ciclo I corsari delle Antille. I romanzi sono appunto Il Corsaro Nero e La regina dei Caraibi, che comincia esattamente dove finisce il primo.

Il Corsaro è Emilio di Roccabruna, o Roccanera, signore di Ventimiglia e di Valpenta. Suo fratello maggiore fu ucciso a tradimento da un fiammingo, il duca van Guld, e lui, insieme ai suoi fratelli minori, il Corsaro Rosso e il Corsaro Verde, s'imbarca alla volta della Tortuga per diventare filibustiere e vendicare quindi il fratello, poiché van Guld diventa governatore di Maracaibo. Wan Guld uccide i fratelli minori di Emilio, che, dopo aver recuperato il cadavere del Corsaro Rosso, giura che ucciderà l'odiato duca fiammingo e tutta la sua famiglia.

Nelle sue avventure verrà affiancato dai due simpatici filibustieri: Carmaux, il biscaglino, e van Stiller, l'amburghese. Altri comprimari sono Moko, un africano che aiuterà il Corsaro a recuperare il cadavere del Corsaro Rosso, Morgan, celebre filibustiere che nei romanzi salgariani fa da luogotenente sulla Folgore, l'Olonese, altro celebre pirata, qui chiamato Pietro, capo della Tortuga.

Buona parte della vicenda è anche incentrata sulla figura di Honorata, donna rapita dai filibustieri di Emilio e amata dallo stesso, che si rivelerà essere la figlia dell'acerrimo nemico del nostro, e sarà per questo condannata a morte proprio dal suo amato Emilio e da tutta la ciurma della Folgore; salvo poi sopravvivere miracolosamente dopo essere stata abbandonata sola in mezzo all'Oceano.

Negli anni settanta, dopo il clamoroso successo della serie Sandokan, fu prodotto un film tratto da questi romanzi. Il Corsaro Nero fu interpretato da Kabir Bedi, lo stesso protagonista di Sandokan, e Carole Andrè, la Marianna della serie tratta dal ciclo dei pirati della Malesia, interpretò Honorata Wan Gould.

Il Corsaro Nero è descritto come un uomo dalla statura slanciata e dal portamento aristocratico. Il suo viso è pallido, la fronte è attraversata da una profonda ruga che gli conferisce un'aria triste, ha la barba corta e ricciuta, il naso regolare, le labbra piccole e di colore rosso corallo, gli occhi di colore nero sono animati da lampi vivaci.

È coraggioso e pieno di audacia, combatte per difendere il suo paese e morirà in combattimento per mano dei francesi. Veste solitamente di nero con una elegante casacca di seta impreziosita dai pizzi e con i risvolti di pelle. Indossa pantaloni di seta attillati stretti in vita da una cintura fatta a fascia con le frange. Il cappello che porta è di feltro a falde larghe adorno di una lunga piuma.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura