Coppetta da cocktail

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tipi di bicchiere

Bicchieri da birra

Pilsner glass silhouette.svg Pilsner
Pint glass.svg Pinta
Beer stein.svg Boccale
Yardglass.svg Yard

Bicchieri da vino e da spumante

Wineglass.svg Calice
Brandysnifsi.svg Snifter
Flutesil.svg Flûte
Champagne coupe.svg Coppa classica
Coppa Asti sagoma.svg Coppa Asti

Bicchieri da cocktail e Tumbler

Coctail glass.svg Coppetta da cocktail
Collins glass silhouette.svg Collins
Highball glass silhouette.svg Highball
Ofgcup.svg Old fashioned

Altri

Shot glass.svg Cicchetto
Una "doppia coppetta" (con la parte conica più alta e dall'angolo più acuto rispetto a quella classica)

La Coppetta da cocktail (conosciuta anche col termine anglofono Martini cocktail glass abbreviato spesso in Martini glass) o semplicemente bicchiere da cocktail (o in inglese stem cocktail glass spesso abbreviato in cocktail glass); è, per l'appunto, un bicchiere da cocktail di forma conica rovesciata (con apertura di circa 90 gradi) sormontata su un gambo che poggia su una base piatta.

Il bicchiere va utilizzato, per servire il cocktail, a una temperatura di zero gradi[1], il gambo permette la tenuta del bicchiere senza influenzare la temperatura della bevanda.

L'origine del nome della coppetta è combattuto, ma ruota sempre intorno al celebre cocktail "Martini". Qualcuno dice sia il nome del barista italiano che per primo, nella Londra del 1912, l'avrebbe preparato per John D. Rockefeller. Altri dicono che un certo professor Jerry Thomas, negli anni '50, sulla strada per Martinez (California), l'avrebbe inventato per alleviare il mal di stomaco di un minatore. Altri ancora che c'entri il noto vermut italiano Martini[2].

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Una variante è rappresentata dal doppia coppetta, più alto e più ampio nell'apertura, con una capacità media di 17-19 cl contro i 12-14 della coppetta normale. Il bicchiere, anche a seconda del materiale utilizzato, vetro o cristallo, può avere proporzioni diverse, è molto diffusa una variante ad angolo più acuto di quello di 90° con coppa più alta.[3] Nel 2009 presso la Terrazza Martini a Milano è stato organizzato un evento volto a reinventare il celebre bicchiere, una giuria capitanata da Aldo Cibic ha premiato Marco Bevilacqua per la sua interpretazione chiamata "Envie".[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ informazioni sull'utilizzo. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  2. ^ (EN) Martini History and how the Martini got its name. URL consultato il 28 agosto 2012.
  3. ^ (EN) The Many Styles of a Cocktail Glass. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  4. ^ envie: il miglior bicchiere da Martini. URL consultato il 22 febbraio 2012.