Convoglio HX-84

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Convoglio HX-84
La corazzata tascabile tedesca Admiral Scheer ancorata a Gibilterra nel 1936
Data 5 novembre 1940
Luogo Oceano Atlantico
Esito Vittoria tedesca
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Perdite
1 Incrociatore ausiliario affondato
5 Mercantili affondati
1 Petroliera danneggiata
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

Il Convoglio HX-84 fu un convoglio navale Alleato, scortato dall'incrociatore ausiliario inglese HMS Jervis Bay, partito dal porto canadese di Halifax, nella Nuova Scozia, con destinazione Liverpool, ed attaccato il 5 novembre 1940 nell'Atlantico del nord dalla corazzata tascabile tedesca Admiral Scheer durante la seconda guerra mondiale. L'esito dello scontro tra l'unità della Kriegsmarine e la debole scorta, costituita da un unico mercantile armato, ed i mercantili componenti il convoglio, costituì un significativo successo di parte tedesca nella battaglia dell'Atlantico, nella cosiddetta guerra dei convogli.

I piani della Kriegsmarine[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi battaglia dell'Atlantico (1939-1945).

Nel settembre del 1940 il rinvio a tempo indeterminato dell'Operazione Leone Marino, ossia l'invasione dell'Inghilterra, aveva reso disponibili alcune unità di superficie che il Großadmiral Erich Raeder intese utilizzare per la caccia ai convogli Alleati, esse erano la corazzata tascabile Admiral Scheer, l'incrociatore pesante Admiral Hipper e i due incrociatori da battaglia Scharnhorst e Gneisenau, che avrebbero dovuto aggiungersi alle 6 navi corsare che già incrociavano nell'Oceano Atlantico e tra le quali si trovavano l'Atlantis, la Thor e la Pinguin[1].

L'attacco al convoglio[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 ottobre 1940 salpò da Halifax il convoglio HX-84[2]: esso era formato da 38 mercantili, disposti su 9 colonne, ed era scortato dall'incrociatore ausiliario HMS Jervis Bay[3], comandato dal capitano di vascello E. S. F. Fegen; lo stesso giorno, dal porto norvegese di Stavanger, prese il mare la corazzata tascabile tedesca Admiral Scheer, comandata dall'ammiraglio Theodor Krancke; quest'ultima, salpata il giorno 23 da Gotenhafen, riuscì, a causa del maltempo, a passare inosservata lo Stretto di Danimarca ed a fare il suo ingresso, il giorno 30, nell'Atlantico per la sua missione di caccia ai convogli Alleati.

Il mattino del 5 novembre il comandante tedesco, dopo essere stato informato dall'Abwehr della presenza di un convoglio sulla rotta che partiva da Halifax verso est, lanciò uno dei suoi ricognitori, l'idrovolante Arado Ar 196, che lo avvistò ad una distanza di circa tre ore di navigazione dal punto in cui si trovava la corazzata tedesca; egli dette subito ordine di fare rotta verso il convoglio ma alle 14.30 si imbatté nel mercantile Mopan che stava navigando isolato: furono sparate tre salve per fermarlo ed immediatamente l'equipaggio, senza lanciare il messaggio in codice di pericolo[4], abbandonò la nave che fu affondata poco dopo, mentre la corazzata tedesca avviava il recupero dei naufraghi, operazione che durò circa un'ora[5].

L'ammiraglio Theodor Krancke (a sinistra), comandante dell'Admiral Scheer, qui in un'immagine nel 1944

Intorno alle 17.00 l'Admiral Scheer avvistò il convoglio ed il capitano Fegen, a bordo della HMS Jervis Bay, identificò la corazzata tedesca poco dopo. Alle 18.00 fu dato il segnale di posto di combattimento[6], fu ordinato alle navi che componevano il convoglio: diradamento del convoglio alla massima velocità; i mercantili e le petroliere che sono in grado di farlo emettano cortine fumogene e fu data comunicazione all'Ammiragliato britannico: Jervis Bay attaccato da nave di linea nemica tipo Admiral Scheer a 52° 45' N - 32° 13' W. Il convoglio si sparpaglia[7]; il comandante inglese, conscio della minore potenza e della minore gittata dei suoi pezzi decise di attaccare la corazzata tedesca, allo scopo di sviare la sua attenzione dal convoglio indifeso, e, dopo avere sparato una salva che risultò corta, iniziò una manovra a zig zag ma la sua sorte era comunque segnata ed infatti poco dopo quattro salve provenienti dalla nave di linea tedesca, armata con cannoni da 280 mm, colpirono la Jervis Bay che, immobilizzato, prese fuoco ed affondò[8].

L'Admiral Scheer, liberatasi, ma allo stesso tempo ritardata, dall'azione disperata dell'incrociatore ausiliario inglese iniziò ad inseguire i mercantili indifesi affondandone cinque, il Maiden, il Trewellard, il Kenbame Head, il Beaverford ed il Fresno, uno dopo l'altro, più una petroliera, la San Demetrio, che, dopo avere preso fuoco ed essere stata abbandonata dall'equipaggio, fu, dopo l'allontanamento della corazzata tedesca, rimessa in condizioni di navigare dallo stesso equipaggio risalito a bordo[9], prima di sospendere l'inseguimento alle 20.40 a causa del sopraggiungere della notte.

[modifica | modifica wikitesto]

L'eroismo del capitano Fegen, che con la sua azione aveva ritardato il movimento della corazzata tedesca, salvò il convoglio da conseguenze sicuramente molto più tragiche ma l'Ammiragliato britannico intese comunque sospendere per una settimana le operazioni di approntamento delle navi mercantili, due convogli già salpati dal Canada per l'Inghilterra furono fatti rientrare ed convoglio successivo, l'HX-89, partì solo il 17 novembre; per alcuni mesi le autorità navali britanniche permisero molto raramente ai convogli di grosse dimensioni di partire senza essere scortati almeno da una corazzata o da due incrociatori, realizzando quelle che erano le intenzioni di Raeder, ossia "creare il massimo scompiglio possibile nei sistemi di rifornimento e nei convogli nemici"[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le 6 navi corsare, alla fine del mese di ottobre, avrebbero affondato 40 navi Alleate. V. AA.VV., Il terzo Reich, vol. Guerra sul Mare, 1993, H&W, pag. 72.
  2. ^ La sigla HX identificava i convogli provenienti da Halifax.
  3. ^ La classe cui apparteneva il Jervis Bay era quella cosiddetta AMC, ossia l'acronimo di Armed Merchant Cruiser (incrociatore armato mercantile).
  4. ^ Il segnale regolamentare di pericolo era composto dalle tre lettere R R R.
  5. ^ La Mopan era un cargo frigorifero e probabilmente, in assenza di un convoglio nelle vicinanze, una parte dell'equipaggio della Admiral Scheer avrebbe condotto la nave in Germania ma, per risparmiare tempo, Krancke decise di affondarla. V. Salmaggi e Pallavisini, La seconda guerra mondiale, 1989, Mondadori, pag. 79.
  6. ^ Il segnale di posto di combattimento sulle navi inglesi erano le due parole Action Station.
  7. ^ V. Léonce Peillard, La Battaglia dell'Atlantico, 1992, Mondadori, pag. 156.
  8. ^ Dei 254 componenti dell'equipaggio della Jervis Bay solo 56 vennero tratti in salvo nella notte dal mercantile svedese Stureholm ed al capitano Fegen, deceduto, fu assegnata la Victoria Cross alla memoria. V. Léonce Peillard, op. cit., pag. 156.
  9. ^ La San Demetrio sarà successivamente affondata il 17 marzo 1942 dall'U-404. V. Léonce Peillard, op. cit., pag. 158.
  10. ^ La crociera dell'Admiral Scheer proseguì e si concluse il 1º aprile 1941, con il rientro a Kiel, dopo 161 giorni di navigazione e l'affondamento o la cattura di 17 navi nemiche. V. AA.VV., op. cit., pag. 74.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Il terzo Reich, vol. Guerra sul Mare, 1993, H&W ISBN non esistente
  • Salmaggi e Pallavisini, La seconda guerra mondiale, 1989, Mondadori ISBN 88-04-39248-7
  • Léonce Peillard, La Battaglia dell'Atlantico, 1992, Mondadori ISBN 88-04-35906-4