Corsa all'oro californiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La corsa all'oro californiana o febbre dell'oro californiana fu un periodo della storia americana segnata dall'interesse mondiale per l'oro della Sierra Nevada, nella regione centrale della California.

Ebbe inizio il 24 gennaio 1848, quando il pioniere svizzero Johan Suter (americanizzato in John Sutter) scoprì un filone del prezioso metallo.

Iniziata meno di due anni dopo la proclamazione della Repubblica della California (giugno 1846) e prima che il Messico cedesse formalmente la California agli Stati Uniti (febbraio 1848), la corsa all'oro diede il via ad un flusso migratorio di migliaia di uomini in cerca di fortuna. Ma pochi riuscirono e divennero ricchi. La maggior parte infatti trovava solo l'oro sufficiente al proprio sostentamento quotidiano.

Sutter era arrivato in America nel 1834 in cerca di fortuna e si era stabilito sulle rive del fiume Sacramento. Lì ottenne dal governo messicano una concessione per costruire un fortino contro gli statunitensi. Nonostante questo il territorio venne invaso Sutter stabilì buoni rapporti con i nuovi padroni. Il filone aurifero venne scoperto mentre si stava lavorando alla costruzione di una fabbrica.

Sutter tentò di mantenere segreta la notizia, ma questa si diffuse molto rapidamente e migliaia di cercatori accorsero da tutto il mondo. In questo modo nacquero in California le prime città, con l'apertura di banche, officine, saloon, bordelli. Solo alcuni centri però diventarono insediamenti stabili: molti altri decaddero subito dopo l'esaurimento delle vene aurifere.

La corsa all'oro non si limitò alla California, ma contagiò anche il Canada e l'Alaska.

Convenzionalmente si pone il termine ultimo della corsa all'oro californiana al 1855.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Una ricostruzione a fumetti della vicenda di John Sutter è stata realizzata nel 1996 da Claudio Nizzi e Magnus, nell'albo speciale di Tex intitolato La valle del terrore.

Il romanzo "Calico Palace" di Gwen Bristow (1970)(1972 trad.italiana di Marisa Vassalle Squeo per Club degli Editori) è ambientato a San Francisco negli anni della corsa all'oro del 1847.

Nel periodo fu popolare la canzone "Oh! Susanna" di Stephen Foster, pubblicata nel 1848, che divenne quasi un inno per la corsa all'oro.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]