Corrado Colombo (calciatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Corrado Colombo
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 187 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Tuttocuoio Tuttocuoio
Carriera
Giovanili
 ?-1998 Atalanta Atalanta
Squadre di club1
1998-1999 Atalanta Atalanta 20 (3)
1999-2000 Pistoiese Pistoiese 26 (2)[1]
2000 Inter Inter 1 (0)
2000-2001 Torino Torino 22 (2)
2001-2002 Atalanta Atalanta 22 (1)
2002-2004 Sampdoria Sampdoria 29 (3)
2004 Piacenza Piacenza 23 (4)
2004-2005 Livorno Livorno 19 (3)
2005-2006 Ascoli Ascoli 6 (0)
2006 Sampdoria Sampdoria 12 (0)
2006-2007 Brescia Brescia 18 (0)
2007-2008 Spezia Spezia 34 (9)[2]
2008 Pisa Pisa 12 (2)[3]
2008-2009 Bari Bari 16 (3)
2009-2010 Verona Verona 23 (3)[4]
2010-2011 Spezia Spezia 27 (3)
2011 Pistoiese Pistoiese 7 (1)
2011- Tuttocuoio Tuttocuoio 59 (36)[5]
Nazionale
1998
1999-2001
Italia Italia U-20
Italia Italia U-21
2 (0)
9 (2)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 maggio 2014

Corrado Colombo (Vimercate, 3 agosto 1979) è un calciatore italiano, attaccante del Tuttocuoio, squadra di Lega Pro Seconda Divisione.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centravanti alto e abile nel gioco aereo[6][7], è un attaccante più portato alla manovra e all'appoggio ai compagni che alla finalizzazione[6]; la scarsa prolificità realizzativa ne ha condizionato l'intera carriera[6][8][9]. Può giocare anche da seconda punta[10] e all'occorrenza è stato utilizzato come esterno d'attacco[6][11].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera nell'Atalanta, con cui vince il Campionato Primavera 1997-1998 realizzando 9 reti, tra cui una doppietta in semifinale contro il Milan e il gol decisivo nella finalissima contro la Roma[8][12]. Esordisce in prima squadra in Serie B, nella stagione 1998-1999, segnando 3 reti in 20 incontri disputati.

Dopo aver iniziato la stagione 1999-2000 ancora nell'Atalanta, passa in prestito alla Pistoiese[7], essendo chiuso dal nuovo acquisto Claudio Caniggia[12]. Pur impiegato con regolarità da Andrea Agostinelli[8], totalizza 2 reti in 26 partite, a cui si aggiunge quella realizzata nello spareggio-salvezza di andata contro il Cesena[13]. Rientrato a Bergamo, viene ceduto in comproprietà all'Inter, come parziale contropartita nel passaggio di Nicola Ventola agli orobici[14][15]. Con i nerazzurri esordisce in Coppa UEFA, realizzando un gol contro i polacchi del Ruch Chorzow[16], e in Serie A, il 1º ottobre 2000 in Reggina-Inter 2-1, subentrando a Robbie Keane[8]. Nel mercato autunnale viene ceduto in prestito al Torino[17], con cui ottiene la promozione in Serie A.

Ritorna poi per una stagione all'Atalanta, nel campionato di Serie A 2001-2002; con gli orobici disputa 22 partite con un gol, a cui si aggiunge una rete in Coppa Italia contro la Juventus[18]. Nel 2002 viene ceduto in comproprietà alla Sampdoria[19], con cui ottiene la promozione in Serie A: rimane tesserato per i liguri fino al 2006, e nel corso degli anni viene ceduto in prestito al Piacenza (in cambio di Giacomo Cipriani)[11], al Livorno (come riserva di Igor Protti[20]) e all'Ascoli[21]. Nelle Marche disputa la prima parte della stagione 2005-2006, prima di essere richiamato alla Sampdoria per sostituire gli infortunati Emiliano Bonazzoli e Fabio Bazzani[9].

Nell'agosto 2006 la Sampdoria lo cede in comproprietà al Brescia[22], con cui disputa la prima parte del campionato di Serie B 2006-2007, senza mai andare a segno; nella sessione invernale del calciomercato si trasferisce allo Spezia, sempre in comproprietà[23]. Con i liguri realizza 8 reti in 17 partite di campionato (sua miglior stagione in termini realizzativi in Serie B[10]), e contribuisce alla salvezza dopo i play-out contro l'Hellas Verona.

Riconfermato anche per la stagione successiva, nel gennaio 2008 il Pisa acquista metà del suo cartellino[24] e nella restante parte di stagione disputa 10 partite segnando un gol, oltre ad un'ulteriore marcatura nei play-off. Il 25 giugno successivo la squadra toscana riscatta l'intero cartellino dalla Sampdoria[25], per poi cederlo subito dopo l'inizio del campionato al Bari[10]. Al termine della sessione di calciomercato invernale della stessa stagione viene escluso dalla lista dei giocatori consegnata alla Lega Calcio dall'allenatore Antonio Conte, a causa della mancata cessione di Rey Volpato al Piacenza[26]; il 27 febbraio 2009, tuttavia, Volpato passa agli emiliani e Colombo viene reintegrato nella rosa[27]. Con i pugliesi ottiene la sua terza promozione in Serie A, disputando 16 partite con 3 reti.

Il 31 agosto 2009 passa a titolo definitivo al Verona[28], formazione di Lega Pro Prima Divisione con cui realizza 3 reti nella stagione 2009-2010. Al termine del campionato rescinde il contratto[29] e firma per lo Spezia, facendo così ritorno in Liguria dopo tre anni[30]. Rimane agli aquilotti per una sola stagione, nella quale totalizza 27 presenze e 3 reti e indossa la fascia di capitano della squadra[31].

In scadenza di contratto con lo Spezia[31], il 25 agosto 2011 torna alla Pistoiese, in Serie D[32]. Dopo aver segnato una rete in 7 partite, il 7 novembre rescinde consensualmente il contratto con la squadra arancione[33], a causa di contrasti con la dirigenza[34]. Il 2 dicembre seguente firma con il Tuttocuoio, formazione militante nello stesso girone della Serie D[35]; in soli sei mesi con la squadra neroverde (di cui è capitano[36]) segna 12 reti, arrivando per la prima volta in carriera in doppia cifra. Nella stagione successiva ottiene con il Tuttocuoio la promozione in Lega Pro Seconda Divisione, vincendo il proprio girone di Serie D[37]. Rimane coi neroverdi anche nella seguente stagione fra i professionisti dove non gioca nei primi mesi di campionato a causa della squalifica per il calcioscommesse e per i postumi di un infortunio: fa il suo debutto il 22 dicembre 2013 nella sconfitta 1-0 a Caserta.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver totalizzato 2 presenze nella Nazionale di calcio dell'Italia Under-20, nel 1999 viene convocato da Marco Tardelli per l'amichevole della Nazionale Under-21 contro i pari età della Turchia[38]. Con gli Azzurrini disputa complessivamente 9 partite con 2 reti[39].

Calcioscommesse[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di agosto 2012 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Bari per frode sportiva in riguardo ad alcune partite del Bari truccate in passato, insieme ad altri suoi ex compagni[40].

Il 16 luglio 2013 il calciatore viene condannato in primo grado dalla Commissione Disciplinare Nazionale della FIGC a sei mesi di squalifica per omessa denuncia[41].

Il 27 luglio la Corte di Giustizia Federale FIGC gli riduce la squalifica a tre mesi[42].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 2000-2001
Bari: 2008-2009
Tuttocuoio: 2012-2013
Atalanta: 1997-1998

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 27 (3) se si comprendono gli spareggi contro il Cesena.
  2. ^ 35 (9) se si comprendono i play-out.
  3. ^ 14 (3) se si comprendono i play-off.
  4. ^ 27 (3) se si comprendono i play-off.
  5. ^ 61 (36) se si comprendono i play-out.
  6. ^ a b c d La scheda di Corrado Colombo Hellasstory.net
  7. ^ a b Colombo e Carobbio, due giganti I due nuovi arrivati in arancione vantano un fisico da gladiatori, Il Tirreno, 19 settembre 1999
  8. ^ a b c d Colombo vuol volare ma per ora segna poco, La Repubblica, 10 agosto 2002, pag.11 - sez.Genova
  9. ^ a b Non è mai troppo tardi. Auguri a Corrado Colombo Sampdorianews.net
  10. ^ a b c La scoperta di Colombo 'Bari, la mia occasione', La Repubblica, 3 settembre 2009, pag.14 - sez. Bari
  11. ^ a b Rosa 2003-2004 Storiapiacenza1919.it
  12. ^ a b Due giocano nella Pistoiese e tre nell'Atalanta Sono cinque gli ex in campo, Il Tirreno, 24 ottobre 1999
  13. ^ Belmonte, gioia e tranquillità "Peccato solo per quel palo", Il Tirreno, 16 giugno 2000
  14. ^ E Corrado Colombo è passato all'Inter. Marco Mazzoli ha firmato, Il Tirreno, 24 giugno 2000
  15. ^ Trattative con l'Inter per l'attaccante Corrado Colombo, La Repubblica, 20 giugno 2001, pag.14 - sez. Palermo
  16. ^ L'Inter non sbaglia Raisport.rai.it
  17. ^ Ciao Sommese, c'è Fattori, La Repubblica, 27 ottobre 2000, pag.14 - sez. Torino
  18. ^ La Juve di riserva liquida l'Atalanta Repubblica.it
  19. ^ Pedone-Colombo i nuovi acquisti: caccia al bomber, La Repubblica, 21 giugno 2002, pag.11 - sez. Genova
  20. ^ «Ho avuto lo stesso maestro di Donadoni...», Il Tirreno, 26 gennaio 2005, pag.11
  21. ^ UFFICIALE: l'Ascoli ha ufficializzato Corrado Colombo Tuttomercatoweb.com
  22. ^ Corrado Colombo passa al Brescia Sampdoria.it
  23. ^ Spezia, il giorno dell'Utopia. Una città contro gli Invincibili, La Repubblica, 27 gennaio 2007, pag.17 - sez. Genova
  24. ^ UFFICIALE: Pisa, preso Colombo Tuttomercatoweb.com
  25. ^ I soldi non sono arrivati: addio Kutuzov, Il Tirreno, 26 giugno 2006, pag.11
  26. ^ Bari: il club comunica l'esclusione di Colombo, Masiello e Doumbia Tuttomercatoweb.com
  27. ^ Clamorosa sentenza su Piacenza e Bari Tuttomercatoweb.com
  28. ^ Calciomercato, Corrado Colombo all'Hellas Verona Hellasverona.it
  29. ^ Rescissione del contratto per Corrado Colombo Hellasverona.it
  30. ^ Corrado Colombo è il nuovo attaccante dello Spezia Acspezia.com
  31. ^ a b Corrado Colombo: "Voglio chiudere la carriera a La Spezia" Tuttomercatoweb.com
  32. ^ Gran colpo arancione, ecco Corrado Colombo Uspistoiese1921.it
  33. ^ Si interrompe il rapporto con Corrado Colombo Uspistoiese1921.it
  34. ^ Colombo non convocato: è rottura, Il Tirreno, 6 novembre 2011, pag.12
  35. ^ Tuttocuoio: presi Colombo e Scalzo Radiobrunotoscana.it
  36. ^ Corrado Colombo, dopo il gol allarme rientrato, Il Tirreno, 28 agosto 2012
  37. ^ Tuttocuoio matematicamente promosso in Seconda Divisione, Il Tirreno, 28 aprile 2013
  38. ^ Tardelli convoca Colombo "Io nell'Under 21? Questa è una gioia immensa", Il Tirreno, 24 marzo 2000
  39. ^ I nazionali Storiapiacenza1919.it
  40. ^ Calcioscommesse, sei interrogati ma nessuno risponde agli investigatori, Repubblica.it, 18 agosto 2012.
  41. ^ Calcioscommesse, Gillet squalificato 3 anni e 7 mesi. Sanzioni per venti giocatori Gazzetta.it
  42. ^ Calcioscommesse, processo Bari-bis: confermata la pena per Gillet Gazzetta.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]