Copperhead (arrampicata)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il copperhead è un attrezzo utilizzato per la progressione in arrampicata, in particolare nell'arrampicata artificiale.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un piccolo nut munito di una piccola testa forgiata con metallo morbido collegata ad un cavo d'acciaio, in origine rame o ottone, in tempi più recenti alluminio. I copperhead sono piazzati nelle più minuscole fessure dove la loro malleabilità gli permette di conformarsi con la roccia, e spesso è necessario modellarli con la punta di un martello-piccozza o con uno scalpello. Questo strumento è progettato per sostenere il peso di un uomo solo durante la progressione, poiché nella maggior parte dei casi si spezzerebbe in caso di una caduta anche solo di pochi metri, per questo, in ambito alpinistico, è considerato la protezione meno sicura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CNSASA, pp. 101, 403-404

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Commissione centrale scuole di alpinismo e scialpinismo, L'arrampicata artificiale in Lo Zaino, nº 11, gennaio 2003, pp. p. 9. URL consultato il 15 febbraio 2013.
  • Commissione nazionale scuole di alpinismo, scialpinismo e arrampicata libera, Alpinismo su roccia, Milano, Club Alpino Italiano, 2008, ISBN 978-8879820240.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]