Conte di Ormond

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di James Butler, I duca di Ormond, di John Michael Wright, 1680.

Il titolo pari di Conte di Ormond e i relativi titoli duca di Ormonde e marchese di Ormonde hanno una storia lunga e complessa. Una contea di Ormond è stata creata tre volte nella Paria d'Irlanda. Era stata originariamente creata nel 1328 per James Butler. Il quinto conte è stato creato conte di Wiltshire (1449) nella paria d'Inghilterra, ma ne fu privato nel 1461 e le sue proprietà furono dichiarate decadute.

La contea di Ormond fu restituita al fratello minore, John Butler, il sesto conte. Il conte de facto, se non de iure a tutti gli effetti, Piers Butler, fu indotto a rinunciare ai suoi diritti al titolo nel 1528. Ciò ha agevolato la successiva assegnazione dei titoli di Ormond e Wiltshire a Thomas Boleyn, che era il padre di Anna Bolena. A quel tempo, Anna era l'amante del re Enrico VIII d'Inghilterra. Come nipote materno del VII conte, Thomas Boleyn aveva diritto al titolo. Attraverso sua figlia, Anna, era il nonno di Elisabetta I d'Inghilterra. Alla morte di Boleyn, questi possedimenti della seconda creazione si estinsero perché non aveva eredi maschi, dato che suo figlio George era stato giustiziato per tradimento.

Conti di Ormond, prima creazione (1328)[modifica | modifica wikitesto]

Conti di Ormond, seconda creazione (1529)[modifica | modifica wikitesto]

Conti di Ormond (1538)[modifica | modifica wikitesto]

Duchi di Ormonde (1661)[modifica | modifica wikitesto]

Marchesi di Ormonde (1816)[modifica | modifica wikitesto]

Marchesi di Ormonde (1825)[modifica | modifica wikitesto]