Copperheads

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Copperhead.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Partito politico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
pamphlet pubblicato nel 1864 dai Copperheads

I Copperheads furono un movimento politico che si formò durante il periodo della guerra di secessione all'interno del Partito Democratico e che si oppose alla guerra civile che vedeva gli unionisti contro i confederati. I Copperheads erano favorevoli ad una pace immediata con gli stati del sud anche a costo di una secessione di questi ultimi, fatto che li espose a molte critiche specialmente negli stati settentrionali. Il nome Copperhead gli fu assegnato dai loro avversari politici che erano perlopiù membri del Partito Repubblicano. Il nome Copperhead deriva dal omonimo serpente e fu scelto proprio a causa della pericolosità di questo animale, che se provocato può mordere senza preavviso, contrariamente a quanto invece fa un serpente a sonagli.

Tra gli esponenti più famosi di questo movimento spicca certamente Clement L. Vallandigham.

Il movimento dei Copperheads[modifica | modifica wikitesto]

Il movimento dei Copperheads usò di frequente toni accesi e non risparmiò una pesante critica all'allora presidente in carica Abraham Lincoln, ciò nonostante il movimento non organizzò mai azioni di violenza nei confronti del governo. A causa della loro opposizione alla guerra di secessione furono più volte sospettati di tramare contro il governo federale e furono anche accusati di vilipendio. Numerosi furono inoltre i leader di questo movimento che dovettero scontare delle pene di detenzione.

Tra i gruppi più attivi dei Copperheads spicca certamente il Knights of the Golden Circle. Formatosi in Ohio intorno al 1850 apparve per la prima volta sulla scena politica intorno al 1861. Fu rinominato e riorganizzato nel 1863 con il nome the Order of American Knights per essere poi disciolto un anno più tardi nel 1864 ed essere rifondato una terza volta con il nome di the Order of the Sons of Liberty a capo del quale c'era Vallandigham.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Curry, Richard O. "Copperheadism and Continuity: the Anatomy of a Stereotype" Journal of Negro History (1972) 57(1): 29-36. online at JSTOR at most academic libraries.
  • Curry, Richard O. "The Union as it Was: a Critique of Recent Interpretations of the 'Copperheads.'" Civil War History 1967 13(1): 25-39. Online at JSTOR
  • George, Joseph, Jr. "'Abraham Africanus I': President Lincoln Through the Eyes of a Copperhead Editor." Civil War History 1968 14(3): 226-239. Online via JSTOR.
  • Gray, Wood. The Hidden Civil War: The Story of the Copperheads (1942), emphasizes treasonous activity
  • Klement, Frank L. The Copperheads in the Middle West (1960).
  • Klement, Frank L. The Limits of Dissent: Clement L. Vallandigham and the Civil War (1998)
  • Klement, Frank L. Lincoln's Critics: The Copperheads of the North (1999)
  • Klement, Frank L. Dark Lanterns: Secret Political Societies, Conspiracies, and Treason Trials in the Civil War (1984)
  • Milton, George F. Abraham Lincoln and the Fifth Column (1942)
  • Nevins, Allan. The War for the Union (4 vol 1959-1971), the standard scholarly history of wartime politics and society.
  • Silbey, Joel H. A Respectable Minority: The Democratic Party in the Civil War Era, 1860-1868 (1977)
  • Stampp, Kenneth M. Indiana Politics during the Civil War (1949)
  • Walsh, Justin E. "To Print the News and Raise Hell: Wilbur F. Storey's Chicago 'Times.'" Journalism Quarterly 1963 40(4): 497-510. online at JSTOR
  • Weber, Jennifer L. Copperheads: The Rise and Fall of Lincoln's Opponents in the North (2006)
  • Wubben, Hubert H. Civil War Iowa and the Copperhead Movement (1980).