Coordinazione motoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La coordinazione motoria è la capacità che permette di eseguire un qualsiasi movimento nella maniera più efficace.

Le capacità coordinative si distinguono in 2 grandi gruppi:

  • Le capacità coordinative di base
  • Le capacità coordinative specifiche

Le capacità coordinative di base[modifica | modifica wikitesto]

Le capacità coordinative generali sono costituite dalla capacità di apprendere un nuovo movimento, dalla capacità di controllare e regolare il movimento e dalla capacità di saper adattare e trasformare i movimenti che si sono appresi in base alle necessità.

Le capacità coordinative specifiche[modifica | modifica wikitesto]

Hanno come base capacita specifiche.Le capacità coordinative specifiche sono:

  • Capacità di accoppiamento e combinazione dei movimenti
  • Capacità di coordinazione oculo-muscolare
  • Capacità di differenziazione
  • Capacità di equilibrio
  • Capacità di orientamento
  • Capacità di ritmo
  • Capacità di reazione
  • Capacità di trasformazione

Capacità di accoppiamento e combinazione dei movimenti[modifica | modifica wikitesto]

È la capacità che permette di collegare tra loro delle abilità motorie già acquisite. Per esempio il ciclista coordina il movimento degli arti arti inferiori con gli arti superiori

Capacità di coordinazione oculo-muscolare[modifica | modifica wikitesto]

Per capacità di coordinazione oculo-muscolare, si intende la capacità del cervello di riuscire a compiere un movimento regolato da fattori esterni. Per esempio: quando un ciclista effettua una volata nel tentativo di vincerla, il suo cervello dosa la quantità di forza da impiegare per soddisfare lo sforzo in relazione alla distanza da effettuare.

Capacità di differenziazione[modifica | modifica wikitesto]

È la capacità di saper differenziare gli stimoli quando avvengono dei cambiamenti. Per esempio il ciclista deve saper percepire se sta pedalando in pianura o in salita per poi sapersi "orientare".

Capacità di equilibrio[modifica | modifica wikitesto]

L'equilibrio è la capacità di mantenere il corpo in una data posizione. Non esiste movimento in cui non sia coinvolto l'equilibrio che si divide in:

  • Statico: quando il corpo è fermo
  • Dinamico: quando il corpo è in movimento (cammina, corre, ecc)
  • Di volo: quando il corpo non è in appoggio né a terra, né su un attrezzo

Capacità di orientamento[modifica | modifica wikitesto]

È la capacità di muovere il corpo nello spazio e nel tempo. Per esempio il ciclista deve sapere se la gara in relazione all'ambiente che lo circonda, è prossima ad un tratto di strada in salita o in pianura.

Capacità di ritmo[modifica | modifica wikitesto]

È la capacità che permette di organizzare i movimenti in maniera che l'azione risulti il più fluida ed armoniosa possibile, ciò è dato da un corretto dosaggio di tempi ed intensità a ciascun movimento. In questa capacità rientra il "tempismo esecutivo" che è l'abilità di fare le cose nel momento adatto e nello spazio giusto.

Capacità di reazione[modifica | modifica wikitesto]

È la capacità di rispondere agli stimoli con l'azione motoria più rapida e meglio adeguata alle circostanze. Si differenzia in:

  • Semplice: quando gli stimoli sono previsti e conosciuti
  • Complessa: quando gli stimoli sono sconosciuti ed imprevedibili

Capacità di trasformazione[modifica | modifica wikitesto]

È la capacità di cambiare un'azione prefissata, ciò capita spesso negli sport come il calcio, in cui il difensore, ad una finta dell'attaccante, deve elaborare un altro piano di azione per giungere al suo scopo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]