Coppa delle Nazioni Africane 2013

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coppa delle Nazioni Africane 2013
Afrikanasiesbeker 2013
Logo della competizione
Competizione Coppa delle Nazioni Africane
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 29ª
Organizzatore CAF
Date dal 19 gennaio 2013
al 10 febbraio 2013
Luogo Sudafrica Sudafrica
(5 città)
Partecipanti 16 (46 alle qualificazioni)
Impianto/i 5 stadi
Sito Web www.afcon2013online.com
Risultati
Vincitore Nigeria Nigeria
(3° titolo)
Secondo Burkina Faso Burkina Faso
Terzo Mali Mali
Quarto Ghana Ghana
Statistiche
Miglior giocatore Burkina Faso Jonathan Pitroipa
Miglior marcatore Nigeria Emmanuel Emenike (4)
Ghana Wakaso Mubarak (4)
Incontri disputati 32
Gol segnati 69 (2,16 per incontro)
Pubblico 734 000
(22 938 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2012 2015 Right arrow.svg

La Coppa delle Nazioni Africane 2013, o Orange Africa Cup of Nations 2013 per ragioni di sponsorizzazione, nota anche come Sudafrica 2013, è stata la 29ª edizione di questo torneo di calcio continentale per squadre nazionali maggiori maschili (spesso detto Coppa d'Africa) organizzato dalla CAF e la cui fase finale si è svolta in Sudafrica dal 19 gennaio al 10 febbraio 2013.

Contro l'abituale cadenza biennale della competizione, questa edizione arriva a un solo anno dalla precedente in maniera tale da consentire lo spostamento dagli anni pari agli anni dispari delle fasi finali di quelle future.[1]

Per la terza volta nella sua storia è stata la Nigeria a trionfare, che ha battuto nella finale disputata allo FNB Stadium di Johannesburg il Burkina Faso per 1-0. Le Super Eagles si sono qualificate così alla successiva FIFA Confederations Cup 2013 che si è tenuta in Brasile.

Qualificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Qualificazioni alla Coppa delle Nazioni Africane 2013.

Il Sudafrica è stata ammesso di diritto alla fase finale in quanto paese organizzatore.

I rimanenti quindici posti sono stati assegnati tramite un percorso di qualificazione che ha visto la partecipazione di 46 nazionali e lo svolgimento di 60 incontri tra l'8 gennaio e il 14 ottobre 2012.

Il sorteggio del turno preliminare e del primo turno di qualificazione si è tenuto a Malabo, in Guinea Equatoriale, il 28 ottobre 2011 mentre il sorteggio per il secondo turno si è tenuto a Johannesburg, in Sudafrica, il 5 luglio 2012.

Immagine del torneo[modifica | modifica wikitesto]

Pallone[modifica | modifica wikitesto]

"Katlego", il pallone prodotto dall'Adidas appositamente per il torneo, quarto creato dall’azienda tedesca per la Coppa d’Africa, è stato presentato a Durban il 24 ottobre 2012, in occasione dei sorteggi dei gironi della fase finale.[2]

Il nome, che significa "successo" in lingua sesotho, è stato scelto con una votazione su internet vincendo sui nomi "Khanya" e "Motswako".[3]

Il pallone ha un colore giallo brillante e presenta decorazioni ispirate alla tradizione artistica del Sudafrica, con i colori di base che richiamano la bandiera nazionale. Ha la stessa struttura del Tango 12, pallone ufficiale di Euro 2012.[4]

Mascotte[modifica | modifica wikitesto]

La mascotte ufficiale dell'evento è stata svelata anch'essa il 24 ottobre 2012.[5]

Chiamata Takuma, consiste in un ippopotamo antropomorfo che indossa una divisa gialla. L'animale è stato scelto come simbolo della forza del Paese.

Il suo nome nasce dall'abbreviazione del termine "ntakukuma", che significa "perseverare" in alcuni dialetti locali.

L'ideatore di Takuma è Tumelo Nkoana, bambino di una scuola primaria di Hammanskraal.[6]

Scelta della sede[modifica | modifica wikitesto]

Le candidature per ospitare l'edizione del 2013 del torneo sono state le stesse delle due edizioni precedenti; le federazioni erano le seguenti:

Il 4 settembre 2006 la CAF assegnò le tre edizioni e la Libia riuscì ad aggiudicarsi l'organizzazione della fase finale di questa edizione della competizione.[7]

In seguito allo scoppio della guerra civile libica nel 2011, la CAF il 28 settembre dello stesso anno decise uno scambio di edizioni: il Sudafrica ospiterà quella del 2013 mentre la Libia sarà sede del torneo nel 2017.[8]

Stadi[modifica | modifica wikitesto]

La lista delle cinque città che ospitano le partite della Coppa d'Africa 2013 è stata ufficializzata dalla CAF il 4 maggio 2012,[9] dopo che l'annuncio, previsto per il 30 marzo,[10] era stato rimandato prima al 4 aprile,[11] poi al 20 aprile ed infine al 3 maggio.[12]

Gli stadi scelti ad ospitare l'evento sono cinque tra quelli che hanno già ospitato il Mondiale del 2010, in quanto la South African Football Association aveva già ristretto la scelta a quelli che avevano ospitato la rassegna mondiale.[13]

La partita inaugurale e la finale del torneo saranno ospitate dal FNB Stadium di Johannesburg.[14]

FNB Stadium Nelson Mandela Bay Stadium Moses Mabhida Stadium
Località: Johannesburg Località: Port Elizabeth Località: Durban
Coordinate geografiche: 26°14′05.27″S 27°58′56.47″E / 26.234797°S 27.982353°E-26.234797; 27.982353 (Soccer City) Coordinate geografiche: 33°56′16″S 25°35′56″E / 33.937778°S 25.598889°E-33.937778; 25.598889 (Nelson Mandela Bay Stadium) Coordinate geografiche: 29°49′46″S 31°01′49″E / 29.829444°S 31.030278°E-29.829444; 31.030278 (Moses Mabhida Stadium)
Altitudine: 1 753 m s.l.m. Altitudine: m s.l.m. Altitudine: m s.l.m.
Capienza: 88 460 Capienza: 42 486 Capienza: 62 760
First game of the 2010 FIFA World Cup, South Africa vs Mexico.jpg Nelson Mandela Stadium in Port Elizabeth.jpg FIFA World Cup 2010 Netherlands Japan.jpg
Coppa delle Nazioni Africane 2013 (Sudafrica)
Mbombela Stadium Royal Bafokeng Stadium
Località: Nelspruit Località: Rustenburg
Coordinate geografiche: 25°27′42.19″S 30°55′46.88″E / 25.46172°S 30.929689°E-25.46172; 30.929689 (Mbombela Stadium) Coordinate geografiche: 25°34′42.96″S 27°09′38.52″E / 25.5786°S 27.1607°E-25.5786; 27.1607 (Royal Bafokeng Stadium)
Altitudine: 660 m s.l.m. Altitudine: 1 500 m s.l.m.
Capienza: 40 929 Capienza: 38 646
FIFA World Cup 2010 Italy New Zealand.jpg Royal Bafokeng Stadium, Phokeng.jpg

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Pr. Squadra Data di qualificazione certa Partecipante in quanto Ultima presenza
1 Sudafrica Sudafrica 0028 settembre 2011 00Rappresentativa della nazione organizzatrice della fase finale Ghana 2008
2 Ghana Ghana 0013 ottobre 2012 00Vincitrice contro il Malawi Gabon-Guinea Equatoriale 2012
3 Mali Mali 0013 ottobre 2012 00Vincitrice contro il Botswana Gabon-Guinea Equatoriale 2012
4 Zambia Zambia 0013 ottobre 2012 00Vincitrice contro l'Uganda Gabon-Guinea Equatoriale 2012
5 Nigeria Nigeria 0013 ottobre 2012 00Vincitrice contro la Liberia Angola 2010
6 Tunisia Tunisia 0013 ottobre 2012 00Vincitrice contro la Sierra Leone Gabon-Guinea Equatoriale 2012
7 Costa d'Avorio Costa d'Avorio 0013 ottobre 2012 00Vincitrice contro il Senegal Gabon-Guinea Equatoriale 2012
8 Marocco Marocco 0013 ottobre 2012 00Vincitrice contro il Mozambico Gabon-Guinea Equatoriale 2012
9 Etiopia Etiopia 00 14 ottobre 2012 00Vincitrice contro il Sudan Libia 1982
10 Capo Verde Capo Verde 0014 ottobre 2012 00Vincitrice contro il Camerun Esordiente
11 Angola Angola 0014 ottobre 2012 00Vincitrice contro lo Zimbabwe Gabon-Guinea Equatoriale 2012
12 Niger Niger 0014 ottobre 2012 00Vincitrice contro la Guinea Gabon-Guinea Equatoriale 2012
13 Togo Togo 0014 ottobre 2012 00Vincitrice contro il Gabon Egitto 2006
14 RD del Congo RD del Congo 0014 ottobre 2012 00Vincitrice contro la Guinea Equatoriale Egitto 2006
15 Burkina Faso Burkina Faso 0014 ottobre 2012 00Vincitrice contro la Rep. Centrafricana Gabon-Guinea Equatoriale 2012
16 Algeria Algeria 0014 ottobre 2012 00Vincitrice contro la Libia Angola 2010

Sorteggio dei gruppi[modifica | modifica wikitesto]

Il sorteggio per stabilire i gruppi della fase finale, previsto in origine per il 26 ottobre,[9] si è tenuto a Durban il 24 ottobre 2012.[15][16] Le posizioni A1 e C1 sono state assegnate rispettivamente alla nazione organizzatrice (Sudafrica) e alla detentrice del trofeo (Zambia).[17] Le restanti 14 squadre sono state classificate in base ai risultati ottenuti nelle ultime tre edizioni della Coppa delle Nazioni Africane. È stato adottato il seguente sistema di punteggio:

  • vincitore: 7 punti;
  • finalista: 5 punti;
  • semifinaliste: 3 punti;
  • 5-8 classificate: 1 punto.

I punteggi sono stati moltiplicati per un coefficiente assegnato a ciascuna edizione:

In caso di parità di punteggio tra due squadre, le posizioni in classifica verranno determinate prendendo in considerazione i punti ottenuti durante le tre edizioni del torneo. Le squadre sono state suddivise in quattro urne. I gruppi sorteggiati sono composti da quattro squadre, ciascuna di urne diverse.

Urna 1 Urna 2 Urna 3 Urna 4

Sudafrica Sudafrica (organizzatrice, A1)
Zambia Zambia (detentrice, C1)
Ghana Ghana (22 p.ti)
Costa d'Avorio Costa d'Avorio (22 p.ti)

Mali Mali (12 p.ti)
Tunisia Tunisia (10 p.ti)
Angola Angola (9 p.ti)
Nigeria Nigeria (8 p.ti)

Algeria Algeria (6 p.ti)
Burkina Faso Burkina Faso (5 p.ti)
Marocco Marocco (4 p.ti)
Niger Niger (3 p.ti)

Togo Togo (2 p.ti)
Capo Verde Capo Verde (0 p.ti)
RD del Congo RD del Congo (0 p.ti)
Etiopia Etiopia (0 p.ti)

Gruppo A Gruppo B Gruppo C Gruppo D
Sudafrica Sudafrica Ghana Ghana Zambia Zambia Costa d'Avorio Costa d'Avorio
Angola Angola Mali Mali Nigeria Nigeria Tunisia Tunisia
Marocco Marocco Niger Niger Burkina Faso Burkina Faso Algeria Algeria
Capo Verde Capo Verde RD del Congo RD del Congo Etiopia Etiopia Togo Togo

Arbitri[modifica | modifica wikitesto]

Qui di seguito è riportata la lista degli arbitri e degli assistenti scelti per la manifestazione.[18]

Arbitri Assistenti

Algeria Mohamed Benouza
Algeria Djamel Haimoudi
Camerun Neant Alioum
Costa d'Avorio Noumandiez Doue
Egitto Gehad Grisha
Gabon Eric Otogo-Castane
Gambia Bakary Papa Gassama
Kenya Sylvester Kirwa
Madagascar Hamada Nampiandraza
Mali Koman Coulibaly
Mauritania Ali Lemghaifry
Mauritius Rajindraparsad Seechurn
Marocco Bouchaib El Ahrach
Senegal Badara Diatta
Seychelles Bernard Camille
Sudafrica Daniel Bennett
Tunisia Slim Jedidi
Zambia Janny Sikazwe

Algeria Albdelhak Etchiali
Angola Jerson Emiliano Dos Santos
Burundi Jean-Claude Birumushahu
Camerun Evarist Menkouande
Camerun Yanoussa Moussa
Costa d'Avorio Songuifolo Yeo
Eritrea Angesom Ogbamariam
Gabon Theophile Vinga
Ghana Alidu Salifu Malick
Kenya Marwa Range
Mali Balla Diarra
Marocco Redouane Achik
Mozambico Arsénio Chadreque Marengula
Nigeria Peter Edibe
Ruanda Felicien Kabanda
Senegal Djibril Camara
Senegal Malick Samba El Hadji
Sudan Waleed Ahmed Ali
Sudafrica Zakhele Siwela
Tunisia Bechir Hassani
Tunisia Anouar Hmila

Convocazioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Convocazioni per la Coppa delle Nazioni Africane 2013.

Le federazioni nazionali hanno avuto tempo fino alle ore 24:00 GMT del 9 gennaio 2013 per presentare alla CAF le liste ufficiali, composte da 23 giocatori di cui 3 portieri.

Fino a ventiquattro ore prima della partita d'esordio della squadra alla Coppa d’Africa, era ancora ammessa la possibilità di sostituire uno o più convocati in caso di loro grave infortunio, tale cioè da impedire la disputa dell'intera fase finale.[19]

In caso una federazione avesse registrato la propria lista dopo il 12 gennaio 2013, le sarebbe stato permesso di partecipare solo con 21 giocatori, oltre ad essere sanzionata con una multa di $ 10 000.[19]

Andamento del torneo[modifica | modifica wikitesto]

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo A[modifica | modifica wikitesto]

Nella gara d'apertura del torneo i padroni di casa del Sudafrica pareggiano per 0-0 con il Capo Verde, esordiente assoluto nel torneo; stesso risultato nell'altro incontro fra Angola e Marocco. Nella seconda giornata i Bafana Bafana sconfiggono i rivali angolani per 2-0, portandosi in testa al girone, mentre Marocco e Capo Verde non vanno oltre l'1-1. Nell'ultima giornata il Sudafrica strappa al Marocco il pareggio per 2-2 negli ultimi minuti, conquistando il pass per i quarti di finale; in contemporanea i Tubarões Azuis riescono a battere per 2-1 le Palancas Negras grazie al gol all'ultimo minuto di Héldon che vale la qualificazione per la selezione capoverdiana e l'eliminazione dei Leoni dell'Atlante.

Gruppo B[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo incontro del gruppo il Ghana viene fermato sul 2-2 dalla RD del Congo, mentre nell'altro match il Mali, terzo classificato nella precedente edizione, sconfigge il Niger con un gol del capitano Seydou Keita. Nella giornata successiva i ghanesi battono i maliani grazie al rigore di Wakaso Mubarak mentre le selezioni nigerina e congolese si fermano sullo 0-0. L'ultima giornata non vede stravolgimenti in classifica: il Ghana, battendo per 3-0 il Niger, vince il girone e il Mali, pareggiando per 1-1 con la RD del Congo, supera il primo turno come secondo classificato.

Gruppo C[modifica | modifica wikitesto]

In questo gruppo la prima giornata vede ben due 1-1. Il primo tra i campioni in carica dello Zambia e l'Etiopia, l'altro tra Nigeria e Burkina Faso. Nella seconda giornata Zambia e Nigeria pareggiano, con il portiere zambiano Mweene protagonista: prima para un calcio di rigore, poi ne segna uno lui stesso, fissando il risultato sull'1-1; nell'altro match vittoria netta del Burkina Faso che vince 4-0 sull'Etiopia con i gol di Alain Traoré (2), Djakaridja Koné e Jonathan Pitroipa. Nell'ultima giornata Les Etalons fermano sullo 0-0 i Chipolopolo che sono costretti così a lasciare il torneo, nell'altro incontro le Super Eagles vincono 2-0 sull'Etiopia con 2 rigori trasformati da Victor Moses, accedendo così ai quarti di finale come seconde classificate. In particolare, in occasione del secondo rigore, il portiere etiope Sisay Bancha viene espulso per somma di ammonizioni, e sostituito tra i pali dall'attaccante Saladin Said, a causa dell'esaurimento delle sostituzioni da parte del CT etiope Bishaw.

Gruppo D[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima giornata la Costa d'Avorio, grande favorita per la vittoria finale, vince con fatica per 2-1 sul Togo con i gol di Yaya Touré e Gervinho, agli Eperviers non basta un gol di Jonathan Ayité. Nell'altra partita la Tunisia vince il derby contro l'Algeria grazie ad un gol nel finale di Youssef Msakni. Nella seconda giornata la Costa d'Avorio vince 3-0 sulla Tunisia, mentre Algeria-Togo termina 0-2. Si hanno già due verdetti: la Costa d'Avorio passa il turno come prima e l'Algeria viene eliminata. Nell'ultima giornata, mentre Costa d'Avorio e Algeria pareggiano per 2-2 in una gara ininfluente ai fini della qualificazione, nella sfida Togo-Tunisia i togolesi, pur pareggiando 1-1, hanno la meglio per la classifica avulsa e si qualificano per il turno successivo.

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo due giorni di riposo, il 2 febbraio si disputa a Port Elizabeth il primo quarto di finale tra Ghana e Capo Verde; l'incontro, molto avvincente, viene deciso dalla doppietta di Wakaso che porta così le Black Stars in semifinale.

Nell'incontro serale, a Durban, si disputa invece l'incontro tra il Sudafrica e il Mali: al termine dei tempi regolamentari le due squadre si trovano sull'1-1 con i gol di Rantie per i padroni di casa e di Keita per le Aquile. Nei tempi supplementari nessuna ha la meglio, pertanto sono necessari i calci di rigore. Dopo la prima serie la situazione è ancora di parità, le successive parate di Soumbeïla Diakité e l'errore di Majoro aggiudicano la vittoria al Mali che per la seconda edizione consecutiva si qualifica alle semifinali.

Il 3 febbraio invece è il turno di Costa d'Avorio-Nigeria e Burkina Faso-Togo. Nell'incontro pomeridiano le Aquile di Keshi passano in vantaggio a fine primo tempo con Emmanuel Emenike, ma all'inizio della ripresa gli ivoriani trovano il pareggio con Cheik Tioté; i nigeriani reagiscono trovando il gol della vittoria al 78' grazie a Sunday Mba ed eliminano i vice-campioni in carica.

Nell'altro quarto di finale Burkina Faso e Togo non riescono a sbloccare il risultato nei tempi regolamentari. Nei tempi supplementari un gol di Pitroipa al 105' regala al Burkina Faso la qualificazione alle semifinali.

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 febbraio si giocano le due semifinali. La prima è Nigeria-Mali, partita a senso unico che si conclude con la vittoria della Nigeria per 4-1. Decisivi per i nigeriani Uwa Elderson Echiéjilé, Brown Ideye, Emmanuel Emenike e Ahmed Musa, autori delle quattro reti, di Cheick Diarra il gol della bandiera del Mali.

Nell'altro match a Nelspruit si sfidano Ghana e Burkina Faso. Il primo tempo viene condotto dai ghanesi che al 12' passano in vantaggio con Wakaso Mubarak su rigore. I burkinabè reagiscono trovando il pareggio nel secondo tempo con Aristide Bancé. Non bastano alle due squadre i tempi regolamentari, si va dunque ai supplementari. Il Burkina Faso va in inferiorità numerica dopo l'espulsione per somma di ammonizioni (per simulazione il secondo giallo) di Pitroipa, ma riesce a mantenere il risultato sull'1-1. Ai rigori vincono i burkinabè per 3-2, decisivi gli errori dal dischetto di Vorsah, Clottey e Badu. Per gli Etalons si tratta della prima finale nella loro storia, miglior risultato fino ad allora il quarto posto nella rassegna del 1998 disputata in casa.

Finale 3º posto[modifica | modifica wikitesto]

Nella finale per il terzo posto si sfidano per la seconda edizione consecutiva Mali e Ghana. A Port Elizabeth le due squadre si incontrano nuovamente dopo la partita dei gironi, finita 1-0 in favore dei ghanesi. Questa volta le Aquile passano in vantaggio al 28' con Mamadou Samassa su assist di Adama Tamboura e raddoppiano nella ripresa con il capitano Seydou Keita su assist di Ousmane Coulibaly. Al 58' Wakaso Mubarak spreca un'occasione per accorciare le distanze, sbagliando dal dischetto. Il 2-1 arriva all'82' grazie ad un gol da fuori area di Kwadwo Asamoah ma non basta perché nei minuti di recupero Sigamary Diarra chiude la partita, consegnando così alle Aquile ancora una volta la medaglia di bronzo.

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Al Soccer City di Johannesburg va in scena la finale fra Nigeria e Burkina Faso. Le Super Aquile sono alla loro settima finale mentre gli Stalloni alla prima in un torneo nella loro storia. Gli uomini di Keshi controllano il match ma non riescono a finalizzare fino al 40', quando arriva il gol di Mba che prima supera Koffi con un sombrero e poi conclude al volo. Al rientro in campo i nigeriani cercano di chiudere l'incontro, sfiorando più volte il gol. I burkinabè cercano di costruire qualche palla gol, sfruttando la stanchezza degli avversari ma non riescono a concretizzare. Con l'ingresso di Musa, la Nigeria crea diverse occasioni che però non vanno a buon fine. L'incontro termina così sull'1-0, consegnando alle Super Aquile il terzo titolo continentale. La vittoria arriva diciannove anni dopo quella di Tunisia 1994, anno in cui il trofeo fu alzato dall'attuale commissario tecnico.

Fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Nazioni partecipanti

Il calendario della manifestazione è stato annunciato l'8 settembre 2012.[20]

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Le prime due nazionali classificate di ogni raggruppamento accedono alla fase a eliminazione diretta. Nel caso in cui due o più nazionali avessero lo stesso numero di punti in classifica, il loro posizionamento sarà determinato, nell'ordine, dai seguenti parametri:[21]

  1. maggiore numero di punti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);
  2. migliore differenza reti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);
  3. maggiore numero di reti segnate negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);
  4. migliore differenza reti globale;
  5. maggiore numero di reti segnate globale;
  6. fair play: conteggio dei cartellini gialli e rossi ricevuti;
  7. sorteggio da parte del comitato CAF.

Gruppo A[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Johannesburg
19 gennaio 2013, ore 18:00 UTC+2
Incontro 1
Sudafrica Sudafrica 0 – 0
referto
Capo Verde Capo Verde FNB Stadium (50 000 spett.)
Arbitro Algeria Haimoudi

Johannesburg
19 gennaio 2013, ore 21:00 UTC+2
Incontro 2
Angola Angola 0 – 0
referto
Marocco Marocco FNB Stadium (25 000 spett.)
Arbitro Senegal Diatta

Durban
23 gennaio 2013, ore 17:00 UTC+2
Incontro 9
Sudafrica Sudafrica 2 – 0
referto
Angola Angola Moses Mabhida Stadium (40 000 spett.)
Arbitro Mali Coulibaly

Durban
23 gennaio 2013, ore 20:00 UTC+2
Incontro 10
Marocco Marocco 1 – 1
referto
Capo Verde Capo Verde Moses Mabhida Stadium (25 000 spett.)
Arbitro Zambia Sikazwe

Durban
27 gennaio 2013, ore 19:00 UTC+2
Incontro 17
Marocco Marocco 2 – 2
referto
Sudafrica Sudafrica Moses Mabhida Stadium (45 000 spett.)
Arbitro Gambia Gassama

Port Elizabeth
27 gennaio 2013, ore 19:00 UTC+2
Incontro 18
Capo Verde Capo Verde 2 – 1
referto
Angola Angola Nelson Mandela Bay Stadium (20 000 spett.)
Arbitro Tunisia Jedidi

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Sudafrica Sudafrica 5 3 1 2 0 4 2 +2
2. Capo Verde Capo Verde 5 3 1 2 0 3 2 +1
3. Marocco Marocco 3 3 0 3 0 3 3 0
4. Angola Angola 1 3 0 1 2 1 4 −3

Gruppo B[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Port Elizabeth
20 gennaio 2013, ore 17:00 UTC+2
Incontro 3
Ghana Ghana 2 – 2
referto
RD del Congo RD del Congo Nelson Mandela Bay Stadium (7 000 spett.)
Arbitro Sudafrica Bennett

Port Elizabeth
20 gennaio 2013, ore 20:00 UTC+2
Incontro 4
Mali Mali 1 – 0
referto
Niger Niger Nelson Mandela Bay Stadium (20 000 spett.)
Arbitro Tunisia Jedidi

Port Elizabeth
24 gennaio 2013, ore 17:00 UTC+2
Incontro 11
Ghana Ghana 1 – 0
referto
Mali Mali Nelson Mandela Bay Stadium (8.000 spett.)
Arbitro Costa d'Avorio Doue

Port Elizabeth
24 gennaio 2013, ore 20:00 UTC+2
Incontro 12
Niger Niger 0 – 0
referto
RD del Congo RD del Congo Nelson Mandela Bay Stadium (12 000 spett.)
Arbitro Marocco El Ahrach

Port Elizabeth
28 gennaio 2013, ore 19:00 UTC+2
Incontro 19
Niger Niger 0 – 3
referto
Ghana Ghana Nelson Mandela Bay Stadium (10 000 spett.)
Arbitro Senegal Diatta

Durban
28 gennaio 2013, ore 19:00 UTC+2
Incontro 20
RD del Congo RD del Congo 1 – 1
referto
Mali Mali Moses Mabhida Stadium (8 000 spett.)
Arbitro Algeria Haimoudi

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Ghana Ghana 7 3 2 1 0 6 2 +4
2. Mali Mali 4 3 1 1 1 2 2 0
3. RD del Congo RD del Congo 3 3 0 3 0 3 3 0
4. Niger Niger 1 3 0 1 2 0 4 −4

Gruppo C[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Nelspruit
21 gennaio 2013, ore 17:00 UTC+2
Incontro 5
Zambia Zambia 1 – 1
referto
Etiopia Etiopia Mbombela Stadium (10 000 spett.)
Arbitro Gabon Otogo-Castane

Nelspruit
21 gennaio 2013, ore 20:00 UTC+2
Incontro 6
Nigeria Nigeria 1 – 1
referto
Burkina Faso Burkina Faso Mbombela Stadium (8 500 spett.)
Arbitro Algeria Benouza

Nelspruit
25 gennaio 2013, ore 17:00 UTC+2
Incontro 13
Zambia Zambia 1 – 1
referto
Nigeria Nigeria Mbombela Stadium (25 000 spett.)
Arbitro Egitto Grisha

Nelspruit
25 gennaio 2013, ore 20:00 UTC+2
Incontro 14
Burkina Faso Burkina Faso 4 – 0
referto
Etiopia Etiopia Mbombela Stadium (35 000 spett.)
Arbitro Seychelles Camille

Nelspruit
29 gennaio 2013, ore 19:00 UTC+2
Incontro 21
Burkina Faso Burkina Faso 0 – 0
referto
Zambia Zambia Mbombela Stadium (8 000 spett.)
Arbitro Camerun Alioum

Rustenburg
29 gennaio 2013, ore 19:00 UTC+2
Incontro 22
Etiopia Etiopia 0 – 2
referto
Nigeria Nigeria Royal Bafokeng Stadium (15 000 spett.)
Arbitro Marocco El Ahrach

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Burkina Faso Burkina Faso 5 3 1 2 0 5 1 +4
2. Nigeria Nigeria 5 3 1 2 0 4 2 +2
3. Zambia Zambia 3 3 0 3 0 2 2 0
4. Etiopia Etiopia 1 3 0 1 2 1 7 −6

Gruppo D[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Rustenburg
22 gennaio 2013, ore 17:00 UTC+2
Incontro 7
Costa d'Avorio Costa d'Avorio 2 – 1
referto
Togo Togo Royal Bafokeng Stadium (2 000 spett.)
Arbitro Camerun Alioum

Rustenburg
22 gennaio 2013, ore 20:00 UTC+2
Incontro 8
Tunisia Tunisia 1 – 0
referto
Algeria Algeria Royal Bafokeng Stadium (8 000 spett.)
Arbitro Gambia Gassama

Rustenburg
26 gennaio 2013, ore 17:00 UTC+2
Incontro 15
Costa d'Avorio Costa d'Avorio 3 – 0
referto
Tunisia Tunisia Royal Bafokeng Stadium (30 000 spett.)
Arbitro Mauritius Seechurn

Rustenburg
26 gennaio 2013, ore 20:00 UTC+2
Incontro 16
Algeria Algeria 0 – 2
referto
Togo Togo Royal Bafokeng Stadium (25 000 spett.)
Arbitro Madagascar Nampiandraza

Rustenburg
30 gennaio 2013, ore 19:00 UTC+2
Incontro 23
Algeria Algeria 2 – 2
referto
Costa d'Avorio Costa d'Avorio Royal Bafokeng Stadium (5 000 spett.)
Arbitro Gabon Otogo-Castane

Nelspruit
30 gennaio 2013, ore 19:00 UTC+2
Incontro 24
Togo Togo 1 – 1
referto
Tunisia Tunisia Mbombela Stadium (7 500 spett.)
Arbitro Sudafrica Bennett

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Costa d'Avorio Costa d'Avorio 7 3 2 1 0 7 3 +4
2. Togo Togo 4 3 1 1 1 4 3 +1
3. Tunisia Tunisia 4 3 1 1 1 2 4 −2
4. Algeria Algeria 1 3 0 1 2 2 5 −3

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale Semifinali Finale
Durban - 2 febbraio 2013
 1A. Sudafrica Sudafrica  1 (1)

Durban - 6 febbraio 2013

 2B. Mali Mali  1 (3)  
 Mali Mali  1

Rustenburg - 3 febbraio 2013

   Nigeria Nigeria  4  
 1D. Costa d'Avorio Costa d'Avorio  1

Johannesburg - 10 febbraio 2013

 2C. Nigeria Nigeria  2  
 Nigeria Nigeria  1

Nelspruit - 3 febbraio 2013

   Burkina Faso Burkina Faso  0
 1C. Burkina Faso Burkina Faso  1

Nelspruit - 6 febbraio 2013

 2D. Togo Togo  0  
 Burkina Faso Burkina Faso  1 (3) Finale 3º posto

Port Elizabeth - 2 febbraio 2013

   Ghana Ghana  1 (2)  
 1B. Ghana Ghana  2  Mali Mali  3
 2A. Capo Verde Capo Verde  0    Ghana Ghana  1

Port Elizabeth - 9 febbraio 2013

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Port Elizabeth
2 febbraio 2013, ore 17:00 UTC+2
Incontro 26
Ghana Ghana 2 – 0
referto
Capo Verde Capo Verde Nelson Mandela Bay Stadium (8 000 spett.)
Arbitro Mauritius Seechurn

Durban
2 febbraio 2013, ore 20:30 UTC+2
Incontro 25
Sudafrica Sudafrica 1 – 1
(d.t.s.)
referto
Mali Mali Moses Mabhida Stadium (45 000 spett.)
Arbitro Camerun Alioum

Rustenburg
3 febbraio 2013, ore 17:00 UTC+2
Incontro 28
Costa d'Avorio Costa d'Avorio 1 – 2
referto
Nigeria Nigeria Royal Bafokeng Stadium (25 000 spett.)
Arbitro Algeria Haimoudi

Nelspruit
3 febbraio 2013, ore 20:30 UTC+2
Incontro 27
Burkina Faso Burkina Faso 1 – 0
(d.t.s.)
referto
Togo Togo Mbombela Stadium (27 000 spett.)
Arbitro Senegal Diatta

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Durban
6 febbraio 2013, ore 17:00 UTC+2
Incontro 29
Mali Mali 1 – 4
referto
Nigeria Nigeria Moses Mabhida Stadium (54 000 spett.)
Arbitro Gambia Gassama

Nelspruit
6 febbraio 2013, ore 20:30 UTC+2
Incontro 30
Burkina Faso Burkina Faso 1 – 1
(d.t.s.)
referto
Ghana Ghana Mbombela Stadium (35 000 spett.)
Arbitro Tunisia Jedidi

Finale 3º posto[modifica | modifica wikitesto]

Port Elizabeth
9 febbraio 2013, ore 20:00 UTC+2
Incontro 31
Mali Mali 3 – 1
referto
Ghana Ghana Nelson Mandela Bay Stadium (6 000 spett.)
Arbitro Gabon Otogo-Castane

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Johannesburg
10 febbraio 2013, ore 20:30 UTC+2
Incontro 32
Nigeria Nigeria 1 – 0
referto
Burkina Faso Burkina Faso FNB Stadium (85 000 spett.)
Arbitro Algeria Haimoudi

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Nigeria
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Burkina Faso


Nigeria Nigeria
P 1 Vincent Enyeama (C)
DD 5 Efe Ambrose
DC 22 Kenneth Omeruo Ammonizione al 57’ 57’
DC 14 Godfrey Oboabona
DS 3 Uwa Elderson Echiéjilé Uscita al 66’ 66’
CDIF 17 Ogenyi Onazi Ammonizione al 38’ 38’
CDIF 10 Mikel John Obi Ammonizione al 57’ 57’
CC 19 Sunday Mba Uscita al 89’ 89’
AD 11 Victor Moses
AS 8 Brown Ideye Ammonizione al 90+2’ 90+2’
AC 15 Ikechukwu Uche Uscita al 54’ 54’
Sostituzioni:
AC 7 Ahmed Musa Ingresso al 54’ 54’
DS 21 Juwon Oshaniwa Ammonizione al 71’ 71’ Ingresso al 66’ 66’
DC 2 Joseph Yobo Ingresso al 89’ 89’
CT:
Nigeria Stephen Keshi
NGA-BFA-2013-02-10.svg
Burkina Faso Burkina Faso
P 1 Daouda Diakité
DD 5 Mohamed Koffi
DC 4 Bakary Koné
DC 8 Paul Koulibaly Uscita al 84’ 84’
DS 12 Saïdou Panandétiguiri
CC 6 Djakaridja Koné Uscita al 90’ 90’
CC 7 Florent Rouamba Ammonizione al 33’ 33’ Uscita al 65’ 65’
COFF 18 Charles Kaboré (C)
AD 22 Prejuce Nakoulma
AS 11 Jonathan Pitroipa
AC 15 Aristide Bancé
Sostituzioni:
AS 20 Wilfried Sanou Ingresso al 65’ 65’
AC 9 Moumouni Dagano Ingresso al 84’ 84’
CC 21 Abdou Razack Traoré Ingresso al 90’ 90’
CT:
Belgio Paul Put

Campione[modifica | modifica wikitesto]

Campione d'Africa 2013

Nigeria

NIGERIA
(3º titolo)


Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 10 febbraio 2013

4 reti
3 reti
2 reti
1 rete
Autoreti

Premi[modifica | modifica wikitesto]

La sera della finale per il 1º posto, conclusa la partita, la CAF ha reso noti i premi assegnati ai calciatori.[22]

Portieri Difensori Centrocampisti Attaccanti

Nigeria Vincent Enyeama

Burkina Faso Bakary Koné
Capo Verde Nando
Nigeria Efe Ambrose

Burkina Faso Jonathan Pitroipa
Ghana Wakaso Mubarak
Mali Seydou Keita
Nigeria John Obi Mikel
Nigeria Victor Moses

Ghana Asamoah Gyan
Nigeria Emmanuel Emenike

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Africa Cup of Nations Cup to move to odd-numbered years in BBC Sport, BBC, 16 maggio 2010.
  2. ^ (EN) Katlego, Takuma is official match ball, mascot for 2013 AFCON, ghananewsagency.org, 24 ottobre 2012.
  3. ^ (EN) 2013 Afcon: Katlego wins Afcon 2013 ball naming rights, starafrica.com, 20 febbraio 2012.
  4. ^ Nuovo pallone ADIDAS Katlego per la Coppa d’Africa 2013, laguidadelcalcio.it, 30 ottobre 2012.
  5. ^ (EN) South Africa : Takuma henceforth the mascot of all sports, africatopsports.com, 30 novembre 2012.
  6. ^ (EN) Hippo hooray for young Afcon mascot designer, timeslive.co.za, 28 ottobre 2012.
  7. ^ (EN) Angola to host 2010 Nations Cup, BBC Sport, 4 settembre 2006.
  8. ^ Calcio, Coppa d'Africa: Sudafrica sostituisce Libia come sede 2013, repubblica.it, 28 settembre 2011.
  9. ^ a b (EN) Host Cities for Orange CAN 2013 announced, CAFonline.com, 4 maggio 2012.
  10. ^ (EN) Afcon host cities to be revealed next week, Kickoff.com, 20 marzo 2012.
  11. ^ (EN) Cities delay submitting bids for 2013 Cup of Nations, BBC Sport, 25 marzo 2012.
  12. ^ (EN) Afcon host cities announcement postponed, Kickoff.com, 19 aprile 2012.
  13. ^ (EN) SA keen to host showpiece of African soccer, businessday.co.za, 29 settembre 2010.
  14. ^ (EN) Clarification On Afcon Venues, Soccer Laduma, 4 maggio 2012.
  15. ^ (EN) CAF releases Orange AFCON 2013 official match calendar and ticketing prices, CAFonline.com, 8 settembre 2012. URL consultato l'8 settembre.
  16. ^ (EN) Orange CAN 2013 draw result, CAFonline.com, 24 ottobre 2012.
  17. ^ (EN) Regulations of CAN 2013 (PDF), cafonline.com.
  18. ^ CAN 2013 Referees, CAFonline.com.
  19. ^ a b (EN) Regulations of the Orange Africa Cup of Nations SOUTH AFRICA 2013 - Article 70 (PDF), cafonline.com, p. 29. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  20. ^ (EN) Orange AFCON 2013 official calendar, CAFonline.com, 8 settembre 2012.
  21. ^ (EN) Regulations of the Orange Africa Cup of Nations SOUTH AFRICA 2013 - Article 72. (PDF), cafonline.com, p. 30. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  22. ^ (EN) Orange CAF Africa Cup of Nations Awards, afcon2013online.com, 10 febbraio 2013. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  23. ^ (EN) 2013 Afcon Team of the Tournament, kickoff.com, 11 febbraio 2013. URL consultato l'11 febbraio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio