Cornelio Salonino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cornelio Salonino
Ritratto di Salonino da una moneta
Ritratto di Salonino da una moneta
Imperatore romano
In carica 260
Predecessore Gallieno
Successore Gallieno
Nome completo Publius Licinius Cornelius Valerianus Saloninus
Altri titoli Imperator Caesar Pius Felix Invictus
Nascita 243
Morte Colonia Agrippina (Colonia), 260
Padre Gallieno
Madre Cornelia Salonina

Publio Licinio Cornelio Valeriano Salonino (latino: Publius Licinius Cornelius Valerianus Saloninus; 243 circa – 260) fu cesare dell'Impero romano sotto gli imperatori Valeriano e Gallieno, rispettivamente il nonno e il padre, e poi augusto.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dinastia valeriana.

Salonino era figlio di Gallieno e Cornelia Salonina, e dalla madre prese nome. Quando il padre e il nonno assunsero la porpora, nel 253, a Salonino fu conferito il titolo di cesare. In seguito fu inviato in Gallia, sotto la tutela del prefetto del pretorio Silvano.

Pare che Silvano e Salonino ebbero un contrasto con il generale Postumo riguardo al bottino di una vittoria ottenuta da quest'ultimo durante un'incursione dei barbari: Postumo l'aveva distribuito ai propri uomini, mentre Silvano gli ordinò di mandarlo a Colonia Agrippina (Colonia), dove si trovava Salonino. Postumo si ribellò e attaccò Salonino a Colonia Agrippina: furono gli stessi difensori a consegnargli Silvano e Salonino, e li mise a morte (260).

Non è chiaro quando, ma Salonino fu elevato alla porpora. Ciò avvenne dopo l'usurpazione di Postumo, allo scopo di dargli una autorità maggiore, o al suo invio in Gallia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Fonti secondarie[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]