Coppa del Mondo di rugby 1999 (Qualificazioni Europa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le qualificazioni alla Coppa del Mondo di rugby 1999 per la zona europea si sono svolte secondo una formula che prevedeva l'entrata in scena delle varia nazionali (30) in fasi diverse.

A differenza del mondiale 1995, solo 4 squadre erano ammesse di diritto, le prime del mondiale precedente (Sudafrica, Nuova Zelanda e Francia) e il Galles.

Dunque per la prima volta Inghilterra, Irlanda e Scozia sono state coinvolte nel meccanismo di qualificazione, anche se ammesse direttamente all'ultimo turno, una vera formalità, peraltro giocato in casa.

Formula e partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Erano dunque previsti:

  • Primo turno (1996-97) : partecipavano 15 squadre divise in 5 girone. le vincenti ammesse alla seconda fase.

(nel mentre 10 altre squadre insieme a Marocco e Tunisia, disputavano il Torneo FIRA 1996-1997 valido anche come classificazione per la composizione dei gironi

  • Secondo turno (1997-98). parteciapno 15 squadre (le tre vincenti del primo turno, le 10 di cui sopra, più Italia e Romania. Cinque squadre per ognuno dei 3 gironi. Le prime due ammesse di ogni giroen al terzo turno
  • Terzo Turno (Novembre 1998): tre gironi di tre squadre, con le sei qualificate dal secondo turno, più le tre britanniche coinvolte (ed ospitanti i gironi)

Le prime due di ogni girone ammesse alla fase finale della coppa, le altre tre ai ripescaggi intercontinentali

Le squadre erano fondamentalmente divise in varie fasce

  • Fascia 1: ammesse direttamente al decisivo 3º turno:
  • Fascia 2: Ammesse al secondo turno direttamente come teste di serie
  • Fascia 4: le altre 15 squadre

1º turno[modifica | modifica sorgente]

Sono esentate le 10 squadre europee impegnate nel Torneo FIRA 1996-97 più Italia e Romania.

Le 15 squadre sono divise in 3 gironi di 5. La vincente passa il turno.

Girone A
5/10/1996 Ucraina . Jugoslavia (RF) 60 - 0 Kiev
26/10/1996 Austria . Jugoslavia (RF) 3 - 0 Vienna
2/11/1996 Svizzera . Ucraina 0 - 30 Nyon
23/11/1996 Israele . Austria 15 - 3 Tel Aviv
30/11/1996 Israele . Svizzera 9 - 9 Tel Aviv
1/3/1997 Jugoslavia (RF) . Svizzera 8 - 0 Belgrado
26/4/1997 Austria . Ucraina 6 - 36 Vienna
10/5/1997 Jugoslavia (RF) . Israele 10 - 7 Pancevo
17/5/1997 Ucraina . Israele 51 - 15 Odessa
24/5/1997 Svizzera . Austria 31 - 3 Basel
  • Classifica

tre punti per la vittoria, due per il pareggio, 1 per la sconfitta, 0 nel caso di forfeit

Squadra G V N P P+ P- diff. PT
Ucraina Ucraina 4 4 0 0 177 21 +156 12
Flag of FR Yugoslavia.svg Jugoslavia (RF) 4 2 0 2 18 70 -52 8
Svizzera Svizzera 4 1 1 2 40 50 -10 7
Israele Israele 1 0 0 2 46 73 -27 7
Austria Austria 4 1 0 3 15 82 -67 6




Girone B
28/9/1996 Lettonia . Norvegia 44 - 6 Riga
12/10/1996 Norvegia . Croazia 7 - 43 Stavanger
12/10/1996 Bulgaria . Moldavia 6 - 14 Sofia
19/10/1996 Moldavia . Lettonia 3 - 8 Chisinau
26/10/1996 Bulgaria . Croazia 31 - 46 Sofia
3/5/1997 Moldavia . Norvegia 31 - 7 Chisinau
10/5/1997 Lettonia . Bulgaria 89 - 0 Riga
10/5/1997 Croazia . Moldavia 60 - 5 Split
17/5/1997 Croazia . Lettonia 43 - 24 Makarska
24/5/1997 Norvegia . Bulgaria 22 - 7 Oslo
  • Classifica

tre punti per la vittoria, due per il pareggio, 1 per la sconfitta, 0 nel caso di forfait

Squadra G V N P P+ P- diff. PT
Croazia Croazia 4 4 0 0 192 67 +125 12
Lettonia Lettonia 4 3 0 1 165 52 +113 10
Moldavia Moldavia 4 2 0 2 42 125 -83 8
Norvegia Norvegia 4 0 0 4 44 171 -127 6
Bulgaria Bulgaria 4 0 0 4 15 82 -67 4




Girone C
5/10/1996 Lituania . Lussemburgo 26 - 3 Vilnius
19/10/1996 Andorra . Lituania 54 - 24 Andorra-la-Vella
19/10/1996 Svezia . Ungheria 39 - 17 Vanersborg
2/11/1996 Lussemburgo . Ungheria 3 - 12 Cessange
2/11/1996 Andorra . Svezia 21 - 20 Andorra-la-Vella
15/3/1997 Lussemburgo . Andorra 16 - 30 Cessange
19/4/1997 Svezia . Lussemburgo 48 - 5 Karlskrona
3/5/1997 Lituania . Svezia 17 - 84 Plunge
31/5/1997 Ungheria . Lituania 16 - 3 Budapest
14/6/1997 Ungheria . Andorra 5 - 34 Budapest
  • Classifica

tre punti per la vittoria, due per il pareggio, 1 per la sconfitta, 0 nel caso di forfait

Squadra G V N P P+ P- diff. PT
Andorra Andorra 4 4 0 0 139 65 +74 12
Svezia Svezia 4 3 0 1 191 60 +131 10
Ungheria Ungheria 4 2 0 2 50 79 -29 8
Lituania Lituania 4 0 0 4 70 157 -87 6
Lussemburgo Lussemburgo 4 0 0 4 27 116 -89 4

2º turno[modifica | modifica sorgente]

Ancora 5 squadre per girone. Le prime due qualificate al terzo turno.

Girone A
12/10/1997 Georgia . Croazia 29 - 15 Tbilisi
18/10/1997 Danimarca . Georgia 8 - 19 Copenhagen
19/10/1997 Croazia . Russia 23 - 16 Makarska
1/11/1997 Italia A . Danimarca 102 - 3 Brescia
11/4/1998 Italia A . Georgia 31 - 14 L'Aquila
18/4/1998 Russia . Italia 18 - 48 Krasnoiarsk
3/5/1998 Russia . Danimarca 45 - 9 Penza
16/5/1998 Danimarca . Croazia 6 - 40 Aalborg
20/5/1998 Georgia . Russia 12 - 6 Tbilisi
6/6/1998 Croazia . Italia A 27 - 39 Makarska
  • Classifica

tre punti per la vittoria, due per il pareggio, 1 per la sconfitta, 0 nel caso di forfait

Squadra G V N P P+ P- diff. PT
Italia Italia 4 4 0 0 220 62 +158 12
Georgia Georgia 4 3 0 1 74 60 +14 10
Croazia Croazia 4 2 0 2 105 90 +15 8
Russia Russia 4 1 0 3 85 92 -7 6
Danimarca Danimarca 4 0 0 4 26 206 -180 4



Girone B
13/9/1997 Rep. Ceca . Andorra 45 - 20 Praia
4/10/1997 Andorra . Germania 11 - 56 Andorra-la-Vella
18/10/1997 Germania . Rep. Ceca 31 - 17 Hanover
8/11/1997 Andorra . Spagna 3 - 62 Andorra-la-Vella
30/11/1997 Spagna . Rep. Ceca 39 - 8 Santander
4/4/1998 Portogallo . Germania 30 - 6 Lisbona
18/4/1998 Rep. Ceca . Portogallo 10 - 15 Praga
26/4/1998 Germania . Spagna 9 - 24 Heidelberg
9/5/1998 Spagna . Portogallo 33 - 22 Elche
30/5/1998 Portogallo . Andorra 53 - 11 Lousa
  • Classifica

tre punti per la vittoria, due per il pareggio, 1 per la sconfitta, 0 nel caso di forfait

Squadra G V N P P+ P- diff. PT
Spagna Spagna 4 4 0 0 158 42 +116 12
Portogallo Portogallo 4 3 0 1 120 60 +60 10
Germania Germania 4 2 0 2 102 82 +20 8
Rep. Ceca Rep. Ceca 4 1 0 3 80 105 -25 6
Andorra Andorra 4 0 0 4 45 216 -171 4




Girone C
4/10/1997 Belgio . Romania 18 - 83 Brussels
18/10/1997 Ucraina . Belgio 48 - 5 Kiev
26/10/1997 Paesi Bassi . Polonia 49 - 7 Amsterdam
1/11/1997 Paesi Bassi . Ucraina 35 - 13 Amsterdam
28/3/1998 Polonia . Belgio 30 - 10 Danzica
18/4/1998 Belgio . Paesi Bassi 16 - 19 Brussels
25/4/1998 Romania . Paesi Bassi 42 - 3 Bucharest
2/5/1998 Romania . Polonia 74 - 13 Bucharest
16/5/1998 Polonia . Ucraina 8 - 19 Mosir
30/5/1998 Ucraina . Romania 17 - 39 Kharkov

tre punti per la vittoria, due per il pareggio, 1 per la sconfitta, 0 nel caso di forfait

Squadra G V N P P+ P- diff. PT
Romania Romania 4 4 0 0 238 51 +187 12
Paesi Bassi Paesi Bassi 4 3 0 1 106 78 +78 10
Ucraina Ucraina 4 2 0 2 97 87 +10 8
Polonia Polonia 1 0 0 3 58 152 -94 6
Belgio Belgio 4 0 0 4 49 180 -131 4

3º turno[modifica | modifica sorgente]

Girone A[modifica | modifica sorgente]

Nel primo match, l'Irlanda non ha problemi contro la Georgia, che viene surclassata nettamente senza pietà[1]. In realtà, gli osservatori britannici non sanno che i georgiani hanno schierato una squadra piena di seconde scelte, risparmiando i giocatori per il match successivo, quello decisivo per la qualificazione contro la Romania. Match che sarà vinto dai Romeni di stretta misura.

Nel match finale (con entrambe le squadre qualificate) gli irlandesi, illusi dal primo match soffrono più del previsto contro i romeni...[2][3]

  • Risultati
Girone A
14/11/98 Irlanda . Georgia 70-0 Dublino
18/11/98 Romania . Georgia 27-23 Dublino
21/11/98 Irlanda . Romania 53-35 Dublino
  • Classifica
Squadra G V N P P+ P- diff. PT
Irlanda Irlanda 2 2 0 0 123 35 +88 4
Romania Romania 2 1 0 1 62 76 -14 2
Georgia Georgia 2 0 0 2 23 97 -74 0
  • Tabellini
Dublino
14 novembre 1998
Irlanda Irlanda 70 – 0 Georgia Georgia Lansdowne Road (8.000 spett.)
Arbitro Galles Robert Davies


Dublino
18 novembre 1998
Romania Romania 27 – 23 Georgia Georgia Lansdowne Road (1.500 spett.)
Arbitro Sudafrica Jonathan Kaplan


Dublino
21 novembre 1998
Irlanda Irlanda 53 – 35 Romania Romania Lansdowne Road
Arbitro Nuova Zelanda Paul Honiss

Girone B[modifica | modifica sorgente]

Nel primo match vengono sommersi da un Inghilterra troppo forte che realizza ben 16 mete.[4] Un risultato così pesante che il coach neozelandese della nazionale olandese dirà di essere contento di non aver raggiunto il record negativo di 145 subiti, appartenente dal 1995 al Giappone[5].

Poco meglio va contro l'Italia, che non riesce a far meglio degli inglesi, ma dà l'impressione di risparmairsi in vista del match finale. [6]. Da segnalare l'esordio di Mauro Bergamasco e Matthew Pini[7]

Le due squadre favorite giungono entrambe qualificate alla partita finale. Apparentemente si gioca dunque per l'onore e gli azzurri (che devono dimostrare di meritare l'ammissione al Sei Nazioni dal 2000) restano a lungo in partita e recriminano su alcune decisioni dell'arbitro francese Didier Menè, come una meta non concessa ad Alessandro Troncon.

Oltre il CT Woodward e giocatori inglesi, tirano un sospiro di sollievo gli organizzatori della Coppa del Mondo di rugby 1991. Una vittoria italiana avrebbe mandato gli inglesi a giocare lontano da Twickenham, perdendo lo "status" di testa di serie.[8][9]

  • Risultati
Girone 1
14/11/98 Inghilterra . Paesi Bassi 110-0 Huddersfield
18/11/98 Italia . Paesi Bassi 67-7 Huddersfield
21/11/98 Inghilterra . Italia 23-15 Huddersfield
  • Classifica
Squadra G V N P P+ P- diff. PT
Inghilterra Inghilterra 2 2 0 0 133 15 +118 4
Italia Italia 2 1 0 1 82 30 +52 2
Paesi Bassi Paesi Bassi 2 0 0 2 7 177 -170 0
  • Tabellini:
Huddersfield
14 novembre 1998
Inghilterra Inghilterra 110 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi McAlpine Stadium (9.000 spett.)
Arbitro Francia Roger Duhau

Huddersfield
18 novembre 1998
Italia Italia 67 – 7 Paesi Bassi Paesi Bassi McAlpine Stadium (3.000 spett.)
Arbitro Galles Patrick Thomas

Huddersfield
22 novembre 1998
Inghilterra Inghilterra 23 – 15 Italia Italia McAlpine Stadium (15.000 spett.)
Arbitro Francia Didier Menè

Girone C[modifica | modifica sorgente]

Una pura formalità per la Scozia questo girone di qualificazione alla coppa del Mondo.

Formalità pure snobbata, in quanto la federazione scozzese, decide di non assegnare il "cap", ossia la presenza ufficiale in nazionale ai giocatori impegnati. In effetti scendono in campo molte seconde linee

Sono dunque delle vere formalità questi due match contro Portogallo[10] e Spagna[11]

Assai più equilibrato il match tra Spagna e Portogallo, che consegna alla Spagna la sua prima qualificazione ai mondiali e relega il Portogallo agli spareggi intercontinentali.

  • Risultati:
Girone C
28/11/98 Scozia XV . Portogallo 85-11 Edimburgo
2/12/98 Spagna . Portogallo 21-17 Edimburgo
5/12/98 Scozia XV . Spagna 85-3 Edimburgo
  • Classifica
Squadra G V N P P+ P- diff. PT
Scozia Scozia 2 2 0 0 170 14 +156 4
Romania Romania 2 1 0 1 24 102 -78 2
Portogallo Portogallo 2 0 0 2 28 106 -78 0
Edimburgo
28 novembre 1998
Scozia XV Flag of Portugal.svg 85 – 11 Portogallo Murrayfield Stadium (6.000 spett.)
Arbitro Italia Giovanni Morandin


Edimburgo
2 dicembre 1998
Spagna Spagna 21 – 17 Portogallo Portogallo Murrayfield Stadium (1.000 spett.)
Arbitro Inghilterra STeve lander


Edimburgo
5 dicembre 1998
Scozia XV Flag of Scotland.svg 85 – 3 Flag of Spain.svg Spagna Murrayfield Stadium

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Gatland's Irish show no mercy in www.indipendent.co.uk, 23- 11- 1997.
  2. ^ (EN) Lacklustre Ireland fail to impress in www.indipendent.co.uk, 22- 11- 1997.
  3. ^ (EN) Romania jolt for laid-back Ireland in www.indipendent.co.uk, 23- 11- 1997.
  4. ^ (EN) Mismatch of the century in www.indipendent.co.uk, 15- 11- 1998.
  5. ^ (EN) Lost boys of Never Lands in www.indipendent.co.uk, 15- 11- 1998.
  6. ^ (EN) Stoica provides an early answer in www.indipendent.co.uk, 19- 11- 1998.
  7. ^ (EN) Italia, due vittorie in un giorno in Gazzetta dello sport, 19 - 11- 1998.
  8. ^ (EN) England choke on Italian recipe in www.indipendent.co.uk, 23- 11- 1998.
  9. ^ (EN) Italia ad un passo dall'impresa in Gazzetta dello sport, 23 - 11- 1998.
  10. ^ (EN) Mayer leads the romp in www.indipendent.co.uk, 29- 11- 1998.
  11. ^ (EN) Logan's five the high spot in www.indipendent.co.uk, 6- 12- 1998.
rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby