Conversione interna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo processo chimico, vedi Conversione interna (chimica).

La conversione interna è un decadimento radioattivo nel quale un nucleo eccitato interagisce con un elettrone di uno degli orbitali atomici più bassi, causando l'emissione dell'elettrone dall'atomo. Quindi in un processo di conversione interna, un elettrone ad alta energia viene emesso dall'atomo radioattivo, ma senza che avvenga un decadimento beta. Poiché l'elettrone emesso non è il risultato di un vero decadimento beta, con conseguente trasformazione di un neutrone del nucleo in un protone, il numero atomico dell'elemento non cambia e perciò (come nel caso del decadimento gamma) non viene osservata nessuna trasmutazione da un elemento all'altro. Inoltre, diversamente da quanto accade nel decadimento beta, non viene emesso alcun neutrino. Si tratta perciò di un decadimento a due corpi: gli elettroni emessi per conversione interna non mostrano lo spettro continuo di quelli emessi nel decadimento beta (che è invece un decadimento a tre corpi) bensì uno spettro discreto, generalmente un singolo picco molto stretto.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica