Cornelia Cinna minore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cinna Minore

Cornelia Cinna Minore (94 a.C.69[1] o 68 a.C.[2]) è stata una donna romana, moglie di Gaio Giulio Cesare.

Era figlia di Lucio Cornelio Cinna, uno dei maggiori leader del partito popolare mariano, e sorella dell'omonimo Lucio Cornelio Cinna, pretore nel 44 a.C., che fu uno dei partecipanti all'omicidio di Giulio Cesare. Nell'83 a.C.,[3] all'età di tredici anni, sposò il diciottenne Cesare: quando il dittatore Lucio Cornelio Silla comandò allo stesso Cesare di ripudiare la moglie, egli si rifiutò di farlo, e riuscì ad evitare la rappresaglia di Silla grazie all'intervento di alcuni personaggi particolarmente influenti appartenenti al partito degli ottimati. Da Cesare Cornelia generò la figlia Giulia nel 76; la donna morì, poi, di parto all'età di venticinque o ventisei anni, nel 69 o nel 68 a.C., e la sua laudatio funebris fu pronunciata dal marito Cesare.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Matthias Gelzer, Caesar, Politician and Statesman, Oxford, 1968; Thomas Robert Shannon Broughton, Magistrates of the Roman Republic, vol. 2, 132, New York, (1951-1986).
  2. ^ William Smith (ed.), A New Classical Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 1851
  3. ^ William Smith (ed.), Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 1870.
  4. ^ Plutarco, Cesare, 1,5;
    Svetonio, Cesare, 1,5,6;
    Velleio Patercolo, II,41.