Coppa Warren

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un uomo barbuto pratica sesso anale con un giovane imberbe, particolare dalla coppa Warren, metà del I secolo a.C.
Un giovane imberbe copula con un bambino, altro particolare della coppa Warren

La coppa Warren è una coppa d'argento di età romana, unica nel suo genere, raffigurante due scene di atti omosessuali. Custodita al British Museum di Londra, è universalmente nota come un capolavoro artistico per la sua impressionante qualità. Deve il nome al suo moderno possessore, Edward Perry Warren.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il primo lato rappresenta un uomo (ovvero l'erastes, cioè l'attivo) che pratica sesso anale con un giovinetto (l'eromenos, ossia il passivo), il quale, nel rapporto, si sostiene ad una corda del soffitto. L'altro lato raffigura un giovane imberbe che copula tra le gambe di un bambino, a gambe divaricate sopra di lui, nella comune posizione detta "del missionario".

Entrambe le scene presentano un drappeggio tessile come sfondo, insieme a strumenti musicali (una lira e un aulos).

Autenticità[modifica | modifica sorgente]

In un articolo, pubblicato sul "Bollettino d'arte" del Ministero dei beni culturali, la studiosa Maria Teresa Marabini Moevs ha ipotizzato che l'opera sia un falso, prodotto in Italia all'inizio del Novecento per compiacere i gusti dell'acquirente[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "The conclusion reached in this study is that the object was conceived in the shrewd milieu of the Italian antiquities market, likely at the end of the nineteenth century, to satisfy the demand of a particular foreign clientele. It was executed by a very skillful artisan familiar with the linear forms of the Italian Liberty style, but ill at ease with the iconographic and stylistic models presented to him: Attic red-figured vases and Arretine ceramics, authentic and falsified, by the workshop of Perennius. The voyeuristic meaning attributed by scholars to the principal scene is an erroneous interpretation of an Alexandrian love epigram in the decorative repertory of the same workshop".

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maria Teresa Marabini Moevs, Per una storia del gusto: riconsiderazioni sul calice Warren, "Bollettino d'arte", CXLVI 2008, pp. 1-16.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]