Convenzione unica sugli stupefacenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La convenzione unica sugli stupefacenti del 1961 (in lingua inglese Single Convention on Narcotic Drugs) è un trattato internazionale che vieta la produzione e la fornitura di specifiche sostanze stupefacenti e di farmaci con effetti affini, eccetto che dietro licenza e per scopi specifici, come ad esempio cure mediche e di ricerca[1][2].

Il testo è stato approvato dalle Nazioni Unite ed è stato firmato da 183 paesi. È ufficialmente entrato in vigore l'8 agosto 1975[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ International Narcotics Control Board
  2. ^ United Nations Office on Drugs and Crime
  3. ^ Paesi aderenti

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]