Contropulsatore aortico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Contropulsatore aortico
Dscp Iab.JPG
Contropulsore aortico posizionato nell'aorta toracica
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 36.70
Sinonimi
IABP

Il contropulsatore aortico (o IABP, acronimo di Intra Aortic Balloon Pump) è un supporto meccanico per il ventricolo sinistro. Il supporto dispone di un catetere a palloncino posizionato nella aorta toracica discendente circa 1-2 cm al di sotto dell'origine dell'arteria succlavia sinistra. il principio di funzionamento prevede il palloncino gonfio durante la diastole e sgonfio durante la sistole.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il dispositivo è stato sperimentato al Grace Sinai Hospital di Detroit negli anni sessanta dal Dr. Adrian Kantrowitz e la sua équipe.[1] Il dispositivo è stato sviluppato per l'utilizzo in chirurgia cardiaca dal Dr. David Bregman nel 1976 presso il New York-Presbyterian Hospital di New York.[2]

Il primo impianto clinico è stato condotto al Maimonides Medical Center, Brooklyn, nel'ottobre 1967. Il paziente, una donna di 48 anni, in stato di shock cardiogeno e non rispondente alla terapia tradizionale. Il contropulsatore è stato inserito con un taglio verso il basso dell'arteria femorale sinistra. Il pompaggio è stata eseguito per circa 6 ore. Lo stato di shock si è risolto e la paziente è stata dimessa.

La dimensione del pallone originale era di 15 French, ma in seguito furono sviluppati palloni da 9 e 8 French.[3] Dal 1979, il posizionamento del palloncino è stato modificato utilizzando la tecnica di Seldinger.[3][4]

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Gonfiaggio
Il catetere a palloncino viene immediatamenete gonfiato dopo la chiusura della valvola aortica. Questo determina:

  1. incremento della pressione di perfusione coronarica
  2. incremento dell'ossigenazione coronarica e sistemica
  3. incremento della pressione periferica di perfusione
  4. abbassamento delle resistenze sistemiche
  5. aumento della funzionalità del ventricolo sinistro

Sgonfiaggio
Il catetere viene rapidamente sgonfiato immediatamente prima della sistole. Questo crea

  1. riduzione del carico cardiaco con conseguente riduzione del consumo di ossigeno da parte del miocardio
  2. riduzione della pressione di picco sistolica dovuta alla riduzione del lavoro del ventricolo
  3. aumento della gittata cardiaca
  4. aumento della frazione di eiezione

Il palloncino è realizzato in polietilene e riempito di elio. Il gonfiaggio aiuta a spostare rapidamente il sangue verso il bulbo aortico, facendo salire la pressione diastolica e il flusso coronarico. Lo sgonfiaggio deve essere velocissimo, un attimo prima della sistole, così che scenda la pressione ed il ventricolo sinistro, svuotandosi in un vaso libero, faccia crescere il volume sistolico e incrementi la portata cardiaca[5].

Indicazioni[modifica | modifica sorgente]

Le seguenti situazioni possono trarre beneficio da questo dispositivo:[6][1][7]

Controindicazioni[modifica | modifica sorgente]

Controindicazione assolute[modifica | modifica sorgente]

Le seguenti condizioni escludono in maniera assoluta i pazienti per il trattamento:[6][1][7]

Controindicazioni relative[modifica | modifica sorgente]

Le seguenti condizioni rendono sconsigliabile la terapia IABP, tranne che in circostanze urgenti:[6]

Complicanze[modifica | modifica sorgente]

Poiché il dispositivo è inserito nell'arteria femorale e nell'aorta, esso potrebbe provocare ischemia e sindrome compartimentale. La gamba è a più alto rischio di essere colpita da ischemia, se l'arteria femorale viene ostruita. Il posizionamento del palloncino troppo distale dall'arco aortico, può indurre occlusione dell'arteria renale e successiva insufficienza renale. Altre possibili complicanze sono l'embolia cerebrale durante l'inserimento, l'infezione, la dissezione dell'aorta o dell'arteria iliaca, la perforazione dell'arteria e la conseguente emorragia nel mediastino. Un eventuale guasto meccanico del palloncino può richiedere un intervento di chirurgia vascolare di emergenza per rimuoverlo.[6][1][7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Intra Aortic Balloon Pump (IABP) Counterpulsation mirror with better quality by P. J Overwalder, M.D., Department of Surgery, Division of Cardiac Surgery, University Hospital Graz, The Internet Journal of Thoracic and Cardiovascular Surgery. 1999. Volume 2 Number 2.
  2. ^ "NewYork-Presbyterian Heart 'Firsts'"
  3. ^ a b c http://www.rjmatthewsmd.com/Definitions/IABP_Counterpulsation.htm Intra Aortic Balloon Pump (IABP) Counterpulsation by P. J Overwalder, M.D.
  4. ^ Kantrowitz, A., Tjonneland, S., Freed, P.S., Phillips, S.J., Butner, A.N., Sherman, J.L., Jr.: Initial clinical experience with intra-aortic balloon pumping in cardiogenic shock. JAMA, 1968; 203(2):113-8
  5. ^ Contropulsore aortico (PDF), Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri. URL consultato il 15 novembre 2011.
  6. ^ a b c d Intensive Care Medicine by Irwin and Rippe
  7. ^ a b c Intra-aortic balloon pumping Department of Anaesthesia and Intensive Care of The Chinese University of Hong Kong
  8. ^ Usage of Intra-Aortic Balloon Pump in High Risk Coronary Artery Bypass Graft Surgery by K. Jai Shankar

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina