Contea di Giaffa e Ascalona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Contea di Giaffa ed Ascalona fu una della quattro signorie maggiori del regno crociato di Gerusalemme, secondo le cronache del giurista del XIII secolo Giovanni di Ibelin.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Saladino assalta Giaffa.

La città di Giaffa venne fortificata per volere di Goffredo di Buglione dopo la Prima Crociata nel 1100 e vanamente rivendicata da Dagoberto arcivescovo di Pisa, primo Patriarca Latino di Gerusalemme. Essa rimase parte del territorio del regno fino a quando non venne assegnata a Ugo di Le Puiset nel 1110.

Quando Ugo II di Le Puiset si ribellò a Folco di Gerusalemme nel 1134, la signoria venne divisa in vari possedimenti minori, mentre la città di Giaffa divenne dominio de re di Gerusalemme. Poco tempo dopo la città fu concessa in appannaggio al secondo figlio di Folco, Amalrico I. Quando nel 1153 il primogenito di Folco, Baldovino III conquistò la città di Ascalona, quest'ultima venne annessa al territorio di suo fratello minore Amalrico.

La signoria passò diverse volte sotto il diretto controllo della famiglia reale del Regno di Gerusalemme, quando i suoi legittimi titolari si univano in matrimonio con questi ultimi, fino a quando nel 1221 essa non venne affidata a Gualtieri IV di Brienne da suo zio, il re consorte del regno di Gerusalemme, Giovanni di Brienne.

Giaffa fu riconquistata da Saladino dopo la battaglia di Hattin nel 1187 e ripresa da Riccardo Cuor di Leone nel 1191.

Intorno al 1250 essa passò sotto il controllo della potente famiglia degli Ibelin, che la persero definitivamente a seguito della conquista di Giaffa da parte di Baybars nel 1268; rimase agli Ibelin solo il titolo nobiliare.

Lista dei Conti[modifica | modifica sorgente]

Conti di Giaffa[modifica | modifica sorgente]

Conti di Giaffa ed Ascalona[modifica | modifica sorgente]

Conti titolari[modifica | modifica sorgente]

Nel 1268 i musulmani riconquistarono la signoria e della Contea rimase solo il titolo

  • Giacomo di Ibelin (1268 - 1276)
  • Guido di Ibelin (1276 - 1304)
  • Ugo di Ibelin (1304 - 1349)
  • Baliano II di Ibelin (1349 - 1352)
  • Guido di Ibelin (c. 1352 - c. 1353)
  • Baliano di Ibelin (c. 1353 - c. 1365)
  • Giovanni di Ibelin (c. 1365 - c. 1367)
  • Maria di Ibelin (con Raniero le Petit) (c. 1367)
  • Florin (c. 1450)
  • Giacomo di Flory (1463)
  • Giovanni Perez Fabrice
  • Luigi Perez Fabrice
  • Georges Contaren
  • N. Contaren
  • Georges Contaren II (c. 1579)

Signorie vassalle della Contea di Giaffa ed Ascalona[modifica | modifica sorgente]

La Contea di Giaffa ed Ascalona contava alcune signorie vassalle:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Jonathan Simon Christopher Riley-Smith, The Feudal Nobility and the Kingdom of Jerusalem, 1174-1277, The Macmillan Press, 1973, ISBN 978-0-333-06379-8.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Crociate Portale Crociate: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Crociate